venerdì 27 gennaio 2012

Quando le scuse e regali riparatori arrivano prima di un fattaccio

L` altro giorno un uomo in giacca e cravatta ha suonato alla porta di casa mia.

Mia moglie ha chiesto via citofono cosa volesse, il tipo ha risposto che lavorava per un impresa di costruzioni e stava passando per tutto il vicinato perché` dovevano iniziare dei lavori e tutti dovevano essere informati.

Mia moglie gli ha detto di lasciare la comunicazione nella posta (lei non apre a nessuno che non sia stato invitato o che sia facilmente riconoscibile per la sua divisa, di pazzi ce ne sono un po troppi meglio non fidarsi).

Preleva il pacchetto dalla posta che si presenta come in foto:



 
All` esterno c`e` una lettera che spiega il tutto ecco i punti salienti:
-Verrà costruito un nuovo ascensore nel condominio alla fine della strada.
-Ci sarà un via via di camion.
-Faranno rumore.
-Ci saranno le solite guardiette che dirigono il traffico.
-La strada potrà diventare a senso unico in certe ore.
-Lavoreranno dal Lunedì al Sabato compresi.
-Lavoreranno dalle 8:30 di mattina alle 6:30 di Sera.
-Il periodo dei lavori sarà di 4 mesi no stop.
-Se faranno danni pagheranno senza battere ciglio.

All `interno invece troviamo due asciugamani piccoli di ottima qualità:

Secondo voi mi devo preoccupare?

Non hanno ancora rotto le palle, ma secondo me se uno viene a chiedere scusa prima di fare un guaio, vuol dire che vuole comprati perché la combinerà molto grossa.

Ora le mie risposte alle cose esposte nella lettera:
-Visto che passeranno molti camion spero che non smerdino la macchina in tal caso dovranno pagare i lavaggi extra che mi toccera fare.
-Faranno molto rumore dalle 8 alle 19, 6 giorni su 7. Bene dipende da quanto rumore, se il piccolo non può dormire, mi incazzo alla grande e li denuncio per disturbo della quiete e inquinamento acustico, se il Sabato non mi lasciano in pace esco fuori con la Katana e li faccio a pezzi tutti.
-Le solite guardie dovranno prima non rompermi il cazzo tentando di guidarmi quando rientro a casa oppure li metto sotto. Odio quando quei vecchietti tentano di guidarti nell` operazione di parcheggio della macchina, rompo e basta. Inoltre devono evitare di stare davanti alla mia finestra come postazione fissa, alla mogliettina sta sulle balle avere uno che guarda sempre dentro casa nostra. Se devono metterne una davanti a casa mia faranno bene a darmene una non vedente perché se no la ceco io.
-Con il cavolo che ci vado a senso unico sulla strada di casa mia, se dovessi venire su dall'altra parte mi faccio due 1500 metri extra ogni volta che torno a casa e se mi obbligano la benzina la pagano loro. Inoltre solo la polizia può legalmente cambiare, limitare i sensi di marcia o vietare l` accesso in Giappone, perciò dei loro divieti me ne fotto.
-Se fanno danni pagano eccome.

Pero cavolo 4 mesi?!?!
Ora approfitto della situazione, sto pensando di traslocare in un altro quartiere più idoneo ad Angelo:
-Viali pedonali che collegano le varie aree per KM senza vedere una macchina.
-Parchi e laghetti con cigni, e tanto tanto verde.
-Quantità mostruosa di negozi, supermercati sia economici che di lusso, con prodotti stranieri in quantità.
-Scuole internazionali e asili con metodo Montessori e altre tipologie di insegnamento.
-Caffetteria e gelateria con vero caffè Napoletano (100yen) e sfogliatelle.

Il problema e` che sono in questo appartamento solo da un anno e il contratto ne dura due, se mollo prima mi ciucciano sicuramente molti soldi dalla cauzione.
Se veramente la cosa e` insostenibile io mi lamento con il mio proprietario:
-Troppa polvere.
-Troppo rumore.
-Troppe vibrazioni
ecc.

Un ottima scusa o per avere temporaneamente un sconto o per recidere il contratto.
Ora mi organizzo.

23 commenti:

  1. sperando che il proprietario non legga il tuo blog...

    RispondiElimina
  2. non devi preoccuparti, è una prassi piuttosto comune in giappone scusarsi con tutto il vicinato prima di fare importanti lavori edilizi.
    non accadrà niente.

    se non mi ricordo male, alla fine dei lavori arriva anche una specie di bigliettino in cui si scusano nuovamente per i disagi arrecati.

    che poi non c'era manco stato nessun disagio.
    se penso al cantiere che ho a fianco qui all'ufficio di milano e quello che c'era in giappone, non trovo neanche termini di paragone! oltretutto qui a milano per tutto il giorno senti bestemmianre in romeno, albanese, arabo e bergamasco che è una bellezza!

    RispondiElimina
  3. 4 mesi per montare un ascensore.... alla faccia...sapevo che i giapponesi erano meticolosi però mi sembra un tantinello eccessivo

    RispondiElimina
  4. chissà, forse devono macinare spazio da uno stabile ristrettissimo, il che magari richiede un intervento molto lungo... in effetti 4 mesi un ascensore è un po' tanto

    RispondiElimina
  5. Confermo le parole della lettrice S. In Giappone particolarmente, si danno questi pacchetti regalo a titolo di scuse,o per altre delicatezze sociali.

    Magari poi passi davanti ad un "Conbini", per poco non ti cavi un occhio a questi stendardi che mettono proprio sul passaggio,e tutto quello che rimedi è un usuale inchino,e non un " Questo trespolo lo leviamo subito di torno! Non si preoccupi!" Poi,altro occhio cavato per un pelino:altro inchino.Occhio cavato;grande inchinone,con tanto di mortificazione espressa naturalmente questa volta.(vi ci faccio anche le rime,che volete di più?) Vabbè,sono troppo pignolo si sa.
    Sulle salviettine:No qui per queste cose sono più riguardosi e non credo che tu ti debba preoccupare più di tanto. Semmai ,le uniche preoccupazioni te le potrebbe dare il proprietario dell'appartamento. Una volta che hai firmato il contratto(biennale) si instaura un vicolo. Come hai pronosticato già da te stesso, ci sarà tuttalpiù da rimetterci il deposito e qualche altro balzello inaspettato e scomodante ,ma il rimanente degli affitti puoi evitarli se dai il preavviso con le ragioni accertate. Forse puoi avanzare qualcosa sui disagi che ti sei dovuto accollare a causa di questi lavori capitati a tua insaputa. Se proprio devi fare quel passo,allora non prenderla sottogamba e cerca invece di consultare chi di dovere. Le regolamentazioni sono tanto complicate,vuoi che lo siano meno in Giappone?

    Mi associo a Umberto. Quattro mesi sembrano interminabili. Quanti piani sarebbero poi? Mica tanti no? Siamo sui tre,quattro?

    RispondiElimina
  6. [All `interno invece troviamo due asciugamani piccoli di ottima qualità...Secondo voi mi devo preoccupare?]

    Secondo me no.
    Ipotesi numero A) Hai letto la guida galattica per autostoppisti e sai bene che hai tutto quello che ti serve
    Ipotesi numero B) La ditta ti conosce e ti fornisce tutto il necessario per pulire il sangue dell'omino di turno dopo che lo avrai tirato sotto con la macchina.
    ;P

    RispondiElimina
  7. al cambio di contratto d'affitto occhio alla cauzione, perche' il proprietario vorra' tenerla in ogni caso e ti chiedera' pure qualche regalo. Potresti riciclargli i due asciugamanini.

    RispondiElimina
  8. Luca da Verona28 gennaio 2012 11:48

    Ciao Luca, che nuovo quartiere hai in mente?

    RispondiElimina
  9. Ma se vivessi in Italia o in America, ti verrebbe anche solo in mente di chiedere un rimborso per il lavaggi extra della macchina che devi fare nel caso il passaggio dei camion te la sporcasse?
    Mi sembra che le tue siano lamentele eccessive considerato che non è ancora successo NIENTE.
    Take it easy.

    RispondiElimina
  10. Forse penserò male ma 4 mesi non sono un po troppi? se ,come sembra, è una ditta molto grande (si parla di un notevole passaggio di automezzi pesanti)non dovrebbe essere particolarmente difficile l'installazione di un ascensore anche perchè probabilmente l'edificio non sarà molto grande, mi sembrerebbe strano che un'edificio di molti piani sia stato progettato senza ascensore e non sia stato ancora installato inoltre mi sembra che la zona dove abiti sia piuttosto nuova. Non è che è un modo piuttosto educato per chiedere di non guardare troppo i lavori? Una specie di do ut des (o desu ^^).

    Marco Veneti

    RispondiElimina
  11. Mah. Pure a me sembra che tu vada a cercare il pelo nell'uovo pur di avere a tutti i costi qualcosa di cui lamentarti. Sono d'accordo con alcune tue osservazioni, ma altre mi sembrano eccessive (sempre che non siano intese in senso ironico, anche se non credo). Capisco che quattro mesi di sopportazione siano tanti, ma in Italia probabilmente avresti preso e portato a casa in silenzio,perché ad avanzare la richiesta del rimborso benzina e dei lavaggi auto probabilmente avresti solo ottenuto di farti ridere in faccia...

    RispondiElimina
  12. Verissime e sacrosante cose quelle che ti sono state dette in questi ultimissimi interventi, o Luca. Peccato che non vengano poi menzionati altri confronti(solo a titolo di curiosità e di complemento),oltre a quelli dei rimborsi che, a priori,possiamo ritenere fattibili,plausibili o, in altri casi, impossibili. Tentar non nuoce ,dice un vecchio detto.
    Se poi ci sono regole in vigore,ebbene ecco che tentar porta i suoi frutti,per via legale s'intende.
    Dicevo dei confronti poiché in fatto di rumori,se in tema di rumori e sporcizia vogliamo soffermarci a parlare, in Italia mi sembra che ci sia una regolamentazione basata sull'orario di lavoro e non solo. Chi credendo ,giustamente nel suo modo di vedere la situazione Italia-Giappone(per come la capisce e per come la conosce)non è a conoscenza che far rumore qui è più che lecito,anzi bisogna farlo se il fine è accattivarsi i clienti,mal capirà quello che voglio dire.
    Sbercierà dunque,in virtù e forte di questa presa di posizione l'imbonitore davanti al negozio(anche se poi il suddetto negozio è di fatto lercio e pieno di unto grondante(vedasi un articolo sulla questione negozio percolante di untume),e il sor provetto cuoco ci lavora nientepopodimeno che con gli stivali calzati ai piedi,o meglio alle gambe,visto che la distinzione tra piede e gamba,zampa,non sussiste in questi lidi. Strillerà poi verosimilmente la coppia di ragazzine in minigonna con questi freddi davanti all'ennesimo negozietto-spelonca che fornisce i nuovi modelli telefonici. Così pure farà anche quello che vende le aste per stendere i panni sul terrazzo,con l'altoparlante però,e direttamente guidando il furgoncino impedendo la normale circolazione stradale. Altrettanto andazzo lo seguirà colui,un privato semi-barbone, prepostosi alla raccolta dei beni riutilizzabili(leggi riciclo elettrodomestici e altro),sempre con apparecchi acustici. Pure i tantissimi improvvisati para-politici della domenica,rigorosamente motorizzati "made in nipponia" inferveranno la comunità mediante altoparlanti megawattizzati a tutto volume. Insomma, sembra proprio che in questa anarchia sonica il nostro Luca sia (aggiungo lecitamente))preoccupato per lo strano interessamento e disturbo presosi da una persona addetta ai lavori. Lo capisco.Eccome se lo capisco!
    Capitasse mai che uno si scusasse per il casino che fa dalla mattina alla sera con gli altoparlanti durante le manifestazioni politiche!
    Capitasse mai che uno riconoscesse il casino creato inutilmente in città dagli stessi Giapponesi!

    RispondiElimina
  13. @italicus: tutto ciò mi fa tornare in mente gli annunci con gli altoparlanti alle otto di mattina (sia nei giorni lavorativi che in quelli festivi) del comitato di vicinato ogni volta che qualche vecchiaccio tirava le cuoia. Una vera gioia quando capitavano di domenica, quando uno voleva anche dormire.

    RispondiElimina
  14. > l'altoparlante però,e direttamente guidando il furgoncino impedendo la normale circolazione stradale.

    Mi hai fatto venire in mente questo. ;-)
    Complimenti per essere tornato al vecchio nick:-)

    RispondiElimina
  15. X Marco

    Nel mio piccolo di vedere le cose,e se dovessi scegliere avendo poteri di farlo, lascerei questi "artigiani" che dopotutto sono un'alternativa valida agli stupidi negozi-catena improntati sullo stile americano e mieterei quest'ultimi.Il personale di queste catene-negozio lo sottoporrei ad una cura di ritorno alla normalità(per esempio, mi accerterei che dimenticassero il training subito). Tutto sommato ci vedo un che di melodico e tradizionale in questi furgoncini degli yakimo e ramen. Vero è anche che sono un grande pericolo ,visto che portano appresso un caminetto con tanto di fuoco vivo all'interno!
    La prima volta che venni in Giappone,i rapporti con la prima moglie(allora idilliaci), e le serate allettate musicalmente dalle trombette dei venditori ambulanti di ramen,mi fecero una buona impressione.
    Yakimo e ramen li lascerei quasi quasi per mantenere la cultura e le tradizioni. Annienterei totalmente tutti gli altri improvvisati imbonitori,tutti.
    Abbatterei anche le centinaia di migliaia di torrette-sirena (stile allarme aereo) che oltre a consumare miliardi di watt servono a ricordarti cosa? C'è bisogno in questa società di avvertire a tutta la popolazione vita natural durante ,che a un certa ora del giorno sono le cinque? Il messaggio poi dice tra l'altro: " Sono le cinque. I signori clienti bambini, che giocano fuori, torniamo a casa! " Anche sgrammaticato!
    E così,mentre alle cinque gli altoparlanti avvertono giornalmente(perché se ne sente il bisogno,o per dare l'immagine della sicurezza,o per cos'altro?) sempre suppergiù allo stesso orario inizia il balletto dei furgoncini addetti al ritiro dei beni riciclabili, del venditore di kerosene(sì,una autocisterna che sfreccia tra le vie del quartiere,con l'altoparlante), del gelataio(adesso quasi eliminati dalla concorrenza),dei venditori di aste per stendere i banni(ma che impellenza ci sarà mai di portarti l'asta sotto casa?), dei ramenisti,degli yakimonisti, delle teste calde con la moto smarmittata,....

    Insomma, un mondo a parte. E' il caso di dirlo!

    In questa cornice, ti vedi arrivare una persona che ti dà un regalo a mo' di scuse per il rumore causato, beh si avvertono discordanze. Se si avvertono!

    RispondiElimina
  16. X Tonari

    A Cesare quello che è di Cesare. A casa mia ho sempre odiato particolarmente il frastuono dei tanti campanili domenicali.Quando suonavano a morto si potevano sopportare i rintocchi.
    Comunque,in tema,preferisco di gran lunga la preghiera del Muezzin,dall'alto della torretta della moschea. Più melodia,più sentimento.Anche se stanno per essere sopraffatti dagli altoparlanti anche laggiù.
    Nel Paese dell'Opera e della musica, un parroco che invece di cantare pigia un bottone che fa azionare lo scampanamento,mi sembra riducente.
    Vabbé che se poi ci mettiamo a cambiare la pratica,allora pure il significato delle parole cambia. Invece di campanilismo dovremmo dire "cantismo", restringendo,oltre che l'area degli adepti,pure la comprensione di questo vocabolo buttato lì seduta stante.
    Per parlare a vuoto, l'area degli adepti sarebbe ormai già striminzita e moribonda se è per questo.

    RispondiElimina
  17. Italicus, ma attualmente vivi in Italia o in Giappone? Scusa la curiosita', e' tanto per capire.....

    RispondiElimina
  18. X Anonimo

    Giappone,ancora per qualche anno,poi via in un'isola deserta,o in un romitorio, oppure tra un tribù amazzonica,boh,non si sa. Per ora siam qua a tribolar.

    RispondiElimina
  19. ciao Luca da quanto tempo stai in giappone?

    RispondiElimina
  20. Boh, però certi paragoni in Giappone proprio non si possono fare. Due,tre mesi per tirare su una casa(cioé quattro pannellamenti disposti su due piani,che divengono pur sempre un'abitazione) e quattro mesi per un ascensore,mah!
    Mi aspetterei quattro mesi per una casa e uno o due per l'ascensore...

    RispondiElimina
  21. XAnonimo
    Non legge l` italiano grazie a dio.

    XS
    Spero, a osaka mi sono sempre venuti a ad avvisare prima ma l` unica volta che mi hanno portato un regalo prima era perche stavano buttando giu un edificio e le polveri mi smerdarono vestiti e macchina. Quella volta ebbi un lauto rimborso.
    Sulle parolacce fidati anche qui non sono male, almeno in italia se un bambino impara a offendere in rumeno gli puo essere utile, qui se il piccolo impara parolacce in giapponese mi preoccupo.

    XUmberto
    Sono 15 piani ed e` un ascensore aggiuntivo, ce ne era uno ma si vede che non e` sufficiente.

    XS
    Il discorso spazio e` la cosa che mi preoccupa di piu. La strada e` stretta dove li mettono i camion ecc.

    Xitalicus
    Essendo da osaka sono premunito scusatemi.
    Regalo= Danni assicurati.

    XGatto rognoso
    Opto per la B)

    XAnonimo
    il disturbo arrecato puo essere una cosa utile, vedi il mio ufficio, abbiamo avuto uno sconto (rimborso del 35%) sugli affitti per tutti i mesi in cui hanno costruito difianco, lo stabile vibrava sempre.

    XLuca da Verona
    Sul quartiere dei sogni faro un post niente spoiler.

    XAnonimo
    io si anche se fossi in america (minchia li che si che si fanno i soldi con le cause, sono malati di mente lo sai?.
    Inoltre il post e sacastico cacchio!!!! Non ce l` ho la Katana, ma dipende come si comportano da sarcastico potrebbe diventare reale tipo, si fermano con il camion davanti a casa mia e sfumerano allora mi incazzo. Pranzano in macchina con la tv accesa e motore acceso per un ora davanti alla mia porta mi incazzo.

    XMarco
    Potrebbe essere, ma vediamo cosa combinano, 4 mesi non sono eccessivi visto lo spazio mega limitato.

    XAnonimo
    Sono spesso ironiche dipende da come si sviluppera la situazione.
    Se mi ritrovo la macchina coperta di calcestruzzo o di furiggine perche i loro motori non hanno mai fatto manutenzione, non saro ironico.
    Per la benzina era una battuta e sai perche? Perche anche se c`e` l@ omino che me mi ferma e dice che non si puo andare su di qua lo mando a fanculo, e vado su.
    Solo la polizia puo limitare il traffico.

    Xitalicus
    Ma sulla benzina come detto opto per tirare dritto e fregarmene dei divieti fasulli (perche tali sono). Mentre Per altre cose tipo rumori la cosa e` fattibile. Comunque spero che il post rimanga ironico, niente rogne reali.

    XTonari
    Ho presente, se poi come dice italicus sono quelle bombe mobili tradizionali, mi va anche bene, ma se la domenica, quello che ricicla tv e merda varia passa alle otto di mattina con gli autoparlanti esco e glielo smonto.

    XMarco
    vedi sopra per tonari

    Xitalicus
    Quoto

    XAnonimo
    Ora sono otto anni credo (ho perso il conto forse 9 boooooooooo)

    RispondiElimina
  22. Poraccio Angelo... prima il battesimo e poi il metodo Montessori??? :D

    Gli vuoi male al bimbo.

    RispondiElimina
  23. X Anonimo magari anche i salesiani.Hehehe.

    Gli voglio male infatti non ho il coraggio di mollare tutto e scappare in Italia.

    Non so quale si a peggio ma tutte e due le scuole (italiana e Giapponese) fanno cagare.

    il prete di osaka (italiano) mi sconsciglia asili intenazionali. Perche poi alle elementari dovra entrare in un processo di rieducazione e integrazione nel sistema giappo. Potrebbe essere traumatico.
    Mentre mi consiglia di fargli fare l` asilo e le elementari nella scuola giapponese e fargli fare medie e superiori in una scuola internazionale cosi si salva dalla vita di merda insensata che fanno in quelle scuole nipponiche.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.