mercoledì 17 aprile 2013

Mutui e case.

Come già annunciato sto cercando di comprare una casa qui a Tokyo.
Premetto che ho deciso per una casa perché qui come spese condominiali ladrano di più.
Le mie esigenze sono:
-Almeno 80mq
-Parcheggio per la macchina
-Orientamento a sud
-Ottima zona
-Parcheggio per la moto (questo è sempre un punto dolente)
Esempio pratico appartamento di dieci anni fa:
- costo 4498万円
- Metratura 83.42m2
- Stanze 3LDK
- Costi amministrazione condominiale mensile 13,100円
- Costi accessori mensili 7,000円 (piccole riparazioni condominiali)
- Parcheggio 12,000円

Dopo dieci anni potete scommettere le palle che il costo amministrazione/costi accessori sarà il doppio.


Questa volta voglio tenermi i soldini in banca perciò penso di optare per un finanziamento pieno + il rogito in contanti.
Scegliendo 35 anni il costo mensile per questo appartamento diventa 144,427円 il che è uguale al mio attuale affitto.
Ma come detto sopra ci sono i costi aggiuntivi delle spese condominiali+il parcheggio. Questi sono destinati sempre a salire ma facciamo finta che restino uguali.
Il che vuol dire che se pagassi il mutuo per 35anni mi troverei un bel 176,527円 mensili.
Se prendessi una casa e pagassi la stessa cifra mensile mi sarei fatto finanziare circa altro 5480万円 anzi che 4498万円.
Quindi a prendere un appartamento ci rimetto, pago per 35anni un mutuo e delle spese ove con gli stessi soldi avrei potuto farmi finanziare una casa. Inoltre finito i 35 anni, mi trovo una botta di costi condominiali che dovrò sempre pagare e che cresceranno a livelli stratosferici.
Con una casa invece so cosa spendo, sono libero di modificare come mi pare la casa e possiedo un pezzo di terreno.

Il problema è che ho 36 anni, sono straniero brutto e cattivo.
4498万円 forse me li danno mi dice uno dei venditori ma 5480万円 la vede dura.

Chiariamo che per le case singole si hanno dei mutui migliori con tassi dell’1.54%.

Il primo step è certificare che puoi avere il finanziamento che desideri e i limiti.
Presento all’immobiliare il certificato di reddito e il permesso di soggiorno, la certificazione della mia banca che non ho mutui o finanziamenti in corso, la lista delle mie proprietà (appartamento, macchina, moto, yacht, Ferrari, villa al mare....ok solo le prime tre sono vere.)
Penso minchia hanno finanziato un mio collega che piglia meno, ha 40 anni, e non ha proprietà.

Allora provo con la prima banca collegata ad un Immobiliare che in tempi record rifiuta il finanziamento mi offre un limite di 3000万円.
Fuck...
Proviamo con  la seconda banca, questi proprio non mi finanziano.

Proviamo con la terza e la quarta ma nisba...

Incomincio a preoccuparmi ma per fortuna qui interviene il mio CFO (chief financial officer) che ha lavorato per molte banche e conosce personaggi in alto.
Fa due chiamate a due banche importanti che avevano rifiutato il finanziamento, e in poco tempo tutte e due le banche accettano di finanziarmi per massimo 5200万円

Evviva!!!
Certo non ci fosse stato chi mi aiutava mica me li davano sti soldi.
Quindi solito punto straniero, anche se pieno di soldi con proprietà ecc vale meno come garanzie di un Giappo senza soldi più vecchio e senza proprietà.

Ora ho la certificazione e le immobiliari mi prendono sul serio.
Il problema è trovare la casa perfetta.

Vi parlerò del problema casa perfetta nel prossimo post.

27 commenti:

  1. Più che essere straniero, mi sa che il tuo problema è l'aver cambiato lavoro da meno di 3 anni.

    RispondiElimina
  2. Dici che si applica la regola dei tre anni anche per chi ha di proprieta una casa che vale la meta del mutuo? E che genera un affitto di quasi il valore del mutuo?
    PS. come ti procede ci becchiamo per una pizza?

    RispondiElimina
  3. Sto sempre più pensando che il Giappone sia una succursale dell'Italia tenuta meglio esteriormente.
    Cavolo ma anche lì se non hai gli agganci ti attacchi al tram?
    Magari però sanno veramente che sei brutto e cattivo e ti attacchi con i pulotti ed è per quello che non volevano finanziarti. LOL

    RispondiElimina
  4. magari era per quello. Maledetti pulizozzi.
    Probabilmente dopo mesi di tentativi avrei trovato una banca che mi dava 4000man ma la cosa mi ricorda molto quando feci la mia prima carta di credito.

    RispondiElimina
  5. Ma poi come funziona per comprare la casa? Puoi comprarla a nome tuo anche se sei straniero? Oppure la devi intestare alla moglie?
    Te lo chiedo perché parlavo con dei sudamericani che vivono in Giappone da molto e alcuni dicevano che avevano chiesto la cittadinanza giapponese solo perché altrimenti non potevano comprare casa. Dici che è così o è una balla?
    O magari per gli stranieri c'è una procedura diversa, tipo che devono prima possedere una sorta di srl fittizia e poi comprare la casa a nome dell'srl?

    RispondiElimina
  6. Guarda 10 anni fa avevo sentito la stessa cosa. Ma in realta non ci sono restrizioni, la mia casa di takarazuka e` intestata a mia moglie perche essendo a 100 metri da un terreno militare in questo caso e` soggetta a limitazioni.
    Ma ci sono stranieri anche non residenti in giappone che comprano un po come i ricconi cinesi che si stanno comprando tokyo, proprio ieri un grosso manager di una ditta americana si e` trovato al rinnovo del contratto l` affitto maggiorato. Sta in una penthouse a Roppongi 40esimo piano 600mq di appartamento. Costo 600man al mese, un cinese ha comprato l` appartamento e al rinnovo ne vuole 800 o fuori dalle palle.
    Minchia anche io voglio un stipendio che mi permetta di pagare 600man di affitto.

    RispondiElimina
  7. ...
    minchia che stronzi '-.-
    e se il tuo CFO non ti avesse aiutato??
    questo è il lato che mi piace meno dei giapponesi. questa assurda diffidenza spesso immotivata. roba da da prenderli a sberle, a volte

    RispondiElimina
  8. Propabilmente avrei trovato una banca dopo mesi ma avrei perso decine di opportunita su case interessanti

    RispondiElimina
  9. charlesedgwick24 aprile 2013 19:43

    Ciao Luca,
    ci siamo sentiti in passato per il post sulla droga in Giappone (sono quello del racconto) e sarei decisamente interessato al discorso mutui e case. Noi abbiamo appena acquistato una casa in Italia che finiremo di pagare in cinque anni. Nel frattempo stiamo prendendo in considerazione l'idea di acquistare una casa in Giappone. Premetto che sono un tipo che punta sempre in alto per non cadere in basso, ho un sogno un po' banalotto (sono consapevole), ma che vorrei realizzare in futuro: acquistare una casa in un grattacielo. Tempo fa per gioco andammo a visitare due grattacieli gemelli in costruzione a Takarazuka e i prezzi erano decisamente ragionevoli. Per noi sarebbe una seconda casa, un investimento per nostra figlia e un piccolo rifugio dove tornare l'estate, e finché si tratta di acquistare (si parla tra 10 anni perché vorrei pagarla in contanti) per noi non sarebbe neanche un problema. Ciò che mi preoccupa sono quelle che tu consideri ladrate, ovvero le varie spese condominiali e tasse varie. So che hai poco tempo a disposizione, ma mi piacerebbe parlarne con te. Casomai ci si può vedere anche a Tokyo questo luglio. Cerco opinioni realiste e faccio un po' fatica con le mie conoscenze giapponesi...

    RispondiElimina
  10. charlesedgwick24 aprile 2013 19:48

    Il Giappone è assolutamente come lo descrivi.
    La differenza tra Italia e Giappone è che gli italiani parlano male del loro paese e i giapponesi no.
    Per il resto abbiamo più o meno gli stessi problemi.

    RispondiElimina
  11. hai centrato il punto in pieno^^
    e` la stessa cosa che dico sempre pure io.

    RispondiElimina
  12. Uberto Barbini27 aprile 2013 21:49

    Pensavo Tokyo costasse di piu', di che zona circa stiamo parlando? Io ho pagato lo stesso circa per una casetta a east London (limite zona 2)

    RispondiElimina
  13. Piccolo OT:

    http://www.youtube.com/watch?v=zoS8tiPsW0c

    Ma tutta la polizia giapponese è così? O questa è solo la polizia che lavora solo in metropolitana? Oppure è la sicurezza?

    RispondiElimina
  14. Paragone interessante, ne riparliamo quando vado nel dettaglio dei prezzi e delle ragioni per i differenti costi?

    RispondiElimina
  15. Anche se non amo i paragoni, quoto. Il blog parla di questo.

    RispondiElimina
  16. Becchiamoci quando sei giu

    RispondiElimina
  17. E` la polizia,Uno dei tanti esempi, comunque il tipo si agitava troppo e ha rischiato grosso. Comunque bellissimo il Bye Bye....

    RispondiElimina
  18. una volta lo facevo ma lavoravo per ditte giapponesi che nel quale si faceva finta di lavorare. ora sono sotto gli italiani e si sgobba.

    RispondiElimina
  19. Salve Luca molto piacere mi chiamo Alessandro ho 18 anni, sono nato a Biella in Piemonte, sono vissuto in Brasile per la mamma brasiliana e a Roma e conosco l'italiano, il francese, il portoghese (fino a qua tutti a livello madrelingua), l'inglese per adesso livello scuola ma sto facendo le certificazioni Cambridge (ho già il pet e sto per ottenere il first) e in futuro conoscerò il giapponese. Le illustro il perché la contatto: io ho una passione sfrenata per il Giappone, ammetto che uno dei motivi è la passione per anime e manga, ma principalmente perché il Giappone è l'unico paese che mi appassiona, che mi affascina anche vedendo le strade comuni dove lei passa per andare al lavoro. Il mio più grande sogno è quello di poter vivere in Giappone e lavorare in modo da avere un visto che mi permetta di starci senza problemi, ovviamente mi piacerebbe fare anche famiglia, le volevo chiedere quali sono le opportunità lavorative nel campo dell'ingegneria? Glielo chiedo perché ho in programma di finire le superiori, Istituto Tecnico Industriale Statale indirizzo Elettronica e Telecomunicazioni e di fare l'Accademia Militare di Modena in modo da ottenere una laurea magistrale in campo militare in ingegneria informatica o elettrotecnica o meccanica o in telecomunucazioni, quella che mi offre maggiori possibilità. Secondo lei riuscirei a trovare lavoro come ingegnere con un curriculum di questo genere ovviamente che sarà ampliato in futuro? Per adesso avrei pensato di lavorare fino ai 35, 40 anni in modo da mettermi qualcosa da parte per potermi trasferire. Ecco le ho illustrato tutto, se lei ha qualche consiglio da darmi accetto volentieri, aspetto la sua risposta e la ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
  20. Salve Luca molto piacere mi chiamo Alessandro ho 18 anni, sono nato a Biella in Piemonte, sono vissuto in Brasile per la mamma brasiliana e a Roma e conosco l'italiano, il francese, il portoghese (fino a qua tutti a livello madrelingua), l'inglese per adesso livello scuola ma sto facendo le certificazioni Cambridge (ho già il pet e sto per ottenere il first) e in futuro conoscerò il giapponese. Le illustro il perché la contatto: io ho una passione sfrenata per il Giappone, ammetto che uno dei motivi è la passione per anime e manga, ma principalmente perché il Giappone è l'unico paese che mi appassiona, che mi affascina anche vedendo le strade comuni dove lei passa per andare al lavoro. Il mio più grande sogno è quello di poter vivere in Giappone e lavorare in modo da avere un visto che mi permetta di starci senza problemi, ovviamente mi piacerebbe fare anche famiglia, le volevo chiedere quali sono le opportunità lavorative nel campo dell'ingegneria? Glielo chiedo perché ho in programma di finire le superiori, Istituto Tecnico Industriale Statale indirizzo Elettronica e Telecomunicazioni e di fare l'Accademia Militare di Modena in modo da ottenere una laurea magistrale in campo militare in ingegneria informatica o elettrotecnica o meccanica o in telecomunucazioni, quella che mi offre maggiori possibilità. Secondo lei riuscirei a trovare lavoro come ingegnere con un curriculum di questo genere ovviamente che sarà ampliato in futuro? Per adesso avrei pensato di lavorare fino ai 35, 40 anni in modo da mettermi qualcosa da parte per potermi trasferire. Ecco le ho illustrato tutto, se lei ha qualche consiglio da darmi accetto volentieri, aspetto la sua risposta e la ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
  21. Ops ho postato due volte la stessa cosa...

    RispondiElimina
  22. Aspetto con fervore il post sulla casa perfetta, mi interessa la tua opinione!

    RispondiElimina
  23. nel mio viaggio in italia avro molto tempo libero la sera per scrivere lavorero sul post

    RispondiElimina
  24. Prestito proposto tra particolare

    Ciao Signora / Sir; Ammetto prestiti a qualsiasi persona in cerca di assistenza finanziaria. Si tratta di un prestito tra particolare personale con condizioni molto semplici. Il mio tasso di interesse per tutta la durata del prestito è del 3% e il rimborso è mensile. Se ogni volta che sono interessati, in contatto con me attraverso la mia e-mail: rouliodiego@outlook.it

    RispondiElimina
  25. Prestito proposto tra particolare...

    Ciao Signora / Sir; Ammetto prestiti a qualsiasi persona in cerca di assistenza finanziaria. Si tratta di un prestito tra particolare personale con condizioni molto semplici. Il mio tasso di interesse per tutta la durata del prestito è del 3% e il rimborso è mensile. Se ogni volta che sono interessati, in contatto con me attraverso la mia e-mail: rouliodiego@outlook.it

    RispondiElimina
  26. Prestito proposto tra particolare..

    Ciao Signora / Sir; Ammetto prestiti a qualsiasi persona in cerca di assistenza finanziaria. Si tratta di un prestito tra particolare personale con condizioni molto semplici. Il mio tasso di interesse per tutta la durata del prestito è del 3% e il rimborso è mensile. Se ogni volta che sono interessati, in contatto con me attraverso la mia e-mail: rouliodiego@outlook.it

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.