lunedì 30 marzo 2020

CCP Virus (COVID19) Test e situazione in Giappone


Molti si domandano perché il Giappone non è messo male come il resto del mondo?

Nel resto del mondo si chiede di ridurre il contatto umano.
il Giappone e` all` avanguardia rispetto a tutti, tra inchini e mascherine?

Sono stati salvati dal fatto di essere un paese di Michael Jackson asiatici?(Pedofili o germofobici decidete voi quale delle due caratteristiche appartiene al popolo Giapponese)

Dopo aver detto una serie di cazzate tanto per ridere diventiamo seri e guardiamo dei numeri che non tornano.

Perché in Giappone ci sono pochi casi?

A tal fine vorrei sottoporre alcuni dati riguardanti il corona virus, magari fra voi lettori c’è qualcuno più qualificato di me per analizzarli e può dare delucidazioni in sui dati.

Il sottoscritto lavorando con centri commerciali e il nostro caro amico Mamoru che lavora in ambito tecnico coi giapponesi vediamo come si muovono all'interno di grosse organizzazioni ed e' fonte di preoccupazione da cui li stimolo per fare ricerche in merito a questa epidemia che non esplode, a detta di molti, per l'igiene di questo popolo (mah).

Si dice che i dati di infetti e morti possano essere nascosti. Non so se e' vero, ma vedendo quante stronzate giornalistiche che circolano anche nel sol levante e non un ottimo record storico di gestione dei dati ufficiali un dubbio dentro resta.

La situazione dei test:

Il Giappone è molto indietro con i test.
Guardando i dati mondiali sui test ecco un estratto con alcuni paesi per il confronto (I dati li ho recuperati lunedì scorso quindi non sono aggiornati).

Country or territory
Total tests
Date
Australia
113615
20-Mar-20
Germany
167000
15-Mar-20
Italy
206886
20-Mar-20
Japan
30133
19-Mar-20
Spain
31230
18-Mar-20
United States – CDC samples tested
37646
14-Mar-20
United States
103,945
19-Mar-20
South Korea
316,664
20-Mar-20

Tralasciamo la Cina perché I numeri sono troppo falsati per essere considerati.
Si può subito notare che il Giappone è il Fanalino di coda della lista. Persino l` America gestita dal Arancia Gigante li ha sorpassati di 3 volte.
Si può capire che il Giappone non testa punto e basta, come fai ad essere sicuro che i non ci siano molti più casi?

Ora vi porto un esempio pratico di non test, una mia collega è tornata da Milano poco prima che si chiudesse tutto.
Ha visitato vari ospedali per chiedere di essere testata anche a pagamento ma nessun ospedale ha accettato. Non tornava da Wuhan e quindi non rientrava nei casi da investigare.

Primo pensate quanti turisti giapponesi rientrano qui e non vengono testati o messi in quarantena. Proprio la settimana scorsa una famiglia è stata fermata in rientro dall` Europa perché presentava una temperatura troppo alta. Invece di metterli in quarantena li hanno solo fatto il tampone e mandati a casa con i mezzi pubblici.
La figlia di 19 anni ha girato con amici ed è andata in luoghi pubblici pacificamente.
Cosa credete che sia successo 2 giorni dopo? Era positiva!!
Pero sembrerebbe che le persone più vicine a lei amici ecc. non siano ancora stati testati.

Ora per me interessante è vedere che l` Italia ha iniziato a investigare sulle morti di Polmonite avvenute nei mesi scorsi, si è già notato che i numeri erano in aumento.
Il nostro caro Mamoru aveva pensato alla cosa mesi fa quindi siamo andati a vederci alcuni dati del sol levante.

Chiariamo subito che sbattiamo il muso nella solita inefficienza informatica Giappone.
Sia perché burocraticamente sto paese sta nel medioevo e che gli ospedali non hanno un sistema centralizzato dei dati il recupero di informazioni odierne o aggiornate all` anno precedente è impossibile.

Siamo andati dunque a vederci i dati ufficiali:
I morti per polmonite in Giappone e li abbiamo confrontati con i dati Eurostat.
Di base in Giappone si MUORE di polmonite da 3 a 4 volte in più della media UE.

25 morti per 100mila abitanti in Europa contro i 75~100mila del Giappone negli ultimi anni.

Un abisso in termini anche di cifre assolute considerando i 120 milioni di abitanti qui. ovviamente influisce l’età media elevata, ma anche l’Italia è un paese vecchio e non aveva certi tassi di mortalità per polmonite.

È chiaro che se fino allo scorso anno morivano 100mila persone di polmonite e adesso "solo" 92mila, se a causa del corona virus ne morissero 8-10 mila ci sarebbe una fluttuazione nei dati ma non così apparente.

In un paese europeo, già solo passare alla metà del tasso per 100mila abitanti del Giappone farebbe schizzare i grafici in alto. perché' qui si moriva già TANTISSIMO di polmonite e, probabilmente, sono pure più attrezzati per smaltire tali morti o per accogliere tali malati. niente complotti nel senso stretto, semplice normale amministrazione che ignora un problema che, salvo esplosione pandemica sempre in agguato, non si vedrebbe.

Vi allego dei grafici presi da Eurostat (2014 un po' vecchi ma l’Italia era sotto media UE fino all'anno scorso) e del 厚労省 aggiornato agli anni recenti. non essendoci 死因月報 o almeno non avendoli trovati tocca stare sui dati annui.
Quelli di quest’anno se va bene si vedranno tra 2 anni... quando si spera sarà tutto finito.

La freccia blu sono le polmoniti in Giappone.



Notare invece che l` Italia è 13000.


Ma prima domanda che mi pongo è come mai i Giappone ci lasci le penne così facilmente?

Sara che vivono in dei frigoriferi di case quindi la possibilità di ammalarsi è più alta?

Sara che sono un popolo completamente sfasciato a livello di salute soprattutto gli anziani che venendo dalla generazione passata ha subito in prima persona i rischi dell` inquinamento degli anni 70-80?
Sara che è un paese in cui le malattie infettive la fanno da padrone, vedi tubercolosi e sifilide?
Sara che qui la capacita di diagnosi è disastrosa?

Esempio personale mia moglie ha una malattia rara e le polmoniti sono molto probabili. L` anno scorso è stata da cani e ha visitato 3 cliniche che dopo raggi ecc. l` hanno mandata a casa con qualche farmaco. Visto che era in condizioni pietose, quasi in fin di vita, mi metto a ricercare su internet foto simili alle lastre e sospetto la polmonite.
La trascino al Saint Mariana Hospital dove finalmente confermano la mia diagnosi e viene messa in ICU (terapia intensiva) per una settimana. Per la cronaca non sono un dottore ma ho fatto un lavoro migliore di tre idioti super pagati.

Vi posso portare decine di esempi personali di mala sanita qui.

Comunque chi se ne frega del motivo per cui hanno così tanti morti per polmoniti in passato.

Sta di fatto che se l` Italia si fermasse a 10000 morti e avesse fatto la furba evitatando ogni test come sta facendo il Giappone anche tentato di imboscare il dato nelle polmoniti tutti se ne sarebbero accordi al rilascio dei dati.

In Giappone invece evitando di testare anche post mortem.
PS. Si trovano decine di notizie in Giapponese dove persone avevano sintomi e non sono state testate fino al 5’ o 6’ ospedale. Oppure non sono mai stati testati.

Qui hanno una finestra di 10-15mila decessi che posso facilmente imboscare.

Se poi aggiungiamo che è stato un inverno estremamente mite sicuramente i numeri decesso per polmonite normale sono minori.

Come detto queste sono idee e dubbi che sorgono guardando i dati. Magari sono solo seghe mentali mie ma il dubbio c’è e questi dati vanno osservati seriamente e valutati come sta facendo l` Italia.

Nel prossimo post parleremo della situazione ospiedaliera giapponese che vi prometto non si presenta bene.

6 commenti:

  1. Luca, piacere rileggerti, grazie per il tuo punto di vista.
    ed

    RispondiElimina
  2. Non male come punto di riflessione..
    Dici che questo inizio lento possa essere correlato anche con le Olimpiadi? Un azione più o meno disperata nella iniziale speranza di non rimandarle?

    RispondiElimina
  3. Sei un piacere da leggere Luca! I tuoi post mi hanno dato un mare di informazioni utili, e una visione più terra terra e meno turistica del Giappone..grazie! A Novembre ero ad Osaka...mi avrebbe fatto tantissimo piacere bere un caffè insieme, ma pensavo fossi sparito definitivamente...spero al prossimo giro appena riaprono le frontiere. Scrivi ancora sul blog, non smettere!

    RispondiElimina
  4. Ciao Luca, é un piacere rivedere i tuoi post, ormai sono 10 anni che ti seguo!! Un Saluto

    RispondiElimina
  5. Mi fa molto piacere leggere di nuovo i tuoi post, tra le varie notizie che ho letto c'è quella di Sabrina bullaro morta di fibrosi cistica a Tokyo

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.