martedì 1 novembre 2011

Multarelle e polizia

Questo blog e` stato accusato di Razzismo, maleducazione, promozione della criminalità, violenza verbale e fisica, fascismo, dittatura ecc.

Quindi proverò a fare un post senza imprecare.

Qualche giorno prima che il blog fosse marchiato come Criminale ho avuto due esperienze interessanti. Ve le racconterò in due post.

Per la prima volta da quando lavoro in questa ditta ho preso un permesso e sono uscito alle 5 del pomeriggio invece che alle 9-10 di sera.
Dovevo riordinare la casa per l` arrivo del pargolo.

Per la prima volta ho percorso la statale 246 prima delle 19.30, che cosa cambia su quella strada prima delle 19?
Semplice come avete visto nel video vi e` una corsia che dalle 5pm alle 7pm viene dedicata agli autobus.
In tutto questo periodo a Tokyo non avevo mai percorso quella strada negli orari di divieto e mi sono dimenticato della cosa.

Il risultato non e` stato piacevole per la mia patente e per il mio portafoglio, infatti all` altezza di Sangengaya un posto di blocco mi ha fermato.
Se fossi una persona malvagia e visto che:
-Erano davanti ad combini.
-In borsa avevo tre bollette da pagare.
-L` infrazione consiste nel aver percorso il percorso dell` autobus per Più di 38 metri senza l` intento di girare in una laterale o in un edificio. Aggiungo che vista la polizia sono rientrato nella linea centrale per evitarla.

Avrei potuto inventarmi una scusa abbastanza efficace che forse mi avrebbe permesso di evitare la multa.
Avrei potuto dire che era mia intenzione fermarmi a quel combini per pagare le bollette ma visto che c`era la polizia sono rientrato dopo aver percorso un pezzo di corsia dell` autobus con l` intento di fermarmi ma alla vista della polizia mi sono preoccupato utilizzare il poco spazio che avevano e magari di essere multato per divieto di sosta (tecnicamente mollare la moto davanti a un combini con solo il marciapiede e` divieto di sosta). (Lo ammetto sono sadomasochista ho provato la cosa al successivo posto di blocco ed ha funzionato. Mi hanno detto di proseguire perché fermandomi li avrei preso una multa per divieto di sosta).

Invece al primo posto di blocco ho educamente cercato di spiegare la mia dimenticanza in fondo e` una regola ha tempo, ed in questo incontro ho avuto la possibilita` di conversare educatamente con il poliziotto che mi aveva fermato. Devo dire un ragazzo a modo ed estremamente educato infatti mentre attendevo il controllo ho espresso educatamente il mio disappunto sulla tipologia di fermo e la metodologia utilizzata.
-Il poliziotto stesso ha ammesso che oggi il suo mandato era fare multe per solo quella specifica cosa.
-Dopo aver fatto notare al poliziotto che vi erano decine e decine di macchine sulla terza corsia che sfrecciavano ben oltre il limite di velocita`, oppure le moto che zizzagavano a 90km\h nel traffico oppure ancora la maggior parte delle moto con targhe modificate. Lo stesso agente mi ha detto che non era il bersaglio del giorno.
-Dopo aver fatto notare tutte le macchine in divieto di sosta sulla corsia degli autobus visibilissime anche se ad una distanza irrisoria dal blocco mi ha sempre risposto che non era il compito del giorno.

Poi ho sempre educatamente fatto notare che loro erano in tre sul lato sinistro della strada a multare i veicoli ma a lato della terza corsia in centro strada vi erano quattro poliziotti in moto pronti a partire e chiesi a cosa servissero e la sua risposta fu semplicissima "sono li pronti a partire se automobilista sfugge al blocco per divieto di passaggio sulla corsia degli autobus"

Qui cito le sue parole testuali "Signore  mi dispiace multarla lei e` molto educato non mi capita spesso di avere un automobilista/Motociclista che non urla e offende per questo tipo di contravvenzione, capisco che non e` soddisfatto del nostro lavoro visto che ci accaniamo contro crimini minori. Anche io sono un guidatore e penso che sia una cosa inutile ma il mio lavoro e` questo scusi, dal cuore le chiedo scusa ma non posso chiudere un occhio"

Mentre noi parlavamo il suo collega poverino era indaffarato con un altro scooterista giapponese che imprecava e urlava contro il poliziotto.
Io risposi "Ho fatto un violazione e in questo caso anche se stupida devo prendermi le mie responsabilita`, ho sbagliato e pago ma una domanda la voglio ancora fare "La gente vi può offendere cosi gratuitamente? non e` offesa ad un pubblico ufficiale?"

La sua risposta fu "no non lo e`" ma prendo questa risposta con le pinze visto gli avvenimenti successivi.

In questa disavventura e` successa una cosa incredibile volontariamente e senza fare storie ho esibito la mia ARC. (lo so devo fare il post datemi tempo)
Semplicemente sulla patente c`e` ancora la residenza vecchia residenza e questa volta avendo fatto un  infrazione il dato sulla patente essendo errato non era valido per cui immediatamente mi sono scusato e ho estratto l` ARC.

Qui ho deciso di usare la situazione per avere un informazione utile.
-"Scusi agente visto che ho davanti qualcuno del settore, mi sa dire dove e` la motorizzazione della mia zona?"
La suo risposta fu:
-"Mi dispiace signore io sono in forza alla polizia di Tokyo lei risiede a Kawasaki non posso aiutarla non lo so".

Ora non fate i criticoni per favore il poliziotto lavorava a Tokyo e tutto ciò che e` adiacente non compete.

Comunque ho trovato un video interessante che fa capire la dedizione al compito assegnato.


Come potete vedere questo poliziotto sta avendo a che fare con un maleducatissimo criminale straniero che non collabora. Si prodiga in domande molto importanti per stabilire il crimine che stava compiendo. Ma qualcosa interrompe il suo importante compito. Un boato derivato da un incidente poco distante disturba il suo compito ma la dedizione vince. Il poliziotto non molla il pericoloso criminale straniero e procede nel suo compito.

36 commenti:

  1. Luca da Yokohama1 novembre 2011 10:17

    Hai visto che avevo ragione a "redarguirti" per il tuo comportamento sopra le righe? Il Giappone non è un paradiso, e i giapponesi non sono angeli, ma se li descrivi come demoni e ci abiti accanto, è solo questione di tempo e piomberai nell'inferno, o ti metterai in casini più grandi di te. Hai sbagliato con le strisce e hai pagato (mi dispiace perché era meglio usare quei soldi per il tuo piccolo) ma puoi migliorare se vuoi sfruttando questa vicenda. Mi dispiace averti insultato, non era contro la tua persona, era contro il tuo comportamento o meglio contro la tua rappresentazione letteraria di esso, e anche contro la claque che non ti diceva nulla, mentre eri tu a rischiare la "vita". Quel povero poliziotto che è stato mandato col compito specifico di fare le multe a chi percorre la corsia degli autobus quanta pazienza deve avere per assorbire tutte le contumelie di automobilisti giapponesi maleducati? Prova a metterti nei suoi panni? Ma se non lo avessero mandato il Giappone sarebbe incasinato come molte strade italiane. Per fortuna tua e nostra di italiani in Giappone, alcuni giorni fa un Italiano Educatissimo (una brava persona di grandi qualità) ha parlato con lui rispettandolo come individuo (forse nella sua vita solo il Mastro di ceramica lo aveva fatto prima). Mi illudo di credere che questo buon comportamento ha generato istanti di buona vita per te e per lui, che hanno cambiato un pochino il corso degli avvenimenti futuri (speriamo in bene, anche se non è detto, tu sei responsabile anche che il bene generi bene, perché purtroppo non è automatico). Siamo tutti vittime di un sistema disumano più grande di noi. Possiamo scegliere di beccarci fra di noi (come i capponi di Renzo Tramaglino, oppure sognare di passare dalla parte degli aguzzini) oppure possiamo fare buon viso a cattivo gioco, e lottare per migliorare la nostra esperienza di vita con gli altri e con noi stessi. E' dominio del nostro Libero Arbitrio. Chi è più capace in questo compito ne godrà di più, e di più ne farà godere. Un mio indimenticato capo padovano alle mie lamentele verso il comportamento di altri colleghi, mi rispondeva "Chi ha più cervello, lo usi". Quando perdonerai i miei insulti scrivilo nel blog e avrò piacere di mangiare un pizza a Tokyo con mio nuovo amico ... e naturalmente porgerò la guancia per ricevere il tuo pugno, visto che sarò io ad essere in torto.

    RispondiElimina
  2. Luca da Yokohama1 novembre 2011 10:25

    "Signore mi dispiace multarla lei e` molto educato non mi capita spesso di avere un automobilista/Motociclista che non urla e offende per questo tipo di contravvenzione, capisco che non e` soddisfatto del nostro lavoro visto che ci accaniamo contro crimini minori. Anche io sono un guidatore e penso che sia una cosa inutile ma il mio lavoro e` questo scusi, dal cuore le chiedo scusa ma non posso chiudere un occhio"

    Vorrei essere come questa persona speciale ... spero di diventarlo ... Per questo adoro i Giapponesi, così come adoro gli esseri umani.

    RispondiElimina
  3. che cosa odiosa guidare =___= di riffe o di raffe ci sono sempre grane

    RispondiElimina
  4. "Vorrei essere come questa persona speciale ... spero di diventarlo ... Per questo adoro i Giapponesi, così come adoro gli esseri umani."

    ...uhm....

    A.

    RispondiElimina
  5. Un paio di cosine:
    1. devi chiedere il permesso per uscire alle 5 invece delle 9?!

    2. ma il poliziotto sponsorizzato ASICS... riporta pari pari le parole che sente alla radio?! Usano il cervello ogni tanto i poliziotti?! Sto leggendo 1Q84 e anche lì la polizia non è descritta benissimo... ma visto il sentimento comune, perché non fanno qualcosa per migliorare 'sti scartini di polizia che hanno?!

    RispondiElimina
  6. Ma ancora a litigare con la pula stai ?? :)
    Secondo me ti manca il contatto umano con la divisa :P Cerchi a livello subcosciente l'autorità che ti metta in riga una volta per tutte...
    Mi sa che il tuo ultimo passo prima di cadere nel baratro sarà quello di arruolare il pargolo :D

    RispondiElimina
  7. Voglio spezzare un grosso ramo d'ulivo per Luca da Yokohama che si merita un grandissimo applauso.
    Ora grazie a te l'Italia e l'italianità è salva nella mente di tutti i giapponesi e non rischiamo più di fare tutti brutta figura.
    Era da anni che non beccavo più artisti del trolling così bravi e prolifici come te.
    Grazie!

    RispondiElimina
  8. Hai preso una multa e ti ha roduto (come avrebbe potuto roderti ugualmente in Italia) e allora?
    Anche in Italia c'è gente, prendi gli ausiliari del traffico per esempio, che può fare multe solo per non aver pagato il parcheggio a pagamento e se lì intorno c'è qualcuno a 120km/h in testa coda non possono fare niente.
    Siamo poi così diversi?
    Anzi, no, so in cosa siamo diversi: nel pensare sempre che noi siamo speciali e quindi con le giustificazioni del caso, le condizioni particolari, la buona condotta quotidiana (vedi "Per la prima volta da quando lavoro in questa ditta ho preso un permesso") non ci sembra proprio giusto venire "puniti" come tutti gli altri (delinquenti).
    Noi siamo buoni, siamo giusti, siamo bravi.

    RispondiElimina
  9. Liz acidella? Luca ha spiegato solo a noi la ragione percui si trovava li e il motivo della sua dimenticanza. Tu parli di ausiliari lui di shirobai una delle élite nella pula giapponese capisci la differenza di grado? Perché sprecare quei pochi poliziotti che sanno fare un inseguimentoper un compito così stupido?

    RispondiElimina
  10. mmh.. suona un po' come a scuola:
    (maestra): Gino perché non hai fatto i compiti?
    (Gino): e lei, allora, ha un dito nel naso!
    sono solo stanca di sentir dire che noi italioti siamo i "mejo der cucuzzaro", invece di imparare da una cultura che potrebbe arricchirci molto.

    RispondiElimina
  11. @liz
    Avendoci parlato prima che postasse qui sul blog, ti confermo che luca ha fatto quell'affermazione per contestualizzare l'accaduto, mica per giustificarsi.
    Al contrario di quello che hanno fermato in sua presenza che di mise ad urlare.

    Poi sei libera di pensarla come voi, ma per cortesia, non mettere in bocca ad altri pensieri che non loro.

    RispondiElimina
  12. "sono solo stanca di sentir dire che noi italioti siamo i "mejo der cucuzzaro", invece di imparare da una cultura che potrebbe arricchirci molto."

    ...uhm....

    A.

    RispondiElimina
  13. @liz Il campanile non migliora la cornacchia.

    RispondiElimina
  14. @Luc de Yokoham L'innamorato dice tante cose senza parlare. L'astioso parla tanto e non dice niente.

    RispondiElimina
  15. Luca da Yokohama3 novembre 2011 20:04

    @Anonimo. Il saccente legge apparente - mente

    RispondiElimina
  16. @Luc de Yok Il creder di saper ribadire convince lo stolto d'aver intelletto.

    RispondiElimina
  17. @tutti Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino

    RispondiElimina
  18. Qualcuno sta guardando il video?
    Cosa ne pensate?

    Xliz
    Ti ha risposto gia` l`anonimo perfettamente.
    Stavo solo spiegando perche mi trovavo su quella strada a quell` ora.
    Cribbio anche se faccio un post moderato qualcuno rompe?

    Tu parli di ausiliari, gli ausiliari possono fare inseguimenti? Possono fare arresti?
    O possono solo fare multe alle macchine in divieto di sosta?

    Capisci la differenza vero? Gli shirobai sono come detto dall` anonimo l`elite giapponese nella polizia, passano il tempo in caserma a fare allenamenti di guida. Sono gli unici che sanno guidare.
    E tu li metti a fare le multe per una violazione che poteva fare il poliziotto in motorino o in bicicletta?

    RispondiElimina
  19. Rispondo agli altri piu tardi intanto arriva il nuovo post.

    RispondiElimina
  20. Mia moglie ti fa i complimenti per l'ottimo intercalare. Le e' anche piaciuto come e' andato in imbarazzo mentre veniva incalzato.

    A.

    RispondiElimina
  21. x Luca da Osaka (ora in Tokyo)

    Oh, ho capito male....sorry...pero' se il tizio e' straniero lo parla piuttosto bene, chiunque sia.

    A.

    RispondiElimina
  22. Luca da Yokohama4 novembre 2011 16:34

    @Anonimo Chi di epigramma ...

    RispondiElimina
  23. Scusate, ma come fate ad essere sicuri che l'interlocutore del poliziotto sia uno straniero?

    G.

    RispondiElimina
  24. Perche il poliziotto chiede arc la carta di identita per stranieri I giapponesi non ce l' hanno.

    RispondiElimina
  25. Come è già stato spiegato:E' per il fatto che il poliziotto chiede la "Alieno/a- Registrazione-Carta=A.R.C

    Tutti i non-Giapponesi(le persone comuni*),anche se residenti di lungo corso, sono obbligati a portare appresso il documento atto a riconoscerne la posizione nell'ambito della società.Essere sprovvisti anche momentaneamente di tale carta è reato.Dimenticanze non sono concepibili e il problema si fa serio se il dimenticone non si china di diversi gradi e per diverse volte,supplicando il poliziotto di cercare di comprendere che è una dimenticanza e la carta è a casa.

    Tale strumento non è imposto ai cittadini giapponesi e pertanto riconoscere la di questi posizione nell'ambito della società risulta ben arduo:Si fa affidamento su altri strumenti,quando ci sono.E non sempre ci sono.
    Tuttavia in Giappone esistono altre tipologie per individuare(e discriminare) specifiche schiatte all'interno del Paese( "Tokushu Buraku Chimei Soukan" come esempio.
    Ma basta fare una piccola indagine sul Web per rendersi conto che tutto sommato siamo messi meglio di tanti con questa ARC)).
    In italiano si parlerebbe piuttosto di "identificare" invece che "registrare(registrazione) (di) Alieno(altra persona).Infatti non è errato del tutto ,mettendosi nei panni di un Giapponese,intravedere nell'espatriato(antropologicamente molto diverso dal modello mongoloide)un essere "altro"(alieno quindi).
    Visto da questo punto di vista a me non va bene che si veda insistentemente un aspetto "alieno" nei tantissimi Coreani e Cinesi che vivono in Giappone.
    Io posso sembrare per i Giapponesi un alieno,ma un Cinese o un Coreani presentano molti punti in comune con i Giapponesi,e non parlerei di "diverso/alieno" ma di non-della-nazione-Giappone.

    V.

    RispondiElimina
  26. Cuccia v salva la cosa per il post dedicato, guarda che prendo il giornale sai? Si parlerà dell' arc

    RispondiElimina
  27. Aspetto , ma mi sa che sono cose che conosco già da un bel po' di tempo...
    In tutti i casi saranno cose che le farai conoscere agli altri lettori,di certo non la totalità.

    V.

    RispondiElimina
  28. X ted = Un mattone pieno non e' meglio?

    Luca da Tokyo

    RispondiElimina
  29. Luca che a Yokohama chissa' quando tornera'9 novembre 2011 17:18

    In Italia gli alieni senza permesso di soggiorno li ammazzano nelle caserme ... a voi chiedono una cartuccella sul loro territorio. Prima di accampare superiorita' etniche in casa altrui ribadisco che sia il caso di essere di genia senza macchia. Noi Italiani lo siamo? Conoscendoci in tutta coscienza io ho il coraggio di dire di no. E conoscendo anche qualche soggetto, nelle molteplicimaziende italiane in cui ho lavorato, che crede di essere un grande, conduttore di uomini, posso portare prove documentali che quelli dalla faccia di mastino ... sono cani anche come leader ... ma se ne renderanno conto verso i 60 anni, quando sara' scemato l'effetto del testosterone. P.S. Il Maestro non era di ceramica ... Ho un po' depistato ... era di "guarda come ti taglio 3 mele al volo con gli occhi bendati con una katana affffffilatisssima. Si cercano volontari gradassi come porta mele. ;-)

    RispondiElimina
  30. X ted pietra serena invece di mattone pieno

    100 kili

    Luca da Tokyo

    RispondiElimina
  31. katana&picciotti&mafia&movimentofuturista&tecnicheinterrogatorie6problemisociali&...


    fa la predica(giustamente) sulle discriminazioni delle etnie e offendi i veneti. troppe dissonanze in tuie parole

    ecco che ora cominci a strillare ma de tua scontri eristici ti perdi e non ne vieni a capo

    sei ateo e adori nomini diavoli e angeli

    scappi dal retroterra e rimpinzini di sciatta narrativa i tuoi visibili dialogici,autolesionadoti


    mavvattaprende na' boccata e aria' e rinfrancate' polmoni e lo' spirito'

    nel mondo ce è pure il bene voglliamoci bene

    Robert

    RispondiElimina
  32. Luca fra poco di ritorno a Yokohama9 novembre 2011 18:47

    L'unica cosa serena sarà la vostra auto-distruzione, sbruffoncelli viziati e incoscienti. Vi siete incistati nel paese più gerarchizzato e più "sciovinista" della terra e avete l'ardire di voler ribaltare i livelli proprio in loco. Non so se biasimarvi, compatirvi o farmi due risate. Ogni (ingiusta) perquisizione corporale che riceverete sarà cagione dei vostri veri pensieri. Buon Divertimento.

    RispondiElimina
  33. Luca che sogna di tornare a Yokohama9 novembre 2011 19:01

    Offendo i veneti perché Luca scrive come un veneto razzista ... ed infatti lo è, e io non lo sapevo prima quindi non ho sbagliato il pre-giudizio.... Non è colpa mia se ricalca benissimo lo stereotipo di chi inneggiava al Vesuvio perché facesse piazza pulita . Pensa alla fine che farà questo veneto-razzista a casa se continua a fare lo smargiasso in un paese come il Giappone. E' vero Robert, nel mondo c'è pure il bene ma a volte i botoli ringhiosi ascoltano solo chi ringhia più forte. Se non basta servono metodi consoni alle loro sostanze interiori. I diavoli si fronteggiano senza timore, con sguardo fermo, mano protesa ... e Katana affilata. Per ognuno il linguaggio consono. Mi dispiace ma il mondo è così.

    RispondiElimina
  34. Xluca da Yokohama

    La tua insistenza e maleducazione fa capire due cose di te dimmi quale delle due e` corretta:
    1) Sei un troll perche attacchi tutti, scrivi scrivi scrivi sempre senza rispondere direttamente e hai cambi di umore.
    Offendi a nastro chiunque ti contraddica.

    2) Sei reale ma dal tuo profilo sei narcisista razzista(con i tuoi connazionali) e estremamente maleducato. Se veramente sei un HR scusami te lo devo dire sei un fallimento, non sai relazionarti con nessuno. Come fai a fare il tuo lavoro?
    Ti ho detto che sono di padova ma sono siciliano e sono cresciuto una parte della mia vita a napoli, non sai leggere le persone non vali un cavolo come HR.

    Ora o ti moderi o mi costringi ad un sondaggio su come trattarti. Io lascio la gente libera di commentare senza filtri (almeno che il filtro di blogger non faccia cavolate). Il prossimo post che troverai antipatico sara la prova del fuoco per te.
    Visto che visiti molto di frequente e non hai probabilmente amici visto il tuo carattere se ti banno perderai la tua unica possibilita di parlare con qualcuno. Mi ha dato del complessato che sta per esplodere ma mi sa che ti stai auto descrivendo.

    RispondiElimina
  35. Ciao Ragazzi. Il poliziotto voleva sincerarsi della proprietà della bici.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.