martedì 8 giugno 2010

Pizza e mozzarella. Mo si mangia!!!!

(scusate la mia assenza sia nei post che nei commenti ma il piccolo demonietto ci sta facendo dannare non riesco ad avere un minuto libero.)

Post informativo per i residenti con crisi di astinenza da pizza e latticini.

Un mio problema e' il cibo, prima di vivere qui amavo la cucina giapponese ma da molti anni non ce la faccio piu e ormai mangio giapponese solo in occasioni particolari. Perche?
-sono schizzinoso
-sono piu bravo io a cucinare rispetto a mia moglie
-cucino cose prelibate anche se ho fatto 12 ore in ufficio perche odio l' istantaneo
-Cucinare italiano sporca meno piatti e pentole
-Cucinare italiano richiede molto meno tempo
-Cucinare italiano permette di usare cio che si ha in frigo e fare un cenone ogni giorno

Ora il problema della cucina italiana e' la reperibilita degli ingredienti chiave, la pasta si trova e anche economica ma poi mancano molti altri prodotti:
-Salumi di pochissimi tipi ed a costi proibitivi
-Bassissima scelta di formaggi ed anche quelli a caro prezzo.
-Scarsa disponibilita dei prodotti nei supermecati giapponesi

Una cosa che non capiro mai e' visto che i giapponesi vanno matti per la cucina italiana perche si trovano centinaia di prodotti francesi, tedeschi, americani e spagnoli ma pochissima roba italiana.
Si lo so ragazzi ci sono anche i prodotti italiani ma diffusione e' meno capillare rispetto a quelli degli altri paesi.

Da bravo casaligno ho imparato dove comprare cio che mi serve:
-Alla Costoco compro la pasta di qualita, i salumi e il parmigiano. (mi madre mi ha bestemmiato dietro quando ha visto quella pasta nella dispensa visto che e' difficilissima da trovare in Italia metre io qui la trovo senza problemi e a meno soldi)
-Alla Yamaya salsa di pomodoro, olive, caffe e olio di oliva (tanicone da 5 litri)
-Alla Grand marche invece mozzarella e pizza.

Ora per la mozzarella ecco un link:
http://www.bon-repas.jp/cheese/item/49772
http://www.bon-repas.jp/cheese/item/49773

La mozzarella costa 290yen mentre la bufala 490yen.(pero se la prendi vicino alla scadenza 129yen per la fior di latte e 200 per la bufala)

Ora con il bimbo che non ci lascia mangiare in pace e i parenti che ci riempono il frigo di roba giapponese io e mia moglie non riusciamo a mangiare insieme, inoltre io non ho voglia di cucinare solo per il sottoscritto dopo aver svuotato il secondo freezer di tutte le porzioni singole di pasta e fagioli, minestrone, tortellini, olive ascolane, mozzarelle in carrozza, e sugo di cinghiale non ho piu nulla da mettere sotto i denti che posso fare? Una pizza? ma che palle devo tirare fuori i robot da cucina (italiano da 220volt che attacco alla presa di corrente che ho montato io) impastare e far lievitare per poi andare al comprare la mozzarella con una moglie che rompe perche 290 sono troppi per un pezzo di formaggio. Cosa posso fare la roba istantanea non mi piace, il delivery lo odio moriro di fame?

Ma ecco che il mio angelo custode ascolta il mio pianto e dopo anni e anni di speranze cosa trovo al supermercato?
La pizza surgelata dall' Italia ecco le foto:



Qui la scatola
 

Qui ancore incelofata
 Qui pronta ad andare in forno
Qui brucciacchiata:


Veramente ottima.
Ora bisogna vedere se dura perche costa 349yen e con un diametro di 28 cm mi sa che i produttori locali si inventeranno qualcosa per bandirla.

Intanto mi sono riempito uno dei tre freezer che possiedo ne ho comprate 30!!!!
che dite sono malato?

p.s. ecco il link con i negozi dove comprarla:
Link
Per la gente di Tokyo guardate Bon Repas

Per chi non ha un negozio vicino ecco un link di rakuten:
http://item.rakuten.co.jp/wine-net/63827/#63827

30 commenti:

  1. hai fatto benissimo!!! carpe diem!!

    io adoro la cucina giapponese, ma effettivamente si sporcano un sacco di pentole e ci vogliono miliardi di ingredienti e di ore (mi', il riso per il sushi... che palle...), mentre nella cucina italiana con pochi ingredienti ti fai un pasto da re.
    e poi dopo mesi di zuppa di miso al mattino, anche a me era venuta una voglia di cappuccino e kelloggs col latte!!

    RispondiElimina
  2. -sono schizzinoso
    -sono piu bravo io a cucinare rispetto a mia moglie
    -cucino cose prelibate anche se ho fatto 12 ore in ufficio perche odio l' istantaneo
    -Cucinare italiano sporca meno piatti e pentole
    -Cucinare italiano richiede molto meno tempo
    -Cucinare italiano permette di usare cio che si ha in frigo e fare un cenone ogni giorno

    Hai dimenticato di citare LA MODESTIA... XD

    Ho fatto un commento con una proposta cattiva nel mio post "scova l'errore"

    PS Con 3 freezer ce credo che consumi il doppio mio di corrente!

    RispondiElimina
  3. @S
    Riso originario (quello che costa di meno).

    1 coppetta + 1 e 1/2 di acqua

    + bollitore Zojirushi (ma anche quello dei cinesi da 20 euro va abbastanza bene con gli opportuni tweak)

    RispondiElimina
  4. Non mi dire che in Giappone si trova la Cocco (o è la Martelli)...

    Il lievito di birra è di facile reperibilità?

    RispondiElimina
  5. Purtroppo nonostante ami il Giappone, per la cucina non ci stà niente da fà: la pappa col pomodoro & company è la migliore al mondo (almeno per me). Bella per essere una pizza surgelata, quella della foto, abbondante di formaggio visto che di solito le surgelate sono avare di condimento, strano che come scrivi, i giappi pur essendo amanti del Magna in Italy, non siano ben forniti, non è la domanda che fà andare il mercato in determinate direzioni? E chissà perchè a qualche buon giapponese non è mai venuto in mente, per esempio, di fabbricare salumi e latticini in patria imparando dagli italiani ovviamente...

    RispondiElimina
  6. i giappi pur essendo amanti del Magna in Italy

    Io direi amanti dello stereotipo di quello che pensano possa essere l'Italia e la cucina italiana.

    Di fronte ad un piatto di lasagne (vere) ho potuto ammirare una certa perplessita':

    jpn: .....
    ita: ?
    jpn: rasagna....desuka.
    ita: hai

    5 secondi di silenzio

    jpn: ........rasagna

    tavolata di 5 signore tutte perplesse, magnato poco e niente. amen.

    RispondiElimina
  7. riuscivano a dire "GN" ?? O_O

    RispondiElimina
  8. Dovevi fartene minimo 90. Primo perchè non è detto che la fornitura sia illimitata. Secondo perchè i prezzi aumenteranno presto. Terzo perchè te la tieni surgelata praticamente all'infinito e ti può fare da base se e quando otterrai rifornimenti adeguati. Quarto perchè l'anticristo appena se ne accorge che ci guadagna nel cambio si mette a caragnare per la pizza e le varie pappine al brodo di rotula di ippopotamo nano che fanno tanto bene per la crescita, qualcuno se le dovrà pur cuccare... (io impianterei un quarto freezer, clandestino, ben dissimulato, per far baldoria quando la marescialla e l'erede al trono sono via a trovare qualche parente) :P

    RispondiElimina
  9. Aggiungiamoci che la tassa di consumo che presto aumentera'.

    RispondiElimina
  10. Complimenti per le tue doti culinarie!
    Comunque quella pizza ha un bell'aspetto^^

    RispondiElimina
  11. Da Italicus:

    Concordo appienamente! Con quattro carabattole e pochi ingredienti domenticati nel frigo è sempre possibile farsi qualcosa da mettere sotto i denti se si imposta il procedimento all'italiana.
    Mia moglie non smette mai di meravigliarsi quando con poche cose, io, le faccio una minestrina,un'insalata di pasta, o che so, una fettina alla pizzaiola. La cucina giapponese la vedo metodica e dogmatica:quegli ingredienti e quelle salse e quelle metodologie,incluso misure che richiedono l'uso del micrometro..bla,bla

    A casa nostra cuciniamo una volta per uno, prima cucina casalinga(porzioni genuine e abbondanti), poi, se c'è tempo-voglia-materiale, cucina giapponese.
    Buona l'idea del Costco,bravo Luca! Lì ci puoi trovare anche il salame già affettato della Negroni. Devi vedere quando ci sono gli sconti come ci si abbuffano sopra questi Giapponesi(si ripropongono le stesse scene di quando si va a prendere il treno all'ora di punta). Alla faccia della compostezza e della classe.I prodotti italiani tirano!Ora la "Hokkaido & Co," fabbrica anche il caciocavallo. La mozzaLeLLa la "costruiva" già da decenni. Noi in Italia che si copia di loro? Informatemi che sono rimasto indietro con i tempi,grazie!

    N-B La pizza già preconfezionata la compravamo
    anche noi ma, Luca, una o due va anche bene, non sempre però.Siamo sempre lì col discorso:non sai che cosa ti ci hanno messo.

    RispondiElimina
  12. Mmm... quella pizza non sembra male :P Per curiosità domani faccio un salto al negozio di Azabujyuban indicato nel link, grazie per la dritta! ^^

    Per quanto riguarda la cucina, ho la grande fortuna di avere un marito che se la cava egregiamente ai fornelli, ma per questioni di tempo sono più presente io alla consolle :D
    Cucino quasi tutti i giorni giapponese e un paio di volte a settimana italiano, perché:
    -cucinare tutti i giorni italiano è troppo costoso
    -i tempi di preparazione sono identici, stessa cosa riguardo al numero di pentole
    -posso preparare tutti i giorni qualcosa di buono con le semplici cose che trovo in frigo
    -in casa mangiamo sano e sono banditi i prodotti istantanei.

    Mangiare tutti i giorni giapponese stufa se si preparano sempre le stesse cose, ma possiamo dire la stessa cosa per la cucina italiana. Paradossalmente ho iniziato ad apprezzare la pasta solo dopo essermi trasferita, dato che in Italia è propinata ovunque, spesso condita con sughi pesanti e oliosi e, quasi sempre, abbinata alla carne.
    La cucina giapponese è ricchissima di verdure e i grassi sono facilmente "isolabili", perciò se ci si vuole fare del male almeno si è consapevoli (vedi katsudon e fritti vari).

    RispondiElimina
  13. Da Italicus:

    Scusatemi tanto ma soltanto adesso ho capito che Kazu è una donna(mi si perdoni questa gaffe!).
    E, Kazu, saprai che in Italia il primo piatto(quello a base di carboidrati) è sì la pasta, ma ci sono anche i secondi piatti(proteine).La verdura ed i contorni(vitamine e minerali) che con la frutta(ancora vitamine) non mancano mai.Ecco l'aspetto secondario(e spesso trascurato) della tradizione del mangiar italiano.
    In Giappone si è preso a modello la pasta,quale rappresentatrice emblematica della cucina italiana,ma non è così.
    In aggiunta,tanto per chiedere conferma se le mie modestissime conoscenze sono giuste,che sappia io l'olio d'oliva e grasso vegetale(idrosolubile o liposolubile?Il primo?).Esso non va fatto fumare(non come succede nell'Okonomyaki e simili)pena la rottura delle molecole(in chimica ero zero,si tralasci quindi di infierire oltre),e, conseguente appesantimento del fegato(alias colesterolo e altri poco graditi congeneri). Vabbè,tanto per tirare l'acqua al mulino.
    A me basta che mia moglie abbia raggiunto queste vedute,poi, sta a noi decidere di dargli sotto di lardo o di magro. Onori alla cucina giapponese! Ricca di fibre com'è mi ha permesso di riprendermi da alcuni problemi d'intestino.
    Dopotutto,dove non arriva una,arriva l'altra,ed il connubio è a dir poco salutare(previ eccessi).

    RispondiElimina
  14. @mamoru: potresti approfondire la faccenda degli hack per i bollitori di riso cinesi?

    Grazie! :)

    interessatamente,
    Francesco P.

    RispondiElimina
  15. Noi cambiamo cucina a seconda di chi cucina. L'anno scorso quasi sempre io (lei lavorava fino alle 7) ultimamente quasi sempre lei.

    A me piace molto mangiare giappo, quindi ti rispondo:

    -sono schizzinoso

    ? non vedo cosa c'entri. Io cmq mangio tutto

    -sono piu bravo io a cucinare rispetto a mia moglie

    ok ma e' un problema vostro

    -cucino cose prelibate anche se ho fatto 12 ore in ufficio perche odio l' istantaneo

    noi non mangiamo mai l'instantaneo perche' mia moglie dice che e' troppo costoso "mottainai". Al massimo abbiamo qualche surgelato per le emergenze. :)

    -Cucinare italiano sporca meno piatti e pentole

    non e' vero. a meno che italiano==pasta al sugo

    -Cucinare italiano richiede molto meno tempo

    non direi proprio. Anche per la pasta l'acqua ci mette un po' a bollire. Se il gohan e' gia' pronto per un misoshiru al volo con riso e verdure ci si mette meno.

    -Cucinare italiano permette di usare cio che si ha in frigo e fare un cenone ogni giorno

    questo dipende solo da quello che hai nel frigo. se hai tutto cibo giapponese e' vero il contrario.

    Cmq noi abbiamo la regola: sabato a pranzo panini all'italiana. Ci siamo fatti regalare un'affettatrice apposta! :)

    RispondiElimina
  16. XS
    Certo se faccio il pranzo della domenica sporco anche li una botta di pentole e uso una botta di ingredienti ma durante la settimana una portata sola ed e' fatta.
    Guarda sul caffe la mattina non si discute cappuccino e brioche anche fatte da me.

    Xmamoru
    Ottimo commento quello sul regolamento non si puo che quotare.
    La modestia non la metto sono un dio hai fornelli chi osa sfidarmi?

    XL'economa domestica
    La cocco e martelli si trovano in alcuni negozi specializzati ma sono carissime.
    Il lievito me lo fornisce un amico panettiere ma normalmente quello buono non e' facile da reperire.
    Comunque la pasta di cui parlo e' garofalo http://www.pastagarofalo.it/it/

    X4S
    I gusti sono gusti quando arrivai qui ero vorace di tutto cio che era giapponese ma ora non piu. Un po come alcune delle mie ex o amiche giapponesi residenti in italia, non ce la fanno piu a mangiare italiano.
    Sui salumi e formaggi il discorso sarebbe lungo ma fidati qui fanno cartello.

    Xmamoru
    Ho presente sopratutto quando faccio la carbonara.
    loro: carbonara...... davvero e la panna?
    Il terzo freezer lo ho preso da poco.

    XGatto rognoso
    Sicuramente se ha successo i prezzi saliranno, poi almeno qui e' gia finita prossimo container 30giugno.
    Ippopotamo nano lo provero deve essere saporito.
    Il piccola avra accesso illimitato a quelle risorse mica mi voglio prendere una rata di botte.
    Il quarto io lo prenderei ma ormai sono fuori spazio limite. sigh.

    XMorena
    Grazie

    XItalicus
    Ieri frigo vuoto, solo un poi di salame della costoco, un pezzo di speck e un po di formaggi, ci ho fatto una pasta.
    Sicuramente chissa cosa ci mettono ma meglio di quella giapponese.

    XKazu
    Prima chiamali magari anche li e' finita.
    sul cucinare italiano troppo costoso no direi.
    Dipende dove compri la roba, per esempio dai il parmigiano normalmente costa 500-600 per 100 grammi ma alla costoco 128yen.
    La pasta normale la prendo da yamaha e dosta 78yen.
    Le olive sempre yamaya 100yen a barattolo
    Il caffe 530yen della lavazza.
    Basta sapere dove comprare poi ti fai un orticello come me e per la verdura sei apposto, ho dei san marzano buonissimi, quando faccio la conserva te ne mando una se vuoi.
    Sara ma mia moglie se cucina giapponese fa cinquanta tonnellate di pentole e piattini.
    SUl discorso stufarsi sono d'accordo mia moglie ha dei piatti italiani che sono offlimit per un po di tempo.
    ma ora facciamo ciclicamente 70 tipi (tengo le ricette create da me e se uno raggiunge il limite finisce nella busta di attesa) italiano, indiano, messicano ecc.


    Xuberto
    -sono schizzinoso
    Nel senso che se qualcosa non e' perfetto non lo mangio sono fatto cosi cucina a 5 stelle o nisba, la moglie se la cava ma poverina la faccio sudare. Poi c'e' il problema che alcune cose non mi piacciono o mi hanno nauseato negli anni.

    -sono piu bravo io a cucinare rispetto a mia moglie
    Capisci che e' difficile stare dietro a uno che fa pasta sfoglia, brioches, lasagne con pasta fatta a mano ecc.
    Molti dicono che dovrei aprire un ristorante, ma io odio cucinare per lavoro solo per passione.

    -Cucinare italiano sporca meno piatti e pentol
    Tralasciamo la domenica, durante la settimana un primo e secondino oppure un secondo con contorno, Io con tre pentole me la cavo.
    Poi dai piatti sicuramente meno un fondo e un liscio.

    -Cucinare italiano richiede molto meno tempo
    Ok piatto di emergenza, pasta tonno olive, tempo di scaldare l'acqua e 6 minuti di cottura per le linguine.

    -Cucinare italiano permette di usare cio che si ha in frigo e fare un cenone ogni giorno
    Vero abbiamo il parmigiano con quello posso prendere i pannolini usati del piccolo e trasformarli in una prelibatezza. Il re dei formaggi.

    Anche io voglio l'affettattrice. Ma per il momento nisba (c'era ma la mogliettina aveva paura e l' ho venduta ma in un futuro....)

    RispondiElimina
  17. Rinunciare alla cucina d'origine è davvero difficile, ed è anche un modo per tenersi legati alle proprie radici.

    RispondiElimina
  18. Io adoro la cucina giapponese ma alla mia cucina non rinuncio.....mi mancano anche quegli sfizi che non sono il solito cibo italiano (pasta e pizza)...mi manca lo sciroppo di menta con in quale mi preparavo squisite granite, la liquirizia,l'orzata che in Italia pagavo solo 2 euro e a Tokyo sui 1400 yen,un bel cannolo siciliano, una sfogliatella, un arancino, un crocchè.Per non parlare delle cozze che in Giappone non si trovano....una frittura di triglie..mamma mia e che fame!!!!

    gennarino

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Luca per noi è troppo costoso cucinare italiano ogni giorno, sebbene farei la felicità di mio marito che odia le basi tipiche giapponesi "agrodolci" e ha un senso dell'umami molto italiano.
    Per cucina italiana non intendo solo pasta al sugo o carne, che alla fine si rimedia - anche se un po' arrangiata con gli ingredienti che si trovano qui, spesso di bassa qualità e a prezzi inaccettabili.
    I grossi distributori tipo Costco ecc. dove si trovano prodotti buoni sono spesso lontani dai centri abitati. Sai che anche io vado da Yamaya, ma da quando ci siamo trasferiti il più vicino è a Ginza (che non rientra nelle nostre travelcard di lavoro, significa circa 500 yen per lo spostamento=risparmio annullato).
    Perciò la cucina quotidiana rimane giapponese, con un paio di felici eccezioni settimanali :)

    Italicus: in casa mia olio d'oliva quasi esclusivamente a crudo e tassativamente mai portato al punto di fumo. Idrosolubile/liposolubile: stiamo parlando delle vitamine, l'olio d'oliva è un olio (non un grasso) vegetale.

    RispondiElimina
  21. Non posso fare a meno di cucinare italiano, e con mia moglie sono giunto ad un accordo: io mi occupo della pasta, dei sughi e della carne, lei del pesce e delle verdure (e ovviamente della cucina giapponese).
    Ogni tanto facciamo una toccata e fuga a Saitama dove i genitori e il fratello di mia moglie hanno un ristorante (tra le varie cose, hanno la licenza per il Fugu ma non è un pesce che mi piace).

    Per acqua naturale, grissini, pasta, passate di pomodoro, sughi pronti, olii, aceti, birra, succhi... YAMAYA, che è a tre minuti a piedi da casa mia.
    Per la carne e per le verdure: HANAMASA - ci abitiamo sopra, praticamente.
    Il discorso formaggi è più complicato perché i prodotti italiani sono solitamente pochi e costosi. I formaggi francesi, che comunque a me piacciono, sono di più e leggermente più economici.
    All'EATALY hanno prezzi da capogiro (per le mie tasche), quindi meglio andarci per occasioni particolari. Da FERMIER non è che i prezzi siano più accettabili, ma almeno c'è più scelta.
    Ah, dimenticavo. Io compro la mozzarella di Hokkaidou, che mi costa la metà della Santa Lucia o della Santa Cristina...

    RispondiElimina
  22. Da Italicus:

    "Italicus: in casa mia olio d'oliva quasi esclusivamente a crudo e tassativamente mai portato al punto di fumo. Idrosolubile/liposolubile: stiamo parlando delle vitamine, l'olio d'oliva è un olio (non un grasso) vegetale."

    Come volevasi dimostrare! Grazie per le delucidazioni in merito!
    Sane abitudini!

    RispondiElimina
  23. Ah se cucina mia moglie, abbiamo ciotola di riso (blah), ciotola di miso (a volte con neghi e alghe, altre volte con alghe e neghi) poi un piatto principale generalmente composto da un quintale di verdure (sì, kyabetsu of course) e qualche grammo di carne buttata più per fare scena che altro.

    Se cucino io. Un quintale di pasta. Nel sugo, tutto quello che ho trovato in frigo.

    Io sogno le lasagne, anche di sera. Le donne carine le vedo passare e immagino di spogliarle e che la loro lingerie sia fatta di lasagne. Lasagne! Lasagne! Dove siete, mie dilette?

    RispondiElimina
  24. Mu te le preparo io, segue mail privata per accordi

    RispondiElimina
  25. ^_^ ti adoro.... ci conto neeeeee

    RispondiElimina
  26. Mu:
    ti consiglio di preparti da solo le lasagne:
    lasagne: uova farina
    sugo: pomodori (o pelati o passata) carne macinata cipolla carote noce moscata pepe sale olio
    besciamelle: farina latte burro

    anche in giappone gli ingredienti sono ecomici
    a seconda del forno (anche microonde con grill va bene)

    fai le vaschette piu' grandi che puoi e se hai frizer fanne di piu per il futuro

    RispondiElimina
  27. ahahah, alexxx, non credo che tu sappia come sono scarso in cucina. Mancano le quantità, poi con gli ingredianti che faccio? li mischio tutti e poi li metto sul fuoco? Non corrai davvero che mi faccia la pasta delle lasagne da solo eh? non ho mai usato farina in vita mia.

    RispondiElimina
  28. @Kazu
    l'olio d'oliva è un olio (non un grasso) vegetale.

    Se mi dici cosi' e' come dire che una scatoletta di tonno contiene tonno (non pesce)..

    例えば
    Valore per 100 ml
    Valore Energetico 822 KCal
    Proteine 0 g
    Carboidrati 0 g
    Zuccheri 0 g
    Grassi 91,3 g
            Saturi 14,1g
            Monoinsaturi 68 g
            Polinsaturi 9,2 g
    Colesterolo 0 mg
    Fibre alimentari 0 g
    Sodio 0 g
    Vitamina E 12 mg (0,012g)

    Praticamente e' fatto da grassi.
    =P

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.