mercoledì 15 luglio 2009

Vita da cani in Giappone e non solo.

Gatto e altri utenti dopo una battuta che ho fatto sui bulldog francesi mi hanno venir voglia di parlare un po delle bestiacce domestiche in Giappone.

Tralasciando che molti italiani ancora pensano che i giapponesi spadellino cani e gatti cosa su cui non mi divulgo più di tanto perché e' una boiata immane vi parlerò della situazione animali domestici in Giappone.

Primo se un giapponese vuole una bestiaccia ha un ampia scelta di negozi ma nella vita di ogni giapponese vi sono due incognite:
Allergie varie, i giapponesi le hanno tutte e ciò preclude a molti la possibilità di possedere un cane.
Regolamento condominiale molti appartamenti diciamo la maggior parte non permette animali domestici, le cose stanno cambiando ora il 90% dei nuovi condomini accetta animali domestici ma quelli vecchi generalmente no.

Nel mio caso il condomino permette 2 animali per famiglia ma dopo vedremo la mia situazione nello specifico.

I giapponesi amano molto i cani, i gatti, le galline e soprattuto i coleotteri in questo articolo parlerò solo dei primi due e di un altra classe di animali esotici.

Il gatto forse e' il più sfortunato di tutti, mentre in Italia il gattaccio e' libero di uscire, fare a botte e trombare come un coniglio in Giappone il povero animale e' un recluso.
Il propretario tratterà il gatto dentro l' appartamento per tutta la vita e il poveraccio non vedrà mai un capo fiorito. Il poverino verra castrato recluso nell' appartamento, avrà il suo lettino super lusso, la lettiera per pisciare e cagare e un percorso ad ostacoli che di solito percorre varie pareti per divertirsi e sgranchirsi le zampine.

Poverini i gatti restano piccolo magrolini e non potranno mai assaporare il corpo di una bella gattina e la rissa per conquistare il territorio.
Ora sono di moda dei gatti a con le zampe corte insomma dei bassotti felini.

Il cane invece in molti casi e trattato come un principe o un Barbie, i proprietari comprano un guardaroba completo di vestiti, giacche, cappellini, occhiali da sole, bandane, e chi più ne ha più ne metta.
Il cagnaccio poi viene portato da molti a fare massaggi o acquagym. Sti poveracci vorrebbero una vita da cani ma nessuno gliela permette.
I centri di toelettatura sono dei veri saloni di bellezza con grandi vetrate ove i clienti e gli avventori posso assistere al lavoro dell' acconciatore.

Al momento della passeggiata i proprietario accompagnera' il cane fuori e sempre al guinzaglio e raccoglierà giustamente tutti i regalini che il simpatico quadrupede ha rilasciato al suo passaggio.
In casi estremi ho visto proprietari che si piazzavano dietro il cane con sacchettino in mano e prendevano al volo il dirigibile cosi da impedirgli di atterrare sul dolce asfalto. A volte penso che i giapponesi siano malati con le regole e sti pori cani siano stressati perché poverini non possono defecare senza che il padrone gli stia dietro con le mani a conchiglia.

In caso di escursione in centro i giapponesi spesso portano i cagnolini nella borsetta o su un carrello non li lasciano camminare in pace io mi domando di cosa abbiano paura che si consumino le zampine forse?
Ecco un esempio di carrello


Ma se la passeggiata e' fuori porta e non ci sono cestini a portata di mano come trasportano il sacchetto con i regalini i nostri cari giapponesi? Semplice visto che in macchina il puzzo potrebbe essere insopportabile appendono il sacchetto al tergi cristallo posteriore.
Molte volte se ne dimenticano e in tal caso devi pregare di non essere dietro quella macchina in corsa i simpatici schitti marroni che ti colpiranno ricordatevi che non sono cioccolato.

In appartamento il cane può essere un grave problema perché? semplice perché il vicino scassa le palle per ogni cazzata, se il cane abbaia una volta stai sicuro che i vicino farà reclamo al portiere.
La lettiera la devi tenere in casa perché se la molli in terrazzo anche cinque minuti il vicino farà reclamo al portiere.
Il cane non deve essere lasciato da solo in terrazzo perché tale spazio e' considerato luogo condominiale e perciò al cane e preclusa la libertà di muoversi sul terrazzo del proprio appartamento.

Le passeggiate sono poi un problema io ritengo che un cagnaccio debba fare almeno tre escursioni giornaliere, ma in Giappone nessuno torna a casa all' ora di pranzo, e la sera spesso si lavora qualche ora extra quindi il povero cagnolino uscirà alla mattina intorno alle 5 e la sera intorno alle 23, troppe ore tra una sgrullata e l' altra.

Alcuni giapponesi hanno la malsana abitudine di comprare animali esotici, si lo so anche in Italia c'e' gente che compra un Iguana o un Pitone ecc.
Ma lo sapete i Giapponesi amano essere diversi e perciò comprano Aquile, Falchi, Linci, scimmie e vari felini di grossa stazza.

Ecco alcune foto scattate in dei negozi


Qui due scimmie sempre nello stesso negozio


Tralasciando i felini di grossa stazza potreste restare sorpresi di quanti negozi anno delle povere aquile su un trespolo in bella esposizione, povere sono li stressate e immobilizzate e spiumano come dannate.

Infatti una delle tante ragioni per cui non ho ancora comprato sono i negozi e il loro modo orribile di trattare gli animali. Premetto che si ci sono delle rare eccezioni ove si vendono solo animali normali e i prodotti in vendita sono tenuti in ottima salute con gabbie molto spaziose e uscite nel parco adiacente ma sono mosche bianche.

La realtà e' orribile migliaia di negozi che vendono cani come fossimo al supermercato.
I cani alloggiano in delle celle grandi di solito 50cm x50cm x50cm, sul lato cliente c'e' vetro di plastica che permette a tutti i bambini di martoriare il povero animale sul lato posteriore della gabbia vie la classica porta tipo cella che permette l' aerazione e il cambio del prodotto in esposizione.


Il cagnetto giace nelle sue feci anche se queste ultime vengono rimosse di frequente.
Il povero animale viene prelevato dalla gabbia frequentemente per essere messo nella mani di un possibile proprietario, pensate che stress hanno questi cuccioli.
Il cane appena arrivato viene venduto a prezzi stratosferici di solito un bulldog francese maschio parte dai 2000 euro in su.
Questo prezzo cala in modo drastico con l' avanzare dei giorni arrivato a sei mesi in quella dannata gabbia lo stesso cane va a costare 200euro.

Tralasciando lo stress che riceve e i problemi psicologici che avrà dopo un periodo cosi lungo di prigionia il poverino e' sformato non ha muscolatura visto che la sua attività fisica e' limitata a poche sporadiche passeggiate.
Ma cosa succede oltre i sei mesi?
Lo volete proprio sapere?
Molti negozi mandano i cani alla camera a Gas per essere soppressi. L' invenduto viene eliminato.
Io nel mio caso ho salvato 40 cuccioli da due negozi ma fu un caso fortunato una mia studentessa aveva la figlia che lavorava albaito in questi negozi e racimolato un gruppo di persone sufficienti siamo riusciti a metterci d'accordo con il proprietario.
Ma i cuccioli che vengono uccisi sono circa 15000 l'anno da quello che ho sentito.
Invece da dati ufficiali i cani soppressi ogni anno sono 383.032 .

La legge giapponese funziona in questo modo se un cane non ha una famiglia primo si tentera di rifilarlo a qualcuno ma se questo non avviene ci sono solo due opzioni:
-Dare l' animale alla ricerca scentifica
-Sopprimerlo

Il brutto arriva ora come funziona la procedura di soppressone?
Le città giapponesi sono mezze in bancarotta e hanno pochi soldi per i servizi in generale.
Se una città chiude il reparto pediatrico di un ospedale cosa farà mai per i cani?
Sopprimere un cane costa soprattutto se si deve fare l' iniezione perciò il governo giapponese ha adottato un sistema orribile.
I cani sono stanziati in delle stanze di 5x5 metri, ogni stanza contiene una decina di cani tutti arrivati nello stesso periodo, quando questo gruppo riceve la condanna a morte la parete posteriore si apre su un corridoio poi la parete anteriore incomincia ad avanzare e spinge i poveri cani nel corridoio.
In seguito una parete del corridoio inizia ad avanzare progressivamente spingendo i cani fino alla fine della corridoio infernale ove li aspetta una botola che si apre su un angusta stanzetta di circa 1.5x.1.5x2 metri. La botola si chiude imprigionado i poveretti nelle tenebre e subito vengono gassati con CO2 il sistema costa allo stato 78yen per cane.

Ecco il video se sapete il giapponese guardatelo tutto, noterete che la giornalista non e' molto felice della cosa.
Se invece non parlate giapponese il pezzo più importante e' dal minuto 3.53 al minuto 5.52.
Da notare come la giornalista sia scioccata:



Lo so e' orribile ma come tanti alti problemi che ci sono in Giappone sono sconosciuti al più e i pochi che ne sono a conoscenza non fanno nulla per cambiare le cose o non sanno cosa fare per cambiarle.

Nel caso dei negozi molti giapponesi sono al corrente della situazione ma come in tante cose non si rendono conto che come clienti sono responsabili per la vita che quei poveri animali fanno.
Realmente ho notato che il giapponese medio associa ogni problema al diretto responsabile senza quasi mai sentirsi chiamato in causa. Non riescono ad analizzare i problemi e trovare una soluzione.

Io da amante delle bestiacce bavose non comprerò mai un cane in un negozio ma solo in un allevamento se e ripeto se deciderò di prenderne uno di razza e non un randagio.



Insomma avere un cane e' una rogna mostruosa.

68 commenti:

  1. -- Baka mode on --

    "[..] e di un altra classe di animali esotici."

    Suggerimento/slogan : piu' mukade per tutti!

    Detto questo in archivio avrei anche la foto di un cane con il vestitino e le pantofoline ai piedi ;_;. Ricordo poi di negozi con i kimono per cani ;_;

    Quanto ai gatti restano la miglior materia prima per la costruzione di shamisen (c'e' pure un proverbio giapponese in merito), anche se la plastica ne ha sostituito l'impiego nella fascia bassa: diciamo pure che i veneti li magnano e i giapponesi li suonano.

    Per la questione unko:
    - clicca il mio nick sul post
    - ingrandisci la foto

    -- Baka mode off --

    Sulla soppressione non saprei che dire, approccio tanto pragmatico quanto spietato.
    Tuttavia vorrei dire che la situazione negli allevamenti intensivi (anche in italia) non e' tanto piu' tenera. Certo qui si parla di intrattenimento e futili motivi in genere, ma la sostanza non cambia.

    Come tante questioni in Giappone: shoganai...

    Comunque pensiamo anche ai guanti, alle scarpe e a tutto il leatherware che vestiamo/calziamo...


    -- Inizio PS in OT pauroso --

    PS Facendo un parallelo tanto azzardato, quanto palesemente OT possiamo considerare un approccio spietatamente pragmatico anche nell'interruzione volontaria di gravidanza: se non sbaglio in Giappone e' legale fino alla 22^ settimana (non sono anti abortista sia inteso, ma mi pongo alcuni dubbi in merito).
    A tal proposito mi stavo documentando con i dati statistici (italiani e giapponesi) per verificare che la sua incidenza sia tale da considerarlo pratica anticoncezionale come ho letto da piu' parti...tuttavia non ho cosi' tanto tempo, magari avrai tempo per la cosa in futuro.

    RispondiElimina
  2. Oddio, quando ho letto la vita del gatto e visto le foto dei volatili avrò riso per mezz'ora, ma appena ho letto e visto il video dell'abbattimento dei cani mi è presa veramente malissimo....................

    RispondiElimina
  3. Agghiacciante.
    E' una delle realtà più controverse del paese più civilizzato sotto alcuni aspetti, ma più barbaro sotto altri (tipo questo degli animali domestici).
    Ho visto anch'io come trattanto i cani in Giappone, sono davvero dei pazzi.
    Dovrebbero rivoluzionare completamente le leggi, ma non credo che i giapponesi siano abbastanza svegli e umani per progredire, dopotutto i giapponesi stessi non sono esseri umani, ma formiche.
    TyUan

    RispondiElimina
  4. Scioccata!
    A questo punto mi sorge una domanda...in Italia e negli altri paesi cosa ne fanno?

    RispondiElimina
  5. Ecco, dopo la tipa in stazione a Nagoya con le scarpe da basket leopardate con aggiunta di tacchi a spillo, ci mancava solo il "passeggino per cani". Adesso posso dire di aver visto tutto... :P
    Questo blog sta scadendo veramente di tono... Mai mi sarei aspettato una faciloneria e una carenza di informazioni come in questo thread: MANCA IL NUMERO DI CELL. DELLA GIORNALISTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA............ !!! :P

    Io a combattere per anni sul fronte della displasia ossea e questi qua neanche li fanno sgranchire... mah... :\

    Quanto alla soppressione, premesso che sono una personcina ammodo e, nei limiti, anche abbastanza educata, so per certo che se mi trovassi a passare per certi posticini glie li raderei al suolo seduta stante.
    Da quel che ho potuto cogliere non conoscendo la lingua non mi pare che la cosa faccia molto piacere nemmemo agli addetti ai lavori (so di certi mattatoi locali dove alcuni figli di puttana si divertivano a vedere correre il bestiame terrorizzato dopo avergli reciso la gola...) ma a certi tipi di esecuzioni "asettiche" proprio non ci sto... mi pare un modo molto sbrigativo per "lavarsene le mani"...
    Intendiamoci, sono a favore dell'eutanasia quando è il momento; ho perso i miei cani in maniere diverse, non tutte "piacevoli", e quando si è trattato di liberare il mio terranova (alla fine, non certo quando faceva comodo a me) non ci ho pensato un attimo. E sono felicissimo di averlo fatto.
    Il problema per come la vedo io, al solito, sta a monte: Dato che le possibilità tecniche ci sono, si ridurrebbe drasticamente la cosa vietando certi supermarket del cucciolo e facendo collaborare venditori locali e allevamenti mettendo in vetrina dei semplici video "scremando" la clientela e indirizzando l'acquirente serio ad un acquisto ponderato.
    Quanto all'accenno su un paese controverso sotto molti aspetti potrei anche essere d'accordo ma generalizzare e parlare di barbarie non mi sembra opportuno...Anche perchè in fatto di "travi negli occhi" non ci batte nessuno; vedasi gente sbranata ripetutamente dalle parti di agrigento (mi pare) senza che nessuno facesse nulla se non farsi vedere carabina alla mano (a favor di telecamera) a pasticcio avvenuto per poi provvedere ai poveri cagnetti portandoli in qualche canile nel milanese (anche qui, se ricordo correttamente lo svolgersi della faccenda).
    Il paese "barbaro" invece, in mezzo a tutte le sue contraddizioni è anche quello che fa questo:

    http://blogs.reuters.com/photo/2009/05/18/last-gift-for-dying-dogs/

    mi pare sia dalle parti di Sapporo...
    Chissà se assumono.... non credo che la lingua sia un problema... il "cagnese" lo conosco bene :P

    RispondiElimina
  6. Mi sà che è meglio qui in Italia per gli animali tranne per quei bastardi che abbandonano i cani quando è periodo di ferie, Forse sono di parte perchè ho un bellissimo pastore tedesco a cui davvero manca la parola che dire a chi tanto e a chi niente sterker docet :-)
    Il video non lo guardo se nò mi incazzo e ti segnalo il blog Luca. Scherzi a parte forse sono le culture che son diverse con tutti i loro pregi e i loro difetti. Saluti

    RispondiElimina
  7. ops riguardo le culture o detto una banalità chiedo venia.

    RispondiElimina
  8. Per ammazzarli tanto vale regalarli.

    RispondiElimina
  9. Chissa quante altre mostruosità tengono nascoste i giapponesi, vedi le stragi, gli esperimenti, gli atti di cannibalismo sui cinesi fatti da loro nella guerra mondiale, li hanno tenuti nascosti fino agli anni 90.
    Per i cani chissà, magari in un futuro prossimo, quando avranno sterminato tutte le balene, avranno un altro fine; magari finiranno in un allevamento, verranno fatti crescere, ingrassare e poi via col sushi di cane XD(sempre meglio che sterminarli a 6 mesi di vita).
    I gatti invece che fine fanno ???

    RispondiElimina
  10. Commento digest per tutti.

    Ciao Mamoru
    Primo ho ritirato i bavosi (non trovavo dei biglietti aerei economici) non sei piu in pericolo
    Non nominare i Mukade ne faccio fuori almeno 15 a settimana.
    Mandami le foto cosi le aggiungo al post.
    Carina la foto classica situazione di cartelli particolari in Giappone.
    Sul discorso allevamenti intensivi si potrebbero scrivere fiumi di cose.
    Giustamente questo e' un caso diverso ma come detto i giapponesi non sono d'accordo con questa cosa ma non sanno come cambiare il loro mondo politico.
    La pelletteria ecc poi sono un altro problema ma quale paese non ha scheletri nell' armadio?
    Magari mi dedichero un giorno al discorso interruzione di gravidanza ma per il momento non conosco la situazione in modo profondo mettero incinta una decina di ragazze per vedere come si procede.:-) Mi sacrifico per la ricerca. (o mio dio per questa battuta prevedo una sessione di massaggi con il matarello da parte di mia moglie)

    Apechan/Giovanni/Tyuan/Bear
    lo shock e' normale la stessa cosa che sentono i giapponesi quando vedono queste cose, il problema e' che non sanno come reagire.

    Bear
    In Italia di solito iniezione, ma non mi pronuncio, in generale l' iniezone e' il sistema piu utilizzato e forse me cruento.

    Tyuan
    Magari rimuoverei dal commento, il discorso umani, i giapponesi sono umani ma non sono capaci di organizzarsi e correggere le cazzate che fanno i loro politici.

    Gatto non posso che quotare e dire commento perfetto e ponderato. Sono d' accordo al mille percento, hai anche colto molto bene il discorso addetti hai lavori che non amano la procedura.
    Ripeto ancora i giapponesi non sono daccordo ma non sono capaci di cambiare le cose, scusate hanno bandito l' asbesto 30 anni dopo l'italia cio la dice lunga, visto che i giapponesi sono dei michael jackson pieni di paure per la salute.
    Adesso non posso vedere il link in ufficio reuters non funziona lo bloccano e non ho mai capito il perche.
    Sul discorso eutanasia sono con te ho fatto anche io delle scelte simili ma penso di aver scelto per amore dei miei cani.

    Zanzara
    Ecco un esempio di una cosa che non succede e'proprio l' abbandono per le ferie, p.s. il chip non e' obbligatorio.

    Per anonimo
    "Per ammazzarli tanto vale regalarli. " sono d'accordo ma se la gente sa che i cani una volta raggiunto il limite di vendita vengono regalati non farebbe altro che incentivare l' attesa e il falli.ento di molti negozi. Ri quoto il commento di Gatto per capire cosa penso in tal senso.

    Marco
    Contattami sulla mia emal lucahimeji@yahoo.it

    RispondiElimina
  11. Per l' ultimo anonimo quello del testo sulle balene e cina.
    Non le tengono nascoste chi ha mai detto una cosa simile, io come straniero ci ho messo cinque minuti a trovare un reportage video.
    Sul discorso stragi, cannibalismo e esperimenti hai un idea un po storpiata della storia dici tenuti nascosti fino agli anni 90? Consiglio una revisione delle informazioni che hai non ti debunko anche perche non ho tempo oggi.
    Secondo metti sullo stesso piano i giapponesi delle forze imperiali educati con la propaganda ai giapponesi odierni?
    Non so se sai che differenza c'e'.
    Secondo prova a discute con in Cinese della guerra e poi parlagli del Tibet, vedrai come il caro cinese ha due pesi e due misure.
    Il Giappone nella seconda guerra mondiale ha fatto cose orribili ma forse non sai che ha pagato per bene quei crimini, i soldi non basteranno mai lo ma vogliamo vedere i crimini di tutte le guerre ecc? Nessuno e ripeto nessuno e' pulito, ma l' importante e' cambiare rotta e non commettere piu questi orrori. Cosa che i cinesi continua a fare vedi ultime vicende.

    Sul discorso balene pure devo dire che hai un immagine sbagliata della situazione, io sono contrario alla pesca e nel mio piccolo faccio quello che posso ma ora ti pongo un paio di domande rispondi francamente.
    Quanti giapponesi pensi che mangino tale carne?
    Il Giappone viola delle leggi?
    Viola degli accordi?
    Pensi che Greenpeace ecc, facciano un buon lavoro per arginare il problema?
    Come siamo arrivati a questa situazione? Chi ha pescato come un dannato solo per il grasso e chi ha pescato usandoli solo maiali senza buttare via nulla?

    Il discorso cane sushi lo vuole essere una battuta ma cio mi fa pensare che tu non conosca la situazione del consumo a livello utente.
    Ti prego rispondi alle domande e' forse scoprira che sei nel giusto sul discorso protezione dell' ambiente ma sbagli se pensi che delle strategie di contrasto basate su informazioni errate possa funzionare.
    Un giorno faro un post che scatenera un vespaio ma non mi sento ancora pronto per tale argomento.
    I gatti di solito vengono castrati e a volte soppressi ma i numero molti minore, essendo un recluso il gatto non scappa facilmente.

    il commento dell' utente anonimo ha portato alla luce una fatto interessante sul quale in futuro faro un post.
    I giapponesi conoscono un problema ma non sanno ribellarasi e organizzarsi un azione di contrasto, non sanno nemmeno alzare la voce.
    Noi italiani invece ci incazziamo per tutto e spesso seguendo informazioni sbagliate o fazziose.
    Loro dovrebbero imparare a incazzarci e noi a ragionare di piu sulla qualita delle informazioni che abbiamo.

    RispondiElimina
  12. Scusate gli errori il correttore di word in inglese ha fatto un casino

    RispondiElimina
  13. Gatto ho trovato un link altenativo sul cani di sapporo.
    Mo voglio mollare tutto e andare a lavorare li.
    Pero come volevasi dimostrare i giapponesi non sono insesibili verso i cani solo non sanno come aiutarli.
    Questo e' un caso opposto a quello che presentato io, amore totale verso i nasi umidi.
    Dal video e dalle foto direi che ricevono un trattamento migliore di quello che spetta a noi umani.

    RispondiElimina
  14. Ciao Luca, innanzittutto complimenti per l'ottima piattaforma. Ti dovrei chiedere una cosa, è personale. Io mi chiamo Davide e sono l'amministratore del sito: "Giappone-Italia.com".

    Contattami all'email: Giappone-Italia@hotmail.it.

    PS: non hai un tuo recapito, quindi sono costretto a scrivere qui.

    RispondiElimina
  15. Io sono rimasto scioccato quando ho visto per la prima volta un negozio di animali in Giappone. Ora che so anche cosa combinano lo sono di più.

    RispondiElimina
  16. col cazz...volo che molli tutto... prendi il numerino e mettiti in fila, che c'ero prima io !!! :)

    RispondiElimina
  17. Ciao mi chiamo Emika...è la prima volta che leggo il tuo blog...io amo il giappone e un giorno mi piacerebbe trasferismi lì detto così sembra niente, ma so che non è una cosa semplice...ho visto un post del video dei palazzi in cui abiti tu, se non ho capito male...ma davvero è tutto così splendido?!? Sugoi!!!!
    dove si trova di preciso questo posto? sai se c'è qualche sito in cui è possibile dare un'okkiata agli appartamenti per comprarli, anche dei palazzi vicini?
    grazie ciao!

    RispondiElimina
  18. Gatto io sono qui tu dall' altra parte del mondo facciamo a gara su chi arriva prima?
    Per darti un possibilta ci vado in moto.

    RispondiElimina
  19. Ciao Emika,
    Si quella e' la mia casa, spero che tu stia valutando tutti i pro e contro di una scelta come quella di vivere in Giappone.
    Il video rappresenta molto bene la zona pero devo chiarire alcune cose, tutti i video promozionali dei condomini mostrano la zona ecc come un paradiso, io scelsi quello perche' era uno dei pochi video non esagerati, si la musica e gli attori sono un po esagerati ma l' ambiente e il verde sono reali, anzi il video non rende bene come la realta.
    Se leggi il giapponese un buon sito per vedere solo condomini nuovi con video e molti footage e':
    http://sumai.gyao.jp/
    Sulla prima linea scegli la regione (kanto/kansai ecc
    Poi scelgi l' area o la stazione e ti vedi le infomazioni spesso ci sono ottimi video fatti da questo agente immobiliare.

    Per la mia zona bisogna andare dagli agenti locali comunque su MSN japan trovi alcuni appartamenti usati con le foto, la descrizione e il prezzo.
    ecco il link:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F461100.html?AR=060&FW=&SE=011&CSE=011&T=&KB=&KT=&KM=1&KMB=&KMT=&M=&MB=&ET=&ST=&K=&MT=&N=&G=&SB=&CN=&SG_CD=5445&ES_CD=&EK_CD=&P=54&EA=&TB=A00#?AR=060&SE=011&CSE=011&P=54&SG_CD=5445&KM=1&TB=A00&SC=000022&K=&CNT=20&start=0&filter=0

    In particolare stando esattamente nella mia zona quindi quel gruppo di condomini che vedi nel video:
    Uno dei piu cari:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F531110.jsp?AR=060&SE=011&NC=&BC=Z220130755635&TC=000210&KG=0928&KC=010174&MC=040&RF=&KK=
    Costa 24.800.000 yen e sono 123mq
    Poi un altro caretto:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F531110.jsp?AR=060&SE=011&NC=&BC=Z220130796028&TC=000210&KG=0928&KC=068892&MC=000&RF=&KK=
    Costa 24.300.000 yen e sono 112mq e 42 di terrazzo

    In calando:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F531110.jsp?AR=060&SE=011&NC=&BC=Z220130791178&TC=000210&KG=0928&KC=068892&MC=000&RF=&KK=
    Costa 14.100.000 sono 103mq ma non ha il panorama che ho io.

    Ultimo nella palazzina del gruppo piu economico:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F531110.jsp?AR=060&SE=011&NC=&BC=Z220130791287&TC=000210&KG=0928&KC=068892&MC=000&RF=&KK=
    Costa 11.500.000 sono 72 mq ma non ha il panorama.

    Gia che ci siamo ecco un appartamento nella mia palazzina che qualcuno ha deciso di vendere, il mio condominio e' composto da due palazzine una del 2007 una del 2008.
    L'appartamento nel link e' nella palazzina 2007:
    http://jj.jp.msn.com/ap/F531110.jsp?AR=060&SE=011&NC=&BC=Z220130800908&TC=000210&KG=0928&KC=068892&MC=000&RF=&KK=
    Costa caretto no?

    Comunque se cerchi il nome della casa (la linea in marrione all' inizio della pagina ) trovi tanti siti magari con foto anche all' interno.
    Ci sono circa 60 appartamenti usati in vendita nella zona.

    Ciao

    RispondiElimina
  20. Ciao sono Emika...
    per cominciare grazie mille per tutte queste informazioni, adesso pian piano andrò a dare un'okkiatina a tutto...
    devo ammettere che adesso l'idea di trasferirmi è solo qualcosa campato per aria, come si suol dire...ho 20 anni, finito gli studi e sono in cerca di lavoro, quindi ora come ora non potrei andare da nessuna parte, ma sto cercando di prendere veramente in considerazione l'idea...magari un giorno riuscirò, dopo tutto da qualche parte bisogna pur cominciare no?
    a tal proposito, vorrei chiederti come mai tu sei finito in giappone e come è stato ambientarsi, trovare lavoro, con la lingua e tutto il resto...
    grazie mille ciao!

    RispondiElimina
  21. Per darmi una possiblità ?? O_0' io, da solo, è già tanto se riesco a uscire da Narita senza fare puttanate per le quali la dogana debba corrermi dietro :P
    Ad ogni modo lascio scegliere ai golden:
    "Come preferite passare il tempo nella vostra "pensione dorata" ? Con un noiosissimo ingeggggnere informatico del kansai dal pesantissimo accento e nemmeno originale oppure correndo dietro ad un gatto"??? ;P....

    RispondiElimina
  22. e comunque la foto notturna, se è quel che penso io, è una bastardata :°°°°° (

    (MA NON RENDE MINIMAMENTE QUANTO VEDERLA DAL VIVO A QUELL'ORA LI' MENTRE SI ATTERRA...) ^_^

    RispondiElimina
  23. che dire... su tante cose i giapponesi sono avanti a noi, su tante altre cose sono indietro a noi

    ciò mi fa pensare che un posto con una minima civilizzazione non esiste in nessuna parte del mondo: loro gassano i cani, noi li facciamo sventrare dalle automobili

    :-(

    RispondiElimina
  24. Crawling Chaos19 luglio 2009 06:05

    Non so cosa commentare, la parte delle camere a gas è stata come un secchiello di ghiaccio giù per la schiena.
    Chiunque riesca a trovare normale una prassi del genere e a non provare disagio penso abbia qualcosa di malsano nel cervello.

    Quello che forse mi impressiona di più è che mentre per gli animali maltrattati, abbandonati per strada o usati nei combattimenti sono abituata a dare per scontato che ci sia una legge che li definisca come reati -insomma, che ci sia una stigmatizzazione pubblica-, in questo caso stiamo parlando di sterminio legalizzato e metodico.
    E' un po' la stessa differenza qualitativa che percepisco tra l'omicida qualunque e l'aguzzino nazista.

    RispondiElimina
  25. Però, alla fin fine, ok, il metodo è tremendo, ma non è che noi li liberiamo felici nella natura incontaminata. Noi gli facciamo una puntura (o qualcos'altro) e li ammazziamo comunque.
    Il problema resta a monte: si dovrebbero vietare i negozi di animali.

    RispondiElimina
  26. Crawling Chaos19 luglio 2009 20:58

    Bear, più che altro bisognerebbe vietare che a gestire i negozi di animali sia gente senza scrupoli. I tre negozianti che conosco in zona non tengono cuccioli in vetrina, li prendono e li tengono in negozio solo se hanno richiesta (e non sono neanche sempre disponibili, per il mio secondo gatto ho dovuto aspettare due mesi). Oppure prendono cuccioli trovati per strada (in questa maniera ho preso la mia prima gatta, invece).
    E in ogni caso non credo sia legale da noi far sopprimere cuccioli perché invenduti, la differenza con la situazione giapponese mi pare plateale.

    RispondiElimina
  27. Dio mio che cose allucinanti! Perchè invece non facciamo un accordo col Giappone e non ci buttiamo i nostri politici, a dieci a dieci, in quella stanzetta? che bella cosa sarebbe! XD

    RispondiElimina
  28. Mettendo da parte la componente emozionale solo un altro paio di considerazioni/domande per Luca.

    1) E' economicamente sostenibile un negozio di animali di quel tipo?
    Cioe', se devono differenziarsi al punto di attrarre la clientela con animali di razza, esotici, rari, draghi, golem etc. vuol dire che lo spazio per un mercato di massa e' poco: offrono l'animale particolare perche' pochi lo possono comprare e (verosimilmente) ad un prezzo molto alto. Se l'invenduto e' alto come pare di capire e' il modello di business che fa schifo, con cosi' tanti problemi per tenere un animale, la saturazione del mercato si raggiunge presto (telefonia docet). Mi immaginerei quindi un mercato in contrazione e negozio che chiudono piuttosto del contrario...

    2) Detto questo, i negozianti da dove si approvigionano di animali? L'importazione di specie dovrebbe essere regolamentata e non penso che sia poco costosa.

    3) Ma un negoziante puo' scaricare "l'invenduto" al canile locale senza pagare nulla (a mo di disincentivo a tenere troppa vetrina) o avere vincoli di sorta*?

    Approfitto ancora un poco dello spazio di Luca per aprire una considerazione aggiuntiva: messa da parte l'indignazione, come gestire il problema degli animali non voluti dal punto di vista dell'amministrazione pubblica?
    Tradotto:
    - in economia per le martoriate casse locali
    - per evitare la proliferazione di popolazioni animali lasciate allo stato brado e conseguenti disagi**

    Il problema e' che in mancanza(?) di una legge che argini il fenomeno qualcosa bisogna pur fare.
    In ogni caso una risposta legislativa (scritta in grazia di dio) senza vero enforcing non e' una soluzione.
    Altrimenti ci troviamo con le solite acrobazie legislative nipponiche dove si creano mille distinguo....(come quello a cui hanno trovato una donna fatta a pezzi in casa ed e' ricercato per "abbandono di cadavere", ma questa e' un'altra storia.)

    Aさん "la legge proibisce la vendita di 動物!"(doubutsu-animali)
    Bさん "infatti io vendo 化物, la vede la targhetta?" (bakemono-mostri)
    Aさん "ma sono bulldog francesi!!"
    Bさん "le assicuro che sono 化物, ho pure il certificato"
    Aさん O_o

    * il sistema di disincentivi economici a "smaltire" gli animali potrebbe provocarne l'abbandono.
    Un po' quello che gia' accade in Giappone con i rifiuti di grandi dimensioni (frigoriferi, tv...): piuttosto che pagare il comune per il ritiro, molti li buttano a fiume o nei boschi.
    C'e' da dire che a imboscare i rifiuti sono bravi.

    ** Sovrapopolazione di cinghiali e daini in Giappone e relativa necessita' di abbattimento. (Di corvi proprio non se ne parla ancora? mannaggia)

    PS L'alternativa "ricerca scientifica", per quanto utile a tutti noi, comporta in molti casi "l'uso a perdere" del soggetto/cavia, quindi non mi pare che la sostanza cambi.

    RispondiElimina
  29. Sono perfettamente d'accordo col discorso sui nostri politici. Ma a parte questo, sono andata un po' in giro per internet e in effetti pare che da noi la legge imponga ai negozianti di tenere in negozio solo gli animali già venduti.
    Però qualcuno parla ancora di eliminazione dell'invenduto.
    Ovviamente io non stavo giustificando i giapponesi. Penso solo che il commercio di animali da compagnia sia sbagliato a prescindere.

    RispondiElimina
  30. occhio che l'iper regolamentazione "per il bene dei cucciolotti" (leggasi: altra maniera di mettervi le mani nel portafoglio) ha portato - e sottolineerei "ovviamente" - all'effetto opposto: Tutti sono disincentivati a tenere animali domestici e li abbandonano appena possibile.

    http://www.youtube.com/watch?v=dYIhjvN7PJM&eurl=http%3A%2F%2Fwww%2Emovimentolibertario%2Eit%2Fhome%2Ephp&feature=player_embedded

    naturalmente altra cosa e la regolamentazione dell'attività di vendita.

    RispondiElimina
  31. Crawling Chaos20 luglio 2009 14:24

    @Bear, da come ti esprimevi nel tuo precedente post avevo percepito una sorta di equivalenza tra il gassamento per legge e il fatto che esistono individui imbecilli/crudeli che cercano di sbarazzarsi di animali non più desiderati. Se non ci fossero più negozi di animali non dovrebbero più esserci neanche allevamenti, ma non è questo il problema, secondo me. Il punto è che dovrebbe esserci la massima coscienza e responsabilità in chi vuole occuparsi di uno o più animali (sia un negoziante, allevatore o un semplice proprietario).

    @Gatto rognoso
    A parte il fatto che questa sembra una mezza bufala (cercando in rete si trova poco o nulla in proposito), anche fosse vera rimarrebbe un'evidente esagerazione che non ha nulla a che spartire con una legislazione doverosa riguardo le responsabilità di chi acquista o vende animali.
    Semmai dovrebbero essere inasprite, le leggi contro chi li abbadona o maltratta.

    RispondiElimina
  32. Bellisimo il tuo blog.. ogni post è un interessante fonte di informazioni con molti spunti di riflessione... Una volta ho accompagnato un mia amica a comperare un cucciolo in uno di quei negozi che si trovano nei centri commerciali in Giappone.. a parte i prezzi allucinanti dopo un pò mi sono dovuto allontanare mi dava davvero fastidio il modo in cui le povere bestie venivano trattate. Sapere come viene smaltita la "merce invenduta", bè è mostruoso... ma anche qui in Italia... tra abbandoni, stragi sulle strade, canili lager, avvelenamenti vari... Credo che il problema non siano i giapponesi o gli italiani.. forse lo siamo come specie..dovremmo evolvere

    RispondiElimina
  33. @Crawling
    Non credo si tratti di una bufala... in certe cose gli inglesi sono maestri di praticità, col risultato che quando cannano il bersaglio si vanno ad infognare in abissi di ridicolaggine inaudita, vedi il fumare in macchina.... Mica per niente ancora nel 20° secolo, nell'esercito, erano incapaci di concepire l'assenza di pene corporali nelle punizioni. (mi viene in mente, mi pare fosse la Somme, nella prima guerra mondiale, con gli ufficiali che venivano falciati intanto che giocavano a pallone durante l'avanzata )....
    E poi Turci (che è morto poco dopo quell'intervista), come referente per la Force, non poteva permettersi posizioni troppo scoperte a danno dell'associazione. Insomma, non so se corrisponde al vero ma ce n'è abbastanza per fidarsi :|
    Ad ogni modo il senso dell'intervento era quello di mettere l'attenzione sulle tante, troppe leggi "a fin di bene", tutto lì. Chissà se ce n'è anche in Giappone.. Sarebbe interessante andare a guardarci dentro...
    Sono d'accordo che perseguire certi comportamenti in maniera severa sarebbe il minimo. Sta di fatto però che dietro il paravento della "Giustizia & legalità", sempre più spesso il vero obiettivo è il portafoglio del contribuente. Naturale poi che i primi ad andarci di mezzo siano proprio i "tutelati", dal naso umido ( metafora anglo/influenzale :P ) o meno.

    RispondiElimina
  34. Crawling Chaos20 luglio 2009 20:14

    @Gatto
    Dubitavo della sua veridicità perché, come accennavo, cercando in rete non ho trovato praticamente nulla (pochissimi accenni striminziti e niente più), quindi non so quanto credito dargli... ma, ripeto, anche prendendola per buona è ovvio che stiamo parlando di un'esagerazione =)

    Dico anche che non vedo attorno a me problematiche create da una legislazione eccessiva in proposito, quindi ribadisco che il problema è altrove, nella coscienza delle persone. Far capire ad ogni potenziale padrone che non sta acquistando un giocattolo ma un essere che necessiterà di cure, attenzioni, vaccinazioni, tempo, e così via. Non è uno sfizio da togliersi per poi stancarsene.

    RispondiElimina
  35. Non dirlo a me :) io ho convissuto felicemente per dodici anni mentre il mio dirimpettaio, sedicente amante degli animali, cambiava il cane ogni due anni... C'è di "buono" che almeno gli trovava un padrone e non li lasciava per stada...

    http://img198.imageshack.us/img198/6851/91200696.jpg

    http://img198.imageshack.us/img198/8045/53797540w.jpg

    RispondiElimina
  36. Crawling Chaos21 luglio 2009 08:49

    @Gatto
    Che adorabile montagna di pelo! Cucciolone stupendo :D

    E lo dico nonostante faccia parte dell'altra sponda (quella dei gattofili incalliti-ah, questo eterno confronto tra "sei un tipo da cane o da gatto?";P)...

    Queste sono le mie attuali palle di pelo felino, invece:

    http://img140.imageshack.us/gal.php?g=miciomorde2.jpg

    RispondiElimina
  37. quella nel lavandino è da panico...
    e intanto scende la sera in quel di takarazuka e il titolare non dà segni di vita....
    si sarà mica fiondato a Sapporo ?? :P

    RispondiElimina
  38. Per tutti e per gatto io weekend sono latitante perche da bravo italiano non me ne sto a casa ma vado a divertirmi scusatemi ma avevo il week end lungo.
    Una cosa che monti italiani non sanno e' che i giapponesi forse sono i recordisti mondiali per numero di feste nazionali.
    Mio padre si lamenta sempre che ho troppi giorni di riposo e che i giapponesi sono dei lavativi.

    xEmika,
    Dai sei giovane c'e' tempo per valutare se fare questo passo.
    Prima ti consiglio di farti un anno di studio qui in Giappone e cosi ti rendi conto se ce la puoi fare.

    Sul discorso lavoro, perche in giappone e lingua faro un post attendi prego.


    X gatto
    I cani non mi hanno voluto, sentono il tanfo dei bulldog che cerco di toccare ogni volta che vedo per strada.
    Sul discorso foto, e il dannato panorama dalla mia finesta veramente monotono tante lucine e basta.hahaha

    X drakkar
    Sono d' accordissimo, infatti il mio compito su questo blog e mostrare le cose buone del Giappone ma anche mostrare il lato oscuro di questo paese.
    Noterete nei post proseguendo nel tempo un fattore comune, l' incapacita del popolo giapponese che anche se in disaccordo con il sistema non e' quasi mai capace di far sentire la sua voce.

    Xchaos
    In questo caso come in altri che vedremo potrai notare questi estremismi creati da un sistema politico e legislativo ove il popolo ragioni culturali non fa sentire la sua voce.
    Molti pensano che l' Italia sia messa male come classe politica, io penso che l'Italia abbia la medaglia d' oro per i politici idioti ma il Giappone ha quella d' Argento.
    Quale idiota ha concepito una soluzione cosi estrema senza lavorare sul problema piu basilare. Lo sapete che i cani in Giappone non hanno l' obbligo del chip?

    XBear
    Io sono contrario alla soppressione ma se oltre a questa non vi sono soluzioni preferisco la puntura, il cane si addorenta e dorme beato per poi spegnersi. La camera della morte invece e' una cosa orribile pensa quanta paura provano.

    RispondiElimina
  39. XChaos
    Con la tua costatazione ritorniamo al solito punto, i giapponesi non sono felici di tali sistemi ma come popolo hanno un incapacita mostrusa di farsi sentire, basterebbe cambiare la legge.
    In Italia e' vietata l' esposizione dell' animale ma con alcune varianti e'possibile.
    Il problema e' che in Italia la gente non rispetta le regole, in Giappone nessuno migliora le leggi.

    XNicola
    quella era una proposta a cui avevo pensato anche io, politici italiani nella dream box e politici giapponesi abbandonati sulle nostre autostrade. hahaha

    Xmamoru
    1) sulla situazione economica di molte attivita commerciali in Giappone potrei lo faro scrivere un post interessante.
    Mettiamo semplicemente cosi credi che ci siano controlli fiscali sulle attivita in Giappone?

    2) Si approvvigionano da produttori locali, importare e' una rogna per via della quarantena. Non costano cosi tanto.

    3) su questo credo che pagino un prezzo irrisorio ma cio dipende da citta a citta, se la catena ha vari punti vendita sta sicuro che tutti i cani verrano spostati e smaltiti in una citta ove non si paga tanto.

    Per quanto riguarda una soluzione pratica io la vedo cosi.
    Il negozio non deve esporre ma solo fare un servizio di ricerca per il cliente introdurre il breeder al possibile cliente e ricevere una parte del compenso.
    Poi chip e tatuaggi, regole piu ferree sul smaltimento delle carcasse.
    Punizioni pesanti per illeciti e punizioni pesantissime per i padroni che non dichiarano la scomparsa o la morte del loro cane.
    Nel prezzo del chip si potrebbe aggiungere un tassina sulla soppressione cosi i soldi per la soppressione su quel cane saranno versati prima e cio permettera un sistema meno crudele.
    Molte di queste cose ci sono in Italia ma perche non funzionao? Semplice ci vuole chi monitori e faccia rispettare tali regole. In Giappone invece la legge e' molto povera in tal senso.

    XPaolo
    Il discorso specie umana e' validissimo.
    Lo so io non bazzico piu i negozi perche se altro che associazione nani da giardino libero io inizierei a fare incursioni notturne nei negozi per liberare quelle bestiacce.

    RispondiElimina
  40. ma :( è orribile
    io spero almeno che questi poveri animali non abbiano una morte lenta e dolorosa, almeno la più rapida possibile
    che vita sfortunatissima...

    RispondiElimina
  41. Spero che un giorno i giapponesi tirino fuori gli attributi.
    Ma basta vedere adesso con le elezioni come sono.
    Il governo attuale fa schifo, non propone nulla o propone cose impossibili tipo aumenti dello stipendio annuo di 10000 euro.
    La sinistra propone le classiche cose che tecnicamente non sarebbero poi male, wellfare decente aiuti alla famiglia meno sprechi ecc.
    Ma il problema che i giapponesi il manifesto non lo leggono nemmeno non lo valutano gli bastano le discussioni in TV.
    Io (fascista) proverei per una volta il partito socialista per vedere cosa succede tanto la destra e' statica.
    Mi basterebbe che mantenessero una promessa, no waiting list nei day care center e 26000 al mese per i bambini.

    RispondiElimina
  42. Come dici tu e' davvero una tragedia vedere come sono tenuti gli animali in negozio qui in Giappone. Io che mi scandalizzavo in Italia, qui vedo qualsiasi tipo di animale chiuso in gabbiete (o bocce o addirittura bicchieri) in cui non si possono nemmeno girare e tutti se ne strafregano. L'altra settimana sono stata in un home center di Hiroshima dove vendono anche animali e sono rimasta folgorata. Gli uccelli denutriti e inca**ati (decine in poco spazio) si beccavano, erano deplumati ed evidentemente trascurati, come tutti gli altri poveri esseri che ho visto. Mi sono avvicinata tra la folla che guardava cani e gatti con le croste agli occhi, incuranti del fatto che un coniglio e uno scoiattolo stessero male. Infatti lo scoiattolo e' morto dopo qualche minuto senza che nessuno ci facesse caso. Il coniglio non so, perche' me ne sono andata subito. La gente pero' continuava a guardare gli altri animali (= oggetti) e fare gridolini stile "Eeeeee, sugooooooooiii".
    Io non ho parole, il rispetto per gli animali qui non si sa nemmeno cosa sia.
    Quanto alla vendita di accessori e mangimi, rispetto all'Italia siamo nel terzo mondo. Amen!

    ♥ Hiroshima Mon Amour ♥

    RispondiElimina
  43. @Luca Al solito nella politica non ci farei troppo affidamento.

    Contando negli ultimi mesi quanti parlamentari o ex hanno traghettato dall'LDP al DPJ.
    Il trasformismo e' dai tempi di Cavour che lo mettiamo in pratica, ma vedo che anche in Giappone non si fanno troppi problemi.

    Con la situazione di debito pubblico e stagnazione economica degli ultimi 20 anni (dove ho gia' sentito di un paese in questa situazione?) e' abbastanza stupido pensare di dilatare ulterioremente la spesa pubblica.
    Autostrade gratis? no comment.
    Spesa sanitaria? gia' il sistema del 70-30 non sta in piedi, poi che anche un bel po' di giapponesi non lo paghi per risparmiare..
    Pensioni idem come sopra.

    Sul fatto che la maternita' vada finanziata dalle tasche di tutti, il sottoscritto non e' molto d'accordo: fare un figlio e'una scelta privata e che tale investimento se lo sobbarchi la collettivita' non lo trovo corretto, altrimenti si alimenta il moral hazard e ci troviamo con chi fa piu' figli di quanti se ne puo' permettere perche' tanto paga lo stato.
    Eh no: prima ragionare e poi figliare!
    Di comuni che regalano 1000 eur a figlio ce ne sono anche qui: poi ti trovi che ci comprano la roba di marca per fare gli spacconi.

    Qualche protezione sociale in piu' se si fluidifica il mercato del lavoro e' necessaria, tuttavia occorre spezzare anche gli oligopoli e favorire maggiore concorrenza-efficienza.

    Avevo letto da qualche parete che la lobby dell'asfalto riceve sempre nuovi lavori pubblici per la costruzione di strade, ponti ed altre belle cose in aree semideserte o dove comunque non servirebbero a una mazza.

    A proposito di lobby mi sono sempre chiesto dei prezzi assurdi della frutta in Giappone, almeno un ordine di grandezza superiore a quanto sarebbe lecito attendersi. Il discorso della mancata produzione locale non sta molto in piedi (stabilimenti idroponici?).... poi visti i casi di quella importata dalla Cina etichettata come locale.
    Io all'esselunga mi compro il daikon e l'ultima volta l'ho pagato 0.92 eur per uno da 6-700g (siamo attorno a 1.5 eur/kg), tu quanto lo paghi?
    Fai conto che l'Italia il grano per la pasta lo importa dalle americhe....

    PS Il benito nazionale era, prima di tutto, socialista. Il fascismo e' stato un luminoso esempio di catto-socialismo reale che ha gettato le basi per quel mostro di mamma-stato che ci troviamo oggigiorno, nonche' terreno fertile per corporazioni e favoritismi di ogni genere, questo e' bene tenerlo a mente.
    Poi qualcuno argomentera' che ordini professionali e distanza minima tra i parrucchieri, farmacie e c***i a cavallo e' vitale. Io penso che la mancanza sintomatica di concorrenza la si veda piu' qui che in Giappone, diciamo che da voi vi fregano meglio ("ve la tagliano fina" per usare una espressione locale) e con un maggior ritorno di servizio.

    RispondiElimina
  44. Ciao Hiroshima mon amour,
    Mi hai raggiunto qui da answer anche tu!!!!!
    Benvenuta, le tue testimonianze saranno utilissime per rafforzare cio che scrivo.
    Piu siamo meglio e' piu gente capira che non scrivo cacchiate e che non ce l'ho con il Giappone.
    Mi aspetto di averti come ospite fissa, ogni residente e' il benvenuto perche la sua sola presenza e' un grande contributo.
    Come e' andato il trasloco?

    RispondiElimina
  45. Xmamoru
    Non ci faccio affidamento ma tentar non nuoce, il Giappone e' messo male come l' Italia in questa direzione.
    Ma visto che il Jiminto non propone niente, zero staticita assoluta, vediamo se sti comunistelli se la cavano meglio.
    Sul discorso salta poltrone ne sono al corrente ma in quale paese non lo fanno?
    Bene per le autostrade gratis c'e' una ragione, il terreno e' diciamo in comodato e si paga per 20 o 30 anni non ne sono sicuro.
    Il piano del mishisto e' prometterla gratis,poi far funzionare una legge che gia esiste intimando le societa ad abbassare i prezzi ragionevolmente visto che hanno gia finito da un pezzo di pagare il terreno.
    Cio permettera al gruppo politico di non sfigurare, diranno gratis e' troppo ma almeno vi abbiamo abbassato i prezzi.
    E tutti a furor di popolo viva il mishito!!!!!!
    Un classico specchietto per le allodole.
    La spesa sanitaria non sta in piedi per una ragione, gli ospedali vedono ogni paziente come la gallina dalle uova d'oro, ti fanno stare li a dormire per 6 giorni per una cazzata che in qualunque altro paese del mondo sarebbe curabile con un operazione in Day Hospital.
    Se chi che sia nel governo facesse il culo hai medici le spese saranno molto inferiori.
    Il problema e' qui vi e' una propria mafia dei dottori, ne conosco qualcuno e non ho mai visto un medico di famiglia in Italia lavorare cosi poco e avere una casa da 5 o 6 milioni di euro.
    A me basta che usino bene le risorse attuali, le promesse che fanno sono specchietti, ma possono simil mantenerle facendo funzionare quello che c'e' gia.
    Sulle pensioni non ci credo nemmeno io.

    Sul discorso bambino hanno due scelte fare in modo che le aziende rispettino le leggi e non licenzino la gente o dare dei soldini per aiutare.
    Io non voglio un assistenzialismo ma un minimo di rispetto perche pago le tasse si.
    Le scuole costicchiano, e spesso i day center nazionali sono inutilizzabili per gli orari e le liste di attesa.
    Io se ricevo quei soldi li uso per pagare le spese utili non certo un maledetto maglione firmato.
    Che non mi diano quei soldi mi sta bene ma che almeno non licenzino mia moglie perche' e' incinta.
    Hanno due scelte semplicissime caziare le aziende o dare una mano alle famiglie, io sono per la prima ma forse e' piu facile nella situazione attuale la seconda.
    Anche perche cio che pago io e mia moglie in tasse per servizi nulli e' molto superiore a cio che mi sganceranno loro per il bambino.
    Proposta alternativa scontare invece di dare 26000yen al mese scontatemili da delle tasse che non vedo utilizzate per il bene comune.
    Non e' piu facile cosi?

    parli infatti di lobby dell' asfalto ecc, ecco un esempio di dove finisco i miei soldi.
    Il gruppo in questione promette lo stop agli sprechi (non ci credo molto) ma staremo a vedere, come detto tentar non nuoce visto la situazione attuale.
    Sul discorso che la tagliano piu fina sono daccordissimo

    RispondiElimina
  46. ♥ Hiroshima Mon Amour ♥24 agosto 2009 08:16

    Ciao Luca, grazie!
    Qui va tutto bene, adesso ho la residenza e aspetto la Alien Card quindi mi sento molto extraterrestre. ^_^
    Per il momento sono una casalinga NON disperata in una famiglia di 5 persone. Senz'altro anche io avro qualche testimonianza da dare, vivendo con due adolescenti e una suocera giapponesi DOC.
    Non ce l'ho col Giappone, tutt'altro, ma qualcosa da dire a favore dell'Italia e dell'Europa ci sara' senz'altro, da parte mia....
    Nel frattempo cerco di darmi da fare per migliorare la lingua e cercare lavoro.
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  47. XHiroshima
    Finche riesco a beccare sta vecchia studentessa potresti darti da fare.
    E' ora di spulciare i ristoranti e fare un recensione da parte di noi purosangue.
    Puoi iniziare a spulciare il miglior sito di recensioni:
    http://r.tabelog.com/italian/hiroshima/
    Piu alti sono i punti piu alla gente piace vedi cosa c'e' vicino e vai a provarlo.
    conosci Kakaku?

    RispondiElimina
  48. Questa per esempio non sembra male:
    http://www.pizzariva.com/
    Bel forno ed inoltre fa parte dell' associazione vera pizza napoletana.

    RispondiElimina
  49. Ciao luca, sono curioso di sapere quali reazioni ha provocato la messa in onda di quel servizio.
    qui in italia sicuramente ci sarebbero state interrogazioni parlamentari, articoli sulla stampa, ecc( ma nulla di concreto..), visto il sistema disumano utilizzato.

    RispondiElimina
  50. ♥ Hiroshima Mon Amour ♥25 agosto 2009 10:42

    Pizzariva l'avevo gia' trovata e spulciando qua e la' ho trovato un po' di ristoranti pizzerie tratorie osterie, ma dalle foto mi sa che di italiano c'e' ben poco, a parte qualcosina. Vi sapro' dire dopo l'assaggio ^_^

    RispondiElimina
  51. X Hiroshima
    Bene ti stai gia muovendo, se trovi qualcosa di valido informami che voglio creare una lista di ristoranti buoni per noi espatriati.

    XDaniele
    mi dispiace ma i giapponesi non sanno cosa vuol dire ribellarsi a un sistema, tutti si incazzano vedendo questa storia ma la cosa si ferma sempre a livello incazzatura personale.
    Non sanno aggregarsi e agire.

    RispondiElimina
  52. Da Italicus;

    Concordo con quanto dice Luca ed aggiungo che,oltre ad un'evidente differenza di Storia e di conquiste sociali, un altro problema è quello dell'intercomunicazione tra i Giapponesi stessi.
    Non è cosa normale che i Giapponesi parlino tra loro in qualsiasi situazione e con qualsiasi persona.
    Manca l'approccio di base,la voglia di comunicare. Un impiegato dovrà ripetere per tutta la vita - ho ricevuto questi soldi-li metto nella cassa- do il resto- dico arrivederci(perché così è imposto dal regolamento)-...,poi,quando questo povero ridotto torna a casa che altro gli rimane da dire?
    Il macchinista del treno,egli deve e dovrà per tutta la vita ripetere ed ammiccare a segni tutte le sue azioni; azionamento del pulsante di apertura delle porte,con fatidico yoshii,segnalazione mimica dell'avvenuta percezione e comprensione dell'avvertimento ad opera del semaforo ferroviario; mimica,parola,.
    Sembra che per ogni azione che fanno debbano giustificare e dimostrare le proprie capacità intellettive(ma ce n'è veramente bisogno!!!!?).
    Bisogna riconoscere che un Governo così fa invidia a molti altri Paesi: "lavora,zitto e tira avanti,che a farti vivere ci si pensa noi".
    Non è come da noi che,ci pare normale -ma ai nostri amici giapponesi non lo è-,..che in treno,alla fermata dell'autobus,all'ambulatorio,insomma,ognidove, le persone parlano tra di loro,poco importa con chi si parla(di sicuro un altro umano),si parla di sport,del politico che ruba,della polizia che dovrebbe fare meglio il proprio dovere,si parla anche ,sommarizzando,della disonestà della gente in generale e spesso usando il NOI accomunativo(noi:umani ,tutti uguali).Senza queste premesse culturali(e normalmente umane) non si può pensare nemmeno ad avanzare,che dico,cominciare ad avventurarsi alla parola,sull'argomentare di ogni situazione sociale,ivi compresa la pena di morte,come esempio di discussione eticamente difficile ma anche benissimo una semplice argomentazione del tipo- come si fa a vivere con qeusta società!-
    Non si è raggiunta ancora la filosofia del vivere,che cosa vuol dire vivere e godersi la vita,a tal punto che la filosofia del morire di sicuro passa in secondo piano.

    RispondiElimina
  53. ♥ Hiroshima Mon Amour ♥26 agosto 2009 06:49

    X Italicus
    ...ed e' per questo che ci invidiano per la nostra "gioia di vivere" e perche' sappiamo goderci il nostro tempo libero e non solo...

    RispondiElimina
  54. Frenateeeeeeee.
    Ci sara un post dedicato alla cosa.
    Comunque concordo con Italicus e Hiroshima.
    Vedi Italicus che ci sono persone sveglie?
    Hiroshima bazzica questo paese da un po ma ci si e' trasferita da pochissimo ma comunque non si e' messa le fettine di sushi sugli occhi come fanno alcuni.
    Hiroshima se vuoi scrivere dei tuoi post qui ti abilito. Lo stesso vale per altri lettori con esperienze sul campo.
    Hiroshima hai visto il post sul mio condominio se passate per osaka avvisatemi che vi presto l' appartamento.
    ciao

    RispondiElimina
  55. Da Italicus;

    Sì,sì,certo l'avevo notato che "persone con le antenne bene in funzione" ricevono e trasmettono.
    Io,mi butto nel mezzo ma la metto sempre sul piano della comunicazione,lealmente e findove è possibile.
    Concordo pienemente con quanto dice Hiroshima.
    I Giapponesi hanno però quella grande capacità ad adattarsi (nel meglio tra le situazioni possibili,sempre se queste varie possibilità sono in vista) e pertanto confido in una nuova via di intendere la vita da parte loro.Qualcosellina si sta muovendo ma,come succede ad un bambino che ha appena imparato a muovere i primi passi, si passa da un estremo all'altro.Meglio che niente!
    Eppur si move!Diceva Galileo Galilei. A me è rimasto da dire; Eppur si stanno svegliando(sottintendendo che io sono già sveglio e seguo i loro primi movimenti verso la vita,quella che va vissuta per se stessi,non quella che deve essere vissuta per il Governo e politicanti,capi,sottocapi..).

    RispondiElimina
  56. per vedere animali di ogni tipo stipati in piccole gabbiette con il vetro dove tutti possono stressarli, non occorre andare tanto lontano io l'ho visto in francia!

    RispondiElimina
  57. Xanonimo
    non serve andare in Francia anche in Italia ci sono ma la normativa lo vieta e i furbi ci sono ovunque (mio fratello ha un negozio di animali).
    il problema che qui e' la prassi e nessuno si preoccupa per il possibile invenduto.

    RispondiElimina
  58. Siamo nel 2012 e ho letto l'articolo solo ora. questo ragazzo dice che il giapponese medio tende a non sentirsi responsabile, certo perchè è facile vivere così, e soprattutto è un peccato perchè pure lui fa parte di queste persone. Fai tutto un reso conto di quello che succede e poi dici che semmai ti capiterà di volere un cane lo prenderai in un allevamento e di razza.. ma non ti vergogni nemmeno un po' Luca?
    è anche vero che è facile parlare stando dietro a un computer ma la soluzione per questo problema sarebbe proprio prenderli sti cani dai negozi facendo capire ai vicini (pure vecchi) che la loro opinione non può condizionare ciò che uno decide, e inoltre siamo noi giovani che dovremmo almeno tentare di cambiarle le cose.. sono dell'opinione che gli animali valgono più delle persone e non meritano questa fine . adesso si parlava di giappone nello specifico ovviamente situazioni analoghe o quasi accadono pressoché in tutto il resto del mondo, questo per dire che non sono i giapponesi i peggiori.. è tutto l'insieme che fa schifo
    Però pensare che i giapponesi vogliono tacere su questa storia è vergognoso. Ma tanto sarà una di quelle cose talmente radicate come gli animali usati per fare da cavie che sicuramente
    1 già di loro non gliene importa nulla e
    2 penseranno che non c'è niente da fare..

    tristissimo articolo e altrettanto triste il video.. ma ancora più triste come parli di questi animali

    RispondiElimina
  59. Anonimo primo firmarsi almeno con un sigla mi sto rompendo anonimi senza indentificativo.
    Secondo di che cosa mi dovrei vergognare? Semplicemente voglio un Bulldog francese, se lo trovo in gattabuia lo prendo se no lo piglio da un allevatore ma almeno non lo piglio a supermercato macelleria.
    Terzo tu che cavolo ne sai delle mie abitudini con gli animali? Quanti ne hai raccolti in autostrada e hai trovato un famiglia al povero animale? Io un centinaio nella mia vita, casa tua e` un rifugio per cani come quella dei miei genitori? Quanti randagi hai avuto e amato, io decine, Quarto a te chi ti dice che se un giorno avro le energie e il tempo per avere un cane anche qui in Giappone non faccia come ho sepre fatto in Italia? Uno di razza e un randagio da canile?
    Inoltre se ho la fortuna di cuccare un Boxer albino (altra razza che amo) che sta per essere fatto fuori lo prendo subito, non sai quanti albini ho avuto, bestie maestose destinate a morire solo perche il loro pedigree non permette un pelo bianco come il loro.
    Domanda Che cosa non hai capito della frase scritta male "non comprerò mai un cane in un negozio ma solo in un allevamento se e ripeto se deciderò di prenderne uno di razza e non un randagio"?

    Oggi non sono dell` umore giusto per farmi scassare le palle da un animalista che non sa un tubero del sottoscritto e di che cosa fa e` ha fatto in passato.

    RispondiElimina
  60. ferracchiato maurizio30 luglio 2012 21:14

    Il Giappone è un paese tra i più reazionari al mondo ...non concepiscono nemmeno la parola ribellione.

    RispondiElimina
  61. Sono d`accordo con te, l`ultima frase, se detta da uno che pretende di aver salvato migliaia di animali abbandonati, suona proprio male

    RispondiElimina
  62. Ma che cosa succede ho un invasione di piattole? Qualcuno no capisce "se e ripeto se"? Se mi prendo un cane sarà quasi sicuramente da un rifugio. Sul discorso prenderli dal negozio ci sei o ci fai? Se nessuno li comprasse da sto stronzi fallirebbero e non ci sarebbe esubero. Ogni giorno commenti piu stupidi

    RispondiElimina
  63. Scusa, ma hai dato ai tuoi commentatoridella "piattole"?
    Spero di avrr capito male, ma non mi pare una risposta molto intelligiente....verrebbe da dire 'ogni giorno risposte piu' stilupide.

    RispondiElimina
  64. Primo e` stato detto che gli anonimi non sono benvenuti, si diano almeno un Nick. Le piattole per me sono i commentatori di passaggio che mi attaccano come ha fatto l` anonimo senza leggere il post e l` anonimo che lo supporta. Anonimo su anonimo che arrivano e commentano alla CDC. Guarda potro dare dell piattole a gente che arriva nell` anonimato e rompe a casa mia.
    Non sono commentatori, per me. Anonimi uguale non esistono niente netiquette per loro.

    RispondiElimina
  65. Non mi sembra un buon argomento, chi insulta ha sepre torto marcio. Io chiederei scusa, anonimi o no

    RispondiElimina
  66. Guarda non mi interessa sono stufo di anonimi e gente che mi manda mail in anonimato sulla casella di posta. Anonimi che attaccano uguale bot e troll per me. Quindi non esseri umani quindi no educazione. Perche devo passare il poco tempo che ho, ha rispondere a gente che non si degna di firmarsi mi attacca dicendomi di vergognarmi e non ha nemmeno letto il post.
    Pesci in faccia da ora in poi a questa gente

    RispondiElimina
  67. Flavio Josè Paolini6 giugno 2013 12:42

    Concordo pienamente, poco fa un mio amico (qui a Roma) ha comprato un cane in un negozio....... l'ho insultato per 3 settimane. Conosco il negozio in questione, e le condizioni in cui tiene i cani sono vergognose e non è neanche dei peggiori.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.