domenica 10 febbraio 2013

La saga del cablatore psicopatico

Tutti sono a riposo per tre giorni visto che lunedi e` vacanza ma il sottoscritto da scansafatiche italiano che e` ha deciso di organizzare la ricablatura dell` ufficio in un weekend lungo per non impattare sul lavoro degli altri.

Specifichiamo che mi sono preso una montagna di parole dai miei colleghi. Questo perche` il responsabile del personale che doveva informare tutti della necessaria pulizia delle scrivanie per evitare perdite di documenti deve avere problemi di lingua visto che non lo hanno capito.
(E` Giapponese)

Tutti incazzati perche dovevano inscatolare le loro cose, ha nessuno fotteva che mentro loro dovevano spendere 20 minuti della loro vita per inscatolare delle cose, io mi facessi il weekend lungo in ufficio dalle 7am alle 8pm.
Ai due che mi stanno piu sulle balle ho risposto la prossima volta te li faccio lavorare sotto i piedi cosi non rompi il cazzo.

Infatti il lavoro si e` reso necessario per colpa di questa situazione:

Cavi buttati a casaccio sotto il pavimento e powerline in rame semirigido buttato li a casaccio.
Lo dico sempre i Giappo fanno tutto figo davanti al cliente ma sotto fanno un casino stile bogota.
Inoltre la cablatura oltre ad essere Cat5 non era per singola utenza ma sotto ogni scrivania avevamo una serie di switch da quattro soldi che rallentavano la rete.

Ho fatto tirare dei binari per poter in futuro portare cavi dove servono senza dover aprire mezzo ufficio.



Ho fatto mettere un cavo portante con piu anime per poter ridurre al minimo lo spazio occupato e tutto in CAT6E.



Ho fatto mettere una porta per ogni utente e qualcuna aggiuntiva in ogni spazio comune:




Gli switch di piano erano dei merdosi MATSUSHITA non gestibili con policy, niente routing, niente VLAN, insomma delle merde ambulanti.

Ho piazzato due HP 2910 24 porte POE, uno e` per le linee che principali che devo restare in piedi in caso di rottura switch. Un secondario per le altre linee.
Il tutto in POE(Power over Ethernet) cosi da gestire le future linee telefoniche IP alimentando i telefoni direttamente dalla rete ethernet per evitare costosi alimentatori che si fregano una spina.

Il tutto collegato in modo rindondante per evitare problemi di linea.

Io mi domando sempre piu come cazzo e` diventato cosi rinomato il Giappone per la sua efficienza ma per fortuna gli operai mi hanno fatto capire il motivo, la manodopera e` la chiave.

Questi poveri bastardi sotto pagati hanno fatto un lavoro eccellente!!!
Ho cazziato un paio di volte i loro responsabili perche stava facendogli fare un cosa alla CDC ma appena ho detto cosa volevo loro lo hanno fatto a DOC.
Veloci, efficienti, ultra portettivi verso gli oggetti dell` ufficio.

Mi sa che queste persone che si spaccano la schiena (hanno fatto otto piani portando su i binari in acciao che ho chiesto passando per le scale) sono il motore di questo paese.

15 commenti:

  1. Ottime scelte per il ricablaggio rete! E per l'eventuale centralino VOIP hai gia' in mente una soluzione free o a pagamento ? Io in ufficio mi son installato e configurato un asterisk riciclando un server HP DL380 G4 con 2GB RAM 4 anni fa e mi fa da centralino/fax server/voicemail.

    Ciao

    RispondiElimina
  2. Non so perché ma il discorso sui lavoratori lo vedo anche molto Italiano.
    La vera risorsa sono proprio gli operai molto capaci che fanno esattamente quello che e come gli viene richiesto.
    Molto spesso, in diverse ditte, ho visto capoccioni impartire ordini e direttive senza nemmeno sapere o capire quello che avevano chiesto con i lavoratori che sapevano bene che era una boiata ma la facevano alla CDC per non avere poi problemi.
    Se va tutto così a put... penso sempre più che sia per colpa di una classe dirigente altamente impreparata e supponente.
    Chiaramente con i dovuti distinguo.
    Parola di (ora nuovamente) operaio.

    RispondiElimina
  3. Hai cablato tutto in gigabit?

    RispondiElimina
  4. Sto valutando asterisk anche io sei eletto consulente

    RispondiElimina
  5. Certo le porte sono gigabit

    RispondiElimina
  6. Infatti gli occhi dei dipendenti mi dicevano hai ragione ma sto cazzone ci ha ordinato cosi.

    RispondiElimina
  7. Andrea Marchioni11 febbraio 2013 05:36

    scusa ma da quando sei diventato cosi` stacanovista???a casa ti annoi???

    RispondiElimina
  8. Dalla serie: ad essere minchioni non sono gli operai ma i loro responsabili.

    RispondiElimina
  9. Ottimo lavoro! Preciso e pulito! Un grazie da parte di un Italiano, per via dell'immagine positiva che esporti di tutti noi.
    Una domanda: Siccome mi sembra di aver capito che sei come un capoccetto, sì insomma che hai voce in capitolo, mi chiedevo se mai tu pretendessi di far fare ai tuoi dipendenti quelle stronzate inutili tipo come quella di presentarsi mezz'ora prima per fare gli esercizi ginnici... O sono andato troppo fuori tema?
    P.S Dacci notizie anche della famiglia e del bambino! Ciao!

    RispondiElimina
  10. Neanche morto Guarda dal mio subalterno pretendo che usi l' inglese con me così si allena e evitiamo tutti e due i salamelecchi che ci sono tra capo e dipendente. I meeting neanche morto

    RispondiElimina
  11. Per la famiglia farò un post di aggiornamento

    RispondiElimina
  12. "Mi sa che queste persone che si spaccano la schiena (hanno fatto otto piani portando su i binari in acciao che ho chiesto passando per le scale) sono il motore di questo paese."
    Mi devi scusare, Luca, ma , prendendo per buono le tue parole, queste passerelle, ovvero queste guide passa-cavo , in semplice lamierino zincato , dello spessore di non più di un millimetro e della lunghezza di circa due metri, in totale tre, quattro pezzi? rappresenterebbero la "mole" maggiore dell'incombenza di questi " grandi lavoratori"? O bisogna sapere che la lunghezza dell'ufficio ammonta a centinaia e centinaia di decametri? Diccelo tu. Se le guide coprono una lunghezza di meno di dieci metri, e il peso totale di tale popo' di materiale è stimato attorno a quella magra decina ci chilogrammi., beh, risiamo l' col discorso din sempre... non trovi?

    Che ci sarà mai da osannare tanto, mi chiedo io. Sbaglio?


    Mah, stammi bene, e , se puoi, cerca di rimanere antro i parametri della "nostra specie". Ciao!

    RispondiElimina
  13. Ciao Luca, ho trovato il tuo blog che trovo molto interessante (per gli argomenti) e divertente (per come scrivi!)
    Ti posso chiedere un approfondimento sulla questione "psicologia" in Giappone? (se c'è già non l'ho ancora letto, sono arrivata al 2010!) Nel senso, la gente frequenta psicologi e psichiatri? Vedi, io soffro d'ansia e a volte ho bisogno di un certo tipo di aiuti, e dato che mi piacerebbe andare a vivere in Giappone, mi chiedevo come fosse la situazione! E poi anche l'altissimo numero di suicidi mi fa pensare...
    Grazie!

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.