venerdì 20 novembre 2009

La microcriminalita' inesistente una bella leggenda Giapponese - I furti

Oggi procediamo con un post sulla microcriminalità'.

Molti pensano che la criminalità comune in Giappone sia quasi nulla o inesistente.
Come anticipato nei commenti mentre parlavo con Massimiliano cercherò di darvi qualche dato utile usando i numeri ufficiali e le mie esperienze personali.
Iniziamo nel dire che quando sono arrivato qui nei miei molti viaggi da turista avevo una visione simile a quella di Massimiliano, noleggiavo una bici e non la illucchetavo.
Se andavo in un ristorante non avevo paura di lasciare la borsa sul tavolo e andare al bagno.
Un esempio estremo di sicurezza in Giappone lo ebbi al mio primo viaggio, ero un turistello che non parlava inglese ne giapponese, avevo solo 19 anni (madooo come passa il tempo), ero andato a fare un giro in centro Osaka, alla stazione di Umeda chiamo i miei genitori con un telefono pubblico e ritorno con la JR vicino al mio hotel.
Arrivato sul posto mi rendo conto che ho lasciato la borsa con la video camera, 2 milioni di lire, e tutto il resto sopra il telefono alla stazione di Osaka. Corro come un dannato salto da un treno all' altro per tornare a Umeda e arrivato li, sorpresa la borsa dopo due ore era ancora sopra al telefono. Li pensai che paese fantastico.
Ma ora so come stanno realmente le cose, sono stato fottutamente fortunato.

Da quando vivo in Giappone mi hanno fregato un bel po di roba:
-3 biciclette (2 illucchettate e una con due catenacci perché era in fibra di carbonio e costava una cifra)
-Uno scooter 50cc
-Una moto 400cc Suzuki Bandit
-Due autoradio
-Un cellulare
-Una volta la borsa
-Ho avuto 2 infrazioni in due appartamenti diversi
-Mi hanno fregato tutti vestiti alla lavanderia
-Mi hanno rubato una coperta della Tucano per la moto
-Hanno scippato mia moglie
-Hanno tentato di rubare la macchina dei genitori di mia moglie
-Sono venuti a rubare a casa dei genitori di mia moglie ma sono scappati perché sono arrivate le guardi di sicurezza della Secom.


Queste erano le esperienze personali in Giappone in questi 5 anni.
Mettiamo subito in chiaro confrontando con l' Italia sicuramente il bel paese e' messo peggio solo quest' anno a casa mia in Italia i ladri si sono fatti tutte e 4 le macchine, 3 bici, due scooter elettrici, sono entrati un mese fa da mia cugina e le hanno svuotato l'appartamento.
Questo in un solo anno. Ce ne sarebbero altre ma non le elenco tutte.

Sempre in Giappone avendo avuto molti studenti e studentesse se a qualcuno succedeva qualcosa lo venivo a sapere:
-3 studentesse si sono ritrovate l' appartamento svuotato
-5 o 6 hanno subito degli scippi
-quasi tutte si sono viste fregare la bici
-A due sono state rubate le macchine

Parlando con i miei colleghi ho sentito le seguenti situazioni:
-Furti di moto
-Furti in casa
-Furti di macchine

Il più interessante era un collega paffutello che io chiamavo Pietra perché el iera duro come una piera non capiva un cazo.
Bene al simpaticone hanno fregato 4!!! moto di grossa cilindrata, mo non ne compra piu e sapete perche?
Sulla moto si può fare l' assicurazione per i furti per un anno appena acquistata dal concessionario poi l'assicurazione furto non si può piu fare. Scusate secondo voi perche le assicurazioni non voglio e non permettono di assicurare le moto? se e' un paese con criminalità bassa perche non assicurarle?

Molti dei mie amici italiani si sono visti fumare le bici, 2 anno avuto delle visite in casa e a uno hanno rubato la macchina.

Secondo me in Giappone criminano meno rispetto all' Italia sicuramente ma criminano eccome. Ecco la tabella furti:


Italia

Giappone

Differenza

2004

1,466,582

1,981,574

514,992

2005

1,503,712

1,725,072

221,360

2006

1,582,031

1,534,528

-47,503




Sono la meta di quelli che avvengono in Italia perche la popolazione e' doppia ma sono lo stesso numero per anni in quantità totale quindi direi che il crimine non e' cosi basso come si crede.

Valutate voi.

44 commenti:

  1. Come al solito lancio la pietra e nascondo la mano ci sentiamo martedi perche questo weekend e' un weekend lungo!!

    RispondiElimina
  2. Lascia che sia il primo a dire:

    "ma in Italia e' peggio"

    almeno chi commentera' in seguito potra' scrivere altro.... ;)

    RispondiElimina
  3. "questo weekend e' un weekend lungo"

    e lascia che sia il primo a ribadire:

    "LAVATIVO!"

    RispondiElimina
  4. non parlatemi di uicheend lungo :(
    quasi quasi vado a rubare.... in giapponia però... c'è meno concorrenza e nel uicheend lungo si trovano più appartamenti incustoditi :P

    RispondiElimina
  5. Dimentichi di far notare il fatto che in Italia si presta sempre molta piu` attenzione di quanta non se ne presti mediamente in Giappone.
    Tanto per fare un esempio, non penso che in Italia tu possa trovare una ragazza in metropolitana con la borsa dietro la schiena e aperta; a Tokyo - almeno nelle zone in cui giro io - invece e` abbastanza normale.

    RispondiElimina
  6. altra cosa: dai numeri che riporti fai vedere che in giappone i furti stanno diminuendo, in Italia aumentando.

    RispondiElimina
  7. i ladri fanno gli affari con te.

    RispondiElimina
  8. Maledetto mamoru!!!!! come ti permetti solo i babbo puo criticare ora ti mando dei bulldog con la suina.

    Xgatto
    e ze tutti casa dove vuto che vada i giapponesi non ga niente da fare.

    Xanonimo
    Si borsa aperta e minigonna attillatissima dopo si lamentano se le stuprano. Direi che qui sono solo meno furbi, se te la vai a cercare non frignare.

    Si sono in diminuzione verissimo ho dimenticato di far notare che fino al 2004 il Giappone aveva numeri piu alti dei nostri e ora sta calando. Ottima precisazione.
    Non voglio discutere della ragione percui in Italia crescono.
    Ma mettiamo cosi:
    -in giappone non ci sono gli zingari
    -I furti sono commessi per lo piu da Giapponesi

    Quindi conclusione, in Giappone si crimina di piu fra la gente comune?
    Ok scappo.

    RispondiElimina
  9. CHE MARIUOLI! Niente da dire...un'alro crollo del mito...

    RispondiElimina
  10. Xbrista
    Mo non piu la casa dove vivo e' ben sicura, video camere ovunque e porte blindate.
    Ma nell' appartamento vecchio come si a non farli entrare, porte de carta pesta e finestre che con un calcio scalzi dal binario.
    Ma uno ovunque sia non puo nemmeno pensare di mettersi in sicurezza. La porta di ingresso e le finestre sono proprieta condominiale non le puo cambiare.
    Che provino a fregarmi la moto ancora, vedrai che pacchia quando mi trovano sotto casa loro con la mazza da baseball. (cio messo il Gps tutto l' impianto e' di mia fabbricazione, saldato sul telaio, blindato e impermeabile con batteria interna di emergenza) hehehe sono un ingegniere che ci volete dare tutto fai da te.
    :-)

    RispondiElimina
  11. 4s esatto mariuoli, e sopratutto un mito in piu sfatato.
    e che cribbio ero stufo di sentire, in giappone noi ruba puoi lasciare 1miliardo sulla tazza del cesso e li ritrovi subito.
    ma non ho paura ad ammetterlo ero anche io uno di loro molti anni fa;-)

    RispondiElimina
  12. Che aria tirava mi è stato evidente in stazione a Nagoya, quando, nello specchio dei bagni mi vedo l'uomo invisibile che mi punta... :)
    Esco, mi "ricordo" di dover fare un controllo nello zaino, mi fermo e lui dietro... riparto, trovo dei pilastri che mi faccio a zig zag e appena beccato un punto cieco mi giro e lo aspetto...
    Il caso ha voluto che come è sbucato da dietro il pilastro e mi ha trovato a meno di un metro, faccia a faccia, gli sia improvvisamente venuto in mente che doveva andare a fare qualcosa di urgentissimo dall'altro lato della stazione.... ;P Peccato... ci tenevo ad uno scambio interculturale....
    Sicuro il Giappone... il paradiso.... :)

    i xe tuti ec casa ???
    e cossa i fa en casa?? niente sghei par divertirse ?? alora l'è vero che no ghe xe criminalità... :P

    RispondiElimina
  13. Ciao Luca, complimenti per il tuo blog, è davvero interessante.
    E' vero, esistono molti luoghi comuni sul Giappone, che tu, in base alla tua esperienza, ti stai impegnando a sfatare (come questo sulla microcriminalità), e spesso ti chiedi da dove diavolo abbiano avuto origine certe credenze e stereotipi...Io penso che sia importante notare come il Giappone che conosci tu sia profondamente diverso da quello di 20 anni fa, ed è attorno a quel Giappone, non a quello di oggi, che si sono costruite tante leggende...Come saprai meglio di me, negli anni 80 il Giappone era traboccante di ricchezza, la disoccupazione era davvero un problema quasi inesistente, e di conseguenza anche la criminalità, a parte quella organizzata, era piuttosto insignificante...Il Giappone di oggi è un Paese ferito da una crisi ventennale che ha sconvolto economicamente, socialmente e a livello identitario una nazione che solo un paio di decenni fa era candidata a sostituire gli Stati Uniti nel ruolo di prima potenza economica mondiale (ora questa candidatura è passata alla Cina), privando il suo popolo di tutta una serie di certezze. Oggi il Giappone è un Paese ben diverso da quello da cui hanno avuto origine certi stereotipi in parte ancora radicati nell'immaginario collettivo, e chiunque se ne interessi un po' sa che, stereotipi a parte, per il mondo intero il sistema giapponese non è più un modello da seguire, quanto piuttosto da evitare. Per gli studiosi il Giappone ha fallito e la stampa internazionale non si fa certo mancare le occasioni per ricordarlo, e, come dicevo pocanzi, basta avere un minimo interesse per questo Paese per sapere che certi stereotipi ormai sono totalmente obsoleti.

    Buona giornata, ShinXela.

    RispondiElimina
  14. Ah, ok, questi dati non li conoscevo =P
    Vero è che noi italiani, abituati come siamo a pensare male, ci mettiamo poco a ricordarci come ci si comporta in giro per non farci derubare...
    @Gatto Rognoso. Peccato che t'è scappato: avrei voluto saperne di più sul vostro "scambio"!

    RispondiElimina
  15. Da Italicus;
    Mah,io posso dire che per quanto siano cospicue o no le liste di confronto tengo anche di conto che molti degli atti di teppismo e criminalità nei miei confronti non li ho potuti denunciare perché delle vere e proprie denunce contro ignoti non me le fecero fare tranquillamente,anzi,non me le fecero sporgere proprio! Ora,dico io,siamo sicuri che qui si denuncia tutto quello che ci succede per intorno o si bada a ritoccare le statistiche,così,per dire: "da noi non c'è delinquenza;anche se andate con la borsetta a tracolla ed aperta ricordate che siete nel vostro Paese, il Nippon.Fatevi pure cullare nella bambagia!Fidatevi!".

    Qualche bicicletta mi è sparita pure a me.Mi hanno cacato davanti alla moto(il maiale è più educato al confronto!) .Mi hanno sempre spisciaccherato intorno al recinto di casa. La macchina me l'hanno già presa a calci due volte....
    Hai voglia a di', a me torna per come la vedo e per quello che ho ricevuto. Che cerchino di indorare pure la ruggine! La ruggine c'è e a forza di coprirla poi vien le bolle fuori. O, beninteso!anch'io pendevo dalle labbra quando mi dicevano che il Giappone era il paradiso delle persone oneste.
    Ora è toccata a me,poi a te,poi ad un altro, e così pian pianino il nostro Giapponcello avrà pur la sua nomea che merita .
    Francamente per sradicare le false verità ci vogliono delle propinazioni forzate di realtà diretta:Fatevi quindi rubare e strarubare e diffondete il verbo,evangelizzare le platee.

    Luca, a buon osservatore pochi commenti.

    RispondiElimina
  16. Da Italicus;

    Vent'anni fa ero già qui e la situazione per come me la ricordo era di poco differente,allora come la volete?Facciamo 2.000 anni fa?

    RispondiElimina
  17. @Shimazu

    ma non è scappato... cos'è tutta questa mancanza di fiducia ?? Aveva da fare :)
    Probabilmente mirava alla panasonic parcheggiata nella tasca della camicia e tenuta con una fascia da telefonino attorno al collo pensando fosse chissà quale cellulare ultratech...
    Me lo immagino a scoprire con che baracca di cellulare vado in giro.... "tenga sti 15.000 yen, buon uomo, si compri qualcosa di decente che se no a derubarla non c'è nemmeno gusto..." :D

    Tanto per smontare ulteriori stereotipi, mentre qui ti aspetteresti lo zingaro, il marocchino o il tossico ( Ah già, qui TOSSICOOOOO non si può dire.. ;P ) l'amico in questione era quanto di più anonimo si potesse immaginare... non avessi notato nello specchio che mi aveva "preso in consegna", incrociandolo non me lo sarei filato minimamente...

    RispondiElimina
  18. Giuro a osaka ho visto una ferrari 430 incustodita
    parcheggiata con motore acceso (anche questa una stranezza nipponica visto che non era certo l'unica) ad un lato di un viale.
    Se era in Italia non durava 30 sec

    RispondiElimina
  19. Ciao Luca,

    Interessante il blog complimenti.In Agosto sono stato 2 settimane da turista a Tokyo (vacanza meravigliosa non volevo rientrare.. ho provato a cercare un lavoro dall'Italia ma nisba) e ho avuto una impressione esattamente opposta alla tua (attuale) su:

    1. ragazze (libertà etc)
    2. educazione
    3. omicidi
    4. microcriminalità

    Ovviamente mi fido più della tua opinione vissuta da vari anni che della mia breve superficiale e parziale analisi da turista, per quanto riguarda poi 3 e 4 poi ci sono i numeri e questi sono dati.

    http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_countries_by_intentional_homicide_rate

    Tuttavia ti mando (di sopra) il link a wikipedia dove il Jap torna a essere quello che tutti pensiamo che sia (quartultimo al mondo)

    In ogni caso, al di là delle classifiche è certo che il Giappone non è purtroppo quello che molti occidentali si immaginano...l'isola che non c'e'.....

    Have a nice week end

    andre

    RispondiElimina
  20. vabbuò non sarà la terra promessa ma la terra più sicura dell'Italia poco ma sicuro
    eh il furto di bicilette è un must worldwide
    a me ne hanno rubate innumerevoli...manco ho tenuto il conto. del resto le compravo apposta scadentissime perché tanto sapevo che in stazione diventava materiale "usa e getta"

    RispondiElimina
  21. Luca complimenti per il gran bel blog!
    La questione che andrebbe approfondita è secondo me: quanto la percezione del livello di sicurezza dipende anche dai media. Perché i media italiani non sono quelli giapponesi.
    Sono sposato con una bella nipponica e sono stato in Japan un bel po', adesso stiamo in Sicilia in un piccolo centro e insomma, oggettivamente siamo molto più sicuri qui.
    Comunque complimenti ancora e a presto!


    PS: Dall'inizio di dicembre sarò dai suoceri per 5 settimane, ovvero a due passi da Himeji!

    RispondiElimina
  22. Vado un pò fuori tema per quel che riguarda le nazioni ma vi riporto la questione furti in base alla mie esperienze personali, quindi senza valore statistico.

    19 anni in Italia: furti zero (forse anche perchè non avevo niente da rubare).

    Dieci anni in Inghilterra: furti zero.

    Un anno a Taiwan: furti zero.

    Sette anni in Australia: un tentato furto di macchina ed un furto in casa (cose piccole).

    Leggendo l'articolo mi ritengo fortunato ma il fatto rimane che in Australia (nazione che preferisco di gran lunga) sono stato derubato mentre altrove no.

    RispondiElimina
  23. XGatto rognoso
    Hehe bella storia gatto.
    Un giorno raccontero come ho rapinato dei rapinatori coreani mentre ero in Viaggio in corea.
    Poverini penso che si siano sucidati dopo aver avuto a che fare con me. hehehehe

    XShinXela
    Sui ventanni fa forse era vero forse no come vedi Italcus smentisce la cosa.
    Io ritengo che il Giappone per certi cose sia un mago di marketing, riuscire a dare un immagine di se stesso diversa dalla realta per un paese non e' un giochino facile. Ma l' hanno fatto e lo continuano a fare, cara Italia impara da loro, mio bel paese mica c'e' bisogno di sputtanarsi ogni cinque minuti, teniamoci le nostre rogne in casa no?
    Per la cronaca ho i dati dal 1970 e direi che 20 anni fa vi era molto crimine anche qui.
    Alla fine dei report pubblichero i PDF ufficiali e chi vorra' potra leggerseli con calma.
    Ma guardando i PDF italiani gli omicidi in Italia sono calati mostrusamente dal passato a oggi.

    Shimazu ha detto...
    Dopo alla fine dei report pubblichero i file completi se hai voglia di spulciarli mi fai un favore, chiedo venia se avro cannato in qualcosa, sono un pochino incasinato.

    XItalicus;
    Ci credo italicus con i dati alla mano le cose da 20anni fa a oggi non sono cambiate di molto, aggiungerei che ora la gente non denuncia tanto come prima, perche non ha fiducia nelle forze dell' ordine.
    Nel tuo caso vedo molti casi di Itazura che non sono nelle tabelle perche non si procede per via legale ma sono una piaga sociale in Giappone.
    Ti credo che la pula non fa nulla una mia ex studentessa veniva periodicamente aggredita dal ex marito e la polizia non faceva nulla.

    XGatto rognoso
    Quoto il tuo commento, persone normali all' apparenza che criminano

    Xsami
    Chi pensi che lasci una ferrari incustodita accesa? mica un giapponese normale, fidati sara stato un mafioso e ogni ladruncolo lo capisce al volo.
    Poi il Giappone e' un arcipelago non e' facile uscire dal paese con una macchina di lusso. Che la freghi a fare? Poi non ci puoi girare perche e' un pochino appariscente.
    Aggiungiamo che chi ha una macchina di lusso sara anche munito di GPS ecc.

    XAndre
    Non posso negare che anche io ebbi il tuo stesso sentore quando ero turista.
    Sulla tabella di wikipedia il dato e' procapite, essendo il doppio di noi e' normale che il valore sia la meta ;-)
    Pero occhi wikipedia soprattutto sui numeri canna alla grande ecco alcuni esempi di dati
    http://www.nationmaster.com/graph/cri_mur-crime-murders
    Questi sono gli omicidi per numero. Come vedi il valore per il Giappone e' sballato.
    Poi ecco i procapite:
    http://www.nationmaster.com/graph/cri_mur_percap-crime-murders-per-capita

    Se noti i valori sono simili a wikipedia, ma il numero di omicidi sulle tabelle della polizia giapponese e' il doppio rispetto a quelli di questo sito e percio il doppio di wikipedia come procapite. Mistero dove trovino i dati. Ma direi che sono piu affidabili alla fonte.
    Comunque su wikipedia ne ho corretti di voci (spesso poi le riportano ancora alla versione errata) guardati la mistubishi, il significato del nome non corrisponde alla leggenda.
    Se leggi l' inglese e l' italiana quella giusta e' quella italiana che io ho corretto;-)

    XS
    La sicurezza e' relativa, giustamente un Giapponese in Italia rischia di piu perche non ha il background giusta, ma io penso che un italiano rischi di piu in Giappone perche non ha il background giusto per questo paese, non pensi?

    XFalco C.
    Grazie.
    Falco i media fanno la loro parte, come ho detto il Giappone ha un ottimo marketing.
    Scrivimi per dicembre sulla mia email, cosi magari ci vediamo per una pizza.
    Sono comodo a Kobe per mangiare,
    PS.abito a Takarazuka.

    XAldo
    Come detto la percezione e relativa, tu ne hai portato un ottimo esempio.

    RispondiElimina
  24. in italia non mi hanno rubato niente ma: la macchina era rossa, e dopo 2 settimane era rossa a striscie bianche irregolari (immagino coltellino)... così come quella del mio coinquilino qualche giorno dopo. Specchietto lato passeggero distrutto (lato marciapiede) dopo un altro mesetto e così via. bici, non te lo sto neanche a dire. Niente bici, perché quasi inutile comprarla per poi ricomprarla (la tua) al mercato nero. Più che altro i vandalismi sono troppi ed esagerati, poi la criminalità più o meno... il mondo è mondo. Gli esseri umani li conosciamo eh.
    Per la ferrari parcheggiata quoto luca, anche perché il fatto è che una ferrari non la rubi perché difficilmente la rivendi (non è proprio una macchina da grande distribuzione). Più facile che ti rubino una panda che una mercedes...
    ah, adesso che ci penso una volta ci hanno rubato l'auto, ma solo per farsi un giro nel week end. Il lunedì era di nuovo parcheggiata vicino casa.
    In giappone ci sono da troppo poco per fare paragoni...

    RispondiElimina
  25. Come vi riscaldate in Giappone?
    Metano ? GPL? Elettrico?
    Puoi fare una recensione sui kotatsu?

    RispondiElimina
  26. @Luca ed Italicus: un'esperienza individuale - quella di Italicus - non penso possa smentire comuqnue il fatto che, in generale, certi stereotipi siano nati attorno al Giappone del benessere, non a quello della crisi.
    Credo sia comunque un dato importante di cui tener conto, senza per questo pensare che questi stereotipi a quel tempo ritraessero una situazione assolutamente verosimile; bisogna infatti considerare che sempre di stereotipi si tratta, ma di certo avevano un fondo di verità, per quanto marginale, che ora non hanno neanche lontanamente...
    Ciao da ShinXela

    RispondiElimina
  27. Da Italicus;
    Bah! ma sì! Quando la gente dice ,o c'è rapa o c'è radice( Così dice un un proverbio della Lucchesia).
    Io poi,di indole santommasea come sono, aggiungo, - vuoi provare per credere? Tocca di persona,ovvero annaspa e vedi se le radici sono ben radicate,o non ci sono per niente.
    Dopotutto,come accenna Luca, si fa per non buttare né acqua né benzina sul fuoco. Si lascia vedere come scorre,il torrente.Se poi ,del torrente,di acqua pulita si tratta,lo vedremo al momento di lavarsi le mani(in situ).
    Gli sforzi non sono enormi per "riprendere"nell'immagine di molti fantasticatori l'ormai itinerante Giappone nei lidi del Paradiso,e riportarlo ben saldo al suolo ma,nonostante gli sforzi non immani per compiere ciò, come disse quello che orinava in mare: Tutto fa.
    Di qualche miliardesimo di millimetro aumenterà(il livello del mare).
    Noto che(e non me ne compiaccio punto) c'è più da smentire che da accreditare quando si parla del Paese dove vivo da oltre un ventennio.
    Io vorrei essere sul neutrale,mi si creda, ma...con le esperienze ricevute il mio punto di vista è rigido e costantemente in tensione per tutto quello che mi transita d'intorno.
    Si ritorna quindi al discorso:sperimentare e parlare per le proprie esperienze.
    Difficilmnte parlo per sentito dire,ma al contrario,parlo per aver toccato con mano.
    Seguo volentieri la rubrica di Luca perché lui si tiene nel mezzo della via e mi fa ricordare sia l'Italia sia il Giappone e connesse problematiche.Spesso,lui,parlando dei malanni dell'Italia mi fa sopportare meglio le rabbie che covano in me.Cerca di dare,come si suol dire,un colpo al cerchio ed uno alla botte. Con la speranza che sia il cerchio che la botte reggano i colpi.(e di colpi ne stanno venendo fuori..).

    Allora rassegnatevi a sentire anche le mie storielle e anche voi potrete decidere a chi dare retta.Io mi propongo il ribadire che siamo tutti fatti della stessa materia ,tutti uguali.

    E tanti saluti a tutti!

    RispondiElimina
  28. Una mente allerta avrà pur ben notato questo:

    "Spesso,lui,parlando dei malanni dell'Italia mi fa sopportare meglio le rabbie che covano in me"

    Infatti,anni ed anni che sono impregnato di vita giapponese hanno finito per farmi parlare come fa generalmente qualsiasi Giapponese.Voglio lottare contro questo stato di cose. Non voglio illudermi di star meglio sentendo dire che altrove sono reputati problemi in numero maggiore. Siamo arrivati al nocciolo della questione?

    RispondiElimina
  29. Tre giorni infernali domani vi dico la situazione

    RispondiElimina
  30. Cosa pensi riguardo alle differenze tra le varie zone del Giappone? Ho sempre saputo che l'area di Osaka avesse alcune tra le zone peggiori in tema di criminalità, ma ora che cerco dati a suffragio di questo ricordon non ne trovo. Cosa ne pensi?

    Ah, e Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  31. Wè come va? Ti ho inviato una mail un po' di tempo fa, comunque ora stavo pensando di affittare una moto o scooter, però il problema è che tutti mi dicono che bisogna essere ventenni...vabè scusa per l'out topic, rispondimi sulla mail così sono sicuro di leggerla!
    Grazie ciao.
    Cesare

    RispondiElimina
  32. Ingegnere Luca G. come va?
    Se la spassa in Giappone? Cosí tanto da non poter rispondere alle mail di un vecchio amico?
    Allora se ti scrivo nel blog mi rispondi per forza?
    Come stai vecchia volpe? come stanno i Tuoi cari?
    Fatti vivo dai.
    Cari saluti.
    Renato (Cile)

    RispondiElimina
  33. Ciao Ragazzi sono ancora incasinatissimo, Domani rispondo a tutti i commenti e email.
    Renato mammia quanto tempo manda una mail.
    Avevo perso i tuoi dati

    RispondiElimina
  34. XMu
    heheh ci siamo capiti.

    XRocco
    In citta aria condizionata in generale.
    Nei condomini nuovi aggiungiamo ci il riscaldamento a gpl sul pavimento.
    Quasi tutti continuano a usare il kotatsu perche si riscalda solo l' individuo e si salvano soldi.
    In molte case poi si usa il Gpl collegato a una stufetta che ti brucia l' ossigeno.
    Per ultimo ed ancora uno dei piu utilizzati nelle case vecchie e economiche il caro KEROSENE.
    Anche io avevo una stufa a Kerosene andavo dal benzinaio e riempivo la tanica .
    Una mia collega scema usa il kerosene e non apre finestre dice che la mattina non si accende nemmeno l' accendino perche non lo sa. (cribbio avra la stanza satura ci CO2)

    XShinxela
    Io direi che gli stereotipi sono nati perche la stampa giapponese non e' libera e passa solo le notizie che vogliono le forze politiche.
    Come si spiegano i dati (passero i file tra poco)

    XItalicus;
    Sono la tua valvola di sfogo?

    XZeltran
    Dopo ti contatto sto cercando info (non mi ero accorto della mail scusa)

    RispondiElimina
  35. Grazie cmq sembrano tanto evoluti i giapponesi e poi si riscaldano male e nel modo più antiecologico possibile. L'unica cosa intelligente è il kotatsu anche se non ti fa fare più niente in casa.

    RispondiElimina
  36. Figurati! Non c'è problema, tanto di tempo ne ho.

    Comunque dall'ultima mail che ti ho scritto forse ho già cambiato qualche cosa.

    Il fatto è che ho rinunciato a venirci in moto, In Giappone ci arriverò passando dalla Russia e Korea, ovviamente il tutto con treni o traghetti.

    Il fatto è che ora sto cercando qualcuno che mi affitti una moto per un mesetto...però tutti i venditori che ho sentito mi fanno storie sul fatto che devo avere 20 anni per affittarle(pare che a 18 non mi fanno l'assicurazione...)
    Tu ne sai qualche cosa riguardo a affittare moto? So che ne hai avuta qualch'una no?
    Fosse per me la comprerei di seconda mano e la rivenderei prima di partire, ma bisogna essere residenti per poter comprare...


    Boh rispondimi sulla mail che qua se no spammiamo ;)
    Cià!

    RispondiElimina
  37. @Luca: se parliamo di stampa, non è veramente libera da nessuna parte, quindi l'affidabilità di certe statistiche può essere dubbia un po' ovunque...Non so se tu abbia presente la siuazione della libertà di stampa che abbiamo attualmente in Italia, ma credimi, non è affatto rosea.
    Cmq io ribadisco che secondo me una crisi economica ventennale va ad incidere in maniera reale nell'assetto sociale di un Paese, e non mi convince che il Giappone di oggi sia uguale a quello di 20 o 30 anni fa, è un discorso che non 'sta in piedi...poi chiaramente ognuno ha i propri punti di vista. Inoltre non sto dicendo che quegli stereotipi fossero assolutamente veri negli anni 80, solo che erano un po' più vicini(anche se magari di poco) alla realtà di quanto non lo possano essere ora, in un Paese ridotto allo sfacelo!
    Ciao da ShinXela

    RispondiElimina
  38. @Rocco
    Io sono un sopravvissuto delle stufette a gas.
    Si dormiva pure sul tatami: al livello del suolo dove i gas pesanti ti ammazzano per soffocamento...

    Al mio risveglio mi venne in mente la frase:
    "adoro l'odore del napalm al mattino" :D

    che brutte cose.
    La sicurezza in Giappone, almeno in alcuni ambiti, e' una vera barzelletta (evitate le videoteche ;) ).
    Anzen dai ichi: seeeeeeee...come no ceeeeeeertoooooo.

    Non parliamo poi dell'isolamento termico ridicolo....tutta energia buttata nello sciacquone (come se le vending machine da sole non bastassero)....tutta la filosofia dell'"eco" appunto.

    @ShinXela
    "parliamo di stampa, non è veramente libera da nessuna parte, quindi l'affidabilità di certe statistiche può essere dubbia un po' ovunque"

    A meno di non fidarsi della stampa e recuperare i dati alla fonte giusta ;).
    Luca li recupera dall'istituto nazionale di statistica, quindi sono dati che dovrebbero avere un campionamento serio. Quello che riporta la stampa e' spesso ciarpame, neanche capirebbero la differenza tra kW e kg...
    Il problema sono le dimensioni di fenomeni non denunciati per omissione delle forze dell'ordine o omerta' della popolazione, ci vorrebbero studi precisi e mirati per quantificare il fenomeno.

    RispondiElimina
  39. Da Italicus;

    No. Si fa per parlare e nel contempo per divulgare quello che non dice un Giapponese o che non direbbe un patito del Giappone.Tutto qui.
    Se il tono che uso si fa pesante,fammelo sapere che mi metto a parlare di ciliegi,fiori,natura.
    Ciao!

    RispondiElimina
  40. Da Italicus;

    Per Zeltran.
    Nei pressi di Yokohama ci sarebbe un posto dove si può prendere a noleggio le motociclette.Mi informo e ti faccio sapere qualcosa,qui,sulla rubrica di Luca.

    RispondiElimina
  41. X Italicus; Grazie, il problema è che io ho 18 anni e da quanto ho capito non ti affittano moto se sei sotto i venti anni...comunque se puoi chiedere informazioni fammi sapere qua!!

    RispondiElimina
  42. Scusate ma sono ancora impelagato nelle rogne. perdonatemi se mi dimentico di rispondere a dei commenti.
    Zeltran, mi informero anche io a un noleggio qua vicino ma sono a piedi per un mese perche ho la patente sospesa da domani;-0
    dovrai attendere scusa.

    RispondiElimina
  43. Figurati!Anzi grazie! Di tempo tanto ne ho ancora!

    Patente sospesa? Burocrazia o infrazione :O??

    RispondiElimina
  44. X zeltran e' stata un infrazione
    presto un post

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.