lunedì 9 novembre 2009

Notiziario della settimana numero 1 - Omicidi e affini in Giappone

Visto che la notizia della donna che cercava mariti online per poi derubarli e farli secchi e' stata un successo oggi inizio una serie di reportage settimanali o bi settimanali sui fatti di cronaca nera.
Oggi faccio un reportage delle notizie più importanti della settimana visto che i media italiani non le passano.

Il Latitante e le chirurgia plastica:

Forse molti di voi conoscono Lindsay Hawker, una sfortunata ragazza inglese che fu uccisa
dal solito pazzoide giapponese. Il suo corpo fu trovato in una vasca da bagno nel terrazzo del suo assassino coperto di sabbia.

Ecco il link della famiglia:
http://www.lindsayannhawker.com/index.html
Stampatevi nel cranio la faccia di questo individuo.

La polizia molto maldestramente come in moltissimi casi in Giappone si e' lasciata sfuggire l' omicida fra le dita. Il bastardo chiamato Tatsuya Ichihashi e' latitante quasi da tre anni, questa cosa dimostra un altra volta l' inefficienza della polizia giapponese, non e' un mafioso o che altro con migliaia di contatti e supporto tecnico per nascondersi ma la polizia brancola nel buio.

Proprio qualche giorno fa la storia si e' evoluta in un modo molto particolare, il bastardo e' stato segnalato da una clinica chirurgica che lo ha riconosciuto. Da ciò che si e' capito il fottuto bastardo si e' già fatto una plastica secondo i medici che lo avevano in cura.
Quindi questo verme si e' già operato altre volte, come e' possibile? semplice le cliniche di chirurgia plastica non richiedo il tesserino sanitario perché tale prestazione non e' considerata rimborsabile (per la cronaca nemmeno le la chirurgia di ricostruzione e' passata dalla stato).
In Giappone poi il documento di identità ufficiale non esiste basta qualunque boiata che riporti un nome per farsi identificare (noi gaijini siamo esclusi da questa pratica dobbiamo sempre avere un documento) ciò rende facile la vita di un latitante.

Ora mi domando se la Polizia giapponese che spesso ha preso il distintivo negli ovetti Kinder sta controllando la famiglia dell' omicida?
Il tizio e' nulla tenente e sicuramente non lavora essendo in fuga, allora dove a trovato i
soldini per queste operazioni?
Io guarderei al padre che e' un benestante dottore e che secondo me lo sta aiutando ma sono
sicuro che la polizia non si sta impegnando su questo fronte.
Ecco un link con l' articolo:
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091106a1.html

La storia delle studentessa fatta a pezzi:
Questa forse e' la notizia più orribile della settimana.
Una studentessa universitaria di 19 anni, Miyako Hiraoka era scomparsa la notte del 26 ottobre mentre ritornava a casa.
Il 7 novembre sul monte Garyu nella prefettura di Hiroshima e' stata trovata una testa mozzata da un poveraccio che andava a funghi.
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091107a1.html

L' 8 novembre la polizia a confermato l' identità della testa ritrovata come quello di Miyako Hiraoka.
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091108a4.html

Il 9 novembre durante il setaccio delle forze di polizia nei boschi adiacenti il ritrovamento della testa la polizia ha ritrovato un torso femminile.
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091109a2.html

Ora mancano all' appello le gambe e le braccia.
Non posso nemmeno immaginare il dolore della famiglia ma mi domando perché in Giappone vi siano cosi tanti casi di gente fatta a pezzi come dal macellaio.
Uno deve essere bestia forte per avere il fegato di tagliare a pezzi una donna.
Come in molti casi simili la polizia sta investigando presso gli Home center (supermercati fai da te) perché in molti casi simili l' omicida ha comprato le cesoie, seghe e coltelli nei giorni immediatamente precedenti il crimine. Speriamo che le camere di sicurezza di questi negozi diano un utile indizio per risolvere il caso.


Un altra vedova nera del web:
Qui non spendo molto tempo a spiegare la cosa ma un altra donna e' accusata ti pescare uomini online per poi spennarli e accopparli.
Ecco un link:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2009/11/06/20091106p2a00m0na008000c.html
Ed ecco gli ultimi sviluppi:
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091108a3.html

Lo Yakuza sparatore e suicida:
Una sparatoria e' avvenuta in uno stabile di Yokohama, un Yakuza di 60 anni era giunto a un incontro per recuperare i soldi di un finanziamento.
Il tizio e' sbroccato ha impallinato 3 persone e poi nel successivo assedio della polizia si e' sparato in testa.
Ecco il Link:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2009/11/06/20091106p2a00m0na018000c.html


Trio di suicidi scarica il quarto incomodo:
Un gruppo di giovani che tentava un suicidio di gruppo con il gas a abbandonato il corpo di un uomo dopo che nel suicidio di gruppo le cose era andate storte e solo un 37 enne era morto.
Ecco il link:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2009/11/04/20091104p2a00m0na005000c.html

Possibile omicida filmato da un Bancomat:
La polizia ha rilasciato le immagini di un uomo che si appresta a prelevare dei soldi da un bancomat con la carta di una giovane trovata morta pugnalata nel suo appartamento dato alle fiamme.
Ecco le immagini e la storia:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2009/11/02/20091102p2a00m0na020000c.html

La storia della giovane Yukari e' una delle centinaia che si sentono in Giappone, viveva da sola e studiava all' università di Chiba.
Il suo corpo era stato trovato nel suo appartamento, la ragazza era stata pugnalata e poi la stanza era stata data alla fiamme.
Ecco il link:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/news/20091026p2a00m0na017000c.html

Tassista sgozzato a Niigata:
Ecco un ennesimo caso di rapina con omicidio verso un tassista.
Un poveraccio di 63 anni e' stato trovato sgozzato nel suo taxi.
Ecco il link:
http://mdn.mainichi.jp/mdnnews/national/archive/news/2009/11/02/20091102p2a00m0na006000c.html

Mi sa che sta moda de sgozza i tassisti sta sempre più prendendo piede.


Ecco concluso il mio primo reportage sugli omicidi in Giappone.
Mica male per una settimana e qualche giorno no?
Vi giuro e' sempre cosi ogni settimana la solita serie di morti ammazzati nei modi più orribili. Quelle che passo sono solo le notizie principali non vado a spulciare i giornali locali perché se no mi ci vuole un Blog intero.

Ora la nuova settimana inizia speriamo che sia meglio della precedente.
Ma il Giappone non era il paese dove non vi e' la piu bassa criminalita al mondo secondo molte guide turistiche?

Aggiornamento sui casi

Nel caso della ragazza fatta a pezzi stanno saltando fuori nuovi pezzi:
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091110a2.html
Hanno trovato una coscia.

Nel caso del fuggitivo che ha tentato la plastica sono spuntate delle novita.
http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/nn20091110a1.html
Il tizio lavorava come carpentiere da 14 mesi presso una ditta di costruzioni di Ibaraki a Osaka vicino a casa mia
Si era presentato con un falso nome, e visto che i nostri cari giapponesi non hanno il dovere di avere un documento di identita ha lavorato indisturbato per mesi e mesi dormendo nel dormitorio della ditta.
Dei colleghi lo hanno riconosciuto dalle foto e la polizia a gia confermato delle impronte nel dormitorio.
Porca paletta se era vicino magari fossi stato ancora un insegnate lo beccavo visto che lavoravo a Ibaraki.

42 commenti:

  1. Quella dei suicidi inetti è la più incredibile. Dovrebbero prenderli e obbligarli a finire quello che hanno iniziato. Nel paese del suicidio d'onore non è un disonore non riuscire ad attuarlo? o forse la pena per questo caso è la vita?

    RispondiElimina
  2. Da Italicus;

    E' un bel dire:Neanche qui l'isola del Paradiso allora!

    Luca, bravo! Fai benissimo a divulgare queste notizie e non smetterò mai di ripetertelo.
    E' bene ficcarci in testa che non sono raccolte particolari persone buone o sincere in un'unica area mentre tutte le altre sono lasciate alla mercé di tutti i cattivoni del pianeta.
    Il pastone di tutte le sembianze umane è ben rimapastato ed omogeneo in tutto il Globo.
    La differenza è tra chi accetta questa realtà e chi la rifugge.

    Ti dirò che mai ho avuto paura come l'ho di vivere in Giappone,ma,come ben sai,ho un figlio da seguire e mi preme saggiare da molto vicino quello che gli viene inculcato in testa e quanto riesce a discernere tra le fandonie degli incantatori di bachi e la vita reale,quella che ti può capitare in qualsiasi momento.
    Hai capito meglio adesso perchè ho installato perfino nella mia macchina la telecamera?
    Da noi passa ogni giorno la macchina della sicurezza(quella con le luci blu) e avverte a mezzo di altoparlante che ci sono furti e rapine.Dimmi tu a che punto siamo arrivati!

    Mi dispiace tanto per quei cultori della falsa immagine del Giappone.

    RispondiElimina
  3. ah, per il primo, quello della chirurgia plastico, ho pensato lo stesso. Ma come puoi immaginare che non sia coperto dalla famiglia? i soldi dove li prende per le operaizioni? oltre al fatto che ora sembra molto più riconoscibile di prima, quindi non è un genio eh. Ora sembra uno che si è fatto un sacco di operazioni chirurgiche.

    RispondiElimina
  4. Mio marito mi ha guardata come un'aliena stamattina quando ho esclamato "che orrore, ma che sta succedendo? Suicidi di gruppo, teste mozzate...". La sua risposta è stata: "perché? cosa c'è di strano? Queste notizie sono all'ordine del giorno, non te ne sei mai accorta?".
    Riguardo al caso della povera Lindsay, non dimentichiamoci che si tratta di una gaijin. E l'Inghilterra non si è incazzata abbastanza.

    RispondiElimina
  5. Dannati gaij...ops! XD

    "Mio marito mi ha guardata come un'aliena stamattina quando [..]"

    Veramento quello e' il tuo status ufficiale (registered alien) XP

    RispondiElimina
  6. XItalicus
    Solo dovere di cronaca!
    Certo una cosa che nella mia mente e' cambiata e proprio l' immagine di sicurezza falsa che avevo appena venuto qui. Devo ammetterlo anche io quando arrivai in Giappone ero uno di quelli che credeva che qui tutto filasse liscio.

    Xkazu
    Anche mia moglie dice cosi, ma aggiungo che mi scassa le palle del tipo, se vedi l' assassino dell' inglese fila dritto e fa finta di nulla che se magari ti ammazza.
    E io rispondo col piffero, li pezzo tu e quattro le articolazioni e se tira fuori in coltello glielo infilo in culo. Poi mi piglio i soldi della soffiata (cattura) giustizia e guadagno, ci vuole ben altro che un ossuto killer di giovani ragazze per fermarmi.
    HEHEHE hai dimenticato il tuo status? ecco perche ci chiamano alien!!

    XMamoru
    Mi hai fregato la battuta.

    Xmu
    Vedo che siamo in sintonia bene io sherlock homes e tu watson, vai a comprarmi la cocoina che mi faccio un po.

    RispondiElimina
  7. Mi cala la fiducia nel Giappo in quanto paese della tranquillità e della quasi assenza di criminalità in cui perfino la Yakuza è così fine da lasciare bigliettini da visita...capisco se si parli dell'Italia, per la cronaca ma sicuramente sarai informato, hanno trovato una signora di circa 82 anni con le manine mozzate e gli investigatori purtroppo dubitano che si tratti di un omicidio a fini di rapina, anche perchè la testa della donna era per 3/4 tagliata: quindi si presume che oltre le mani si voleva asportare anche la testa e che per qualche imprevisto chi ha compiuto questo misfatto non è riuscito a completare l'opera, se così si può dire, cmq tutto stò giro di parole per dire che tutto il marcio mondo è paese, in quanto a suicidi collettivi 2 giorni fà su "LA STORIA SIAMO NOI" trasmissione di Raitre di cronaca storica del '900 hanno parlato del reverendo Jim Jonson e del suicidio/omicidio di massa di lui e i suoi adepti nel '78: circa 900 persone......

    RispondiElimina
  8. ciao luca,
    è da un pò che seguo il tuo blog e lo trovo fantastico.
    Tutti gli argomenti sono interessanti e sbalorditivi per chi come me ha sempre adorato il giappone ma di queste cose non ha mai sentito parlare. L'unica cosa tragica è che tutto questo è la quotidiana realtà.
    Grazie per le conoscenze che ci metti a disposizione. Passando a queste ultime notizie di morte, la cosa che mi incuriosisce è come mai armi da taglio e incendi sembrano rientrare nei primi posti nelle classifiche di gradimento di questi pazzoidi? C' è un motivo particolare legato in qualche modo alla cultura o è un caso?
    Manuela

    RispondiElimina
  9. Ciao anonimo per favore firmati con un nick mi e' difficile riconoscere questo e quell' anonimo senza una firma.
    Non ti deve calare la fiducia, semplicemente ogni paese e' uguale forse il Giappone da noi e' il piu stereotipato si dal lato buono (sicurezza) sia dal lato cattivo (copie, razzismo e altre cazzate).
    Si ho sentito della vecchietta, ma una domanda ogni quanto succede una roba come le teste tagliate ecc? Non cosi di frequente no?
    Fidati una volta al mese e' quasi garantito negli ultimi 3 anni.

    XManuela
    Grazie per il complimento.
    Come detto dall' inizio voglio discutere dei problemi del Giappone.
    Sul discorso incendi ritengo che essendo le case altamente infiammabili (dei veri e propri cerini) l' omicida spera con il fuoco di cancellare le prove se poi la struttura brucia bene puo rendere piu difficili un indagine.
    Sulle armi da taglio io non azzarderei mai un discorso tradizioni secondo la semplice ragione e che uno puo andare ha un home center e prendere una motosega un macete, un coltellaccio, insomma oggetti di uso comune e percio meno rintracciabili.
    Il fare a pezzi una persona oltre che a denotare dei problemi psicologici puo essere un futile e orribile tentativo di imboscare meglio il cadavere oltre a renderlo irriconoscibile immediatamente.

    RispondiElimina
  10. Che dire è vero da noi in Italia almeno per il momento ste tragedie non avvengono cosi spesso. La criminalità organizzata non la conto. Luca secondo te perchè sbroccano cosi? e se avessero accesso alle armi da fuoco come negli U.S.A. credi che aumenterebbero ste pseudostragi/omicidi/suicidi?
    Grazie per gli stupendi resoconti.

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo la storia di Lindsay Hawker, ma quando ho visto la foto nella locandina segnaletica della polizia, mi sono immediatamente ricordato di averla vista assieme ad altre a Tokyo....il fatto è che per noi è una stranezza vedere ste cose del tipo "Wanted - dead or alive"
    per cui abbiamo pure fotografato le locandine......credo che adesso le cancelleremo -_-

    RispondiElimina
  12. Cavoli, se penso a quella volta che a Roppongi un baldo giovine di cuoio vestito e in sella a una moto si indirizza a me con Hello young lady (era una domenica mattina, stavo andando al supermercato e su quella strada oltre a lui e la sua cricca c'erano solo gli omini delle pulizie ), allora mi corre un brivido lungo la schiena dopo tutto quello che ho letto! Meno male che per un pizzico di mancanza di fiducia sono passata all'altro lato della strada! Però devo essere sincera,io fino ad oggi, facevo parte di quelle persone che si trastullavano in Giappone alla stregua di un enorme luna Park... Grazie per le informazioni quindi! Una cosa che mi stupisce è che se penso alla forza che ci voglia per mozzare una testa o un arto mi vengono in mente due opzioni: o i killers in Jap sono forzuti oppure sono spinti davvero da un sentimento talmente forte che moltiplica anche le capacità fisiche. Lo penso semplicemente perché mi sembra che la maggior parte dei jap sia tutto fuorché forzuta, ma forse sbaglio

    RispondiElimina
  13. Sì, è vero: queste notizie "disturbano" un po' chi è ancorato all'immaginario del Giappone tipicamente occidentale. Però, insomma, il Giappone è sempre un paese moderno, con tutti i suoi problemi =P Io non credo che avrei oiù paura di camminare per strada se stessi in Giappone che di quanta ne ho qui, in Italia. Tutti hanno i loro problemi, solo che magari sono di ordine inverso. E, in realtà, se posso azzardare, mi sembra di ricordare fenomeni del genere anche negli anni passati (anche più di 3 anni fa). Capita, ogni tanto, che si focalizzi l'attenzione su qualcuna che c'è sempre stato e che, pertanto, sembra una cosa nuova. Magari lo è nei numeri, ma di omicidi così terribili i giapponesi ne hanno sempre sentito parlare - o sbaglio? Poi non vivendo lì e conoscendo le cose solo tramite Internet, posso benissimo avere torto =D ma, e concludo, di questi fatti parlano pure tantissimi manga/anime!

    RispondiElimina
  14. allora il mio nick name sarà 4S (Perchè il primo commento riguardava il lavoro, poi sono diventati così tanti che a memoria non me li ricordo più, inoltre avevo fatto la gaffe dei post che non trovavo e tu giustamente mi hai "cazziata" ma sono giustificabile visto che è da poco che ho un pc, ma stò recuperando, visto che frequento un corso per conseguire l'ECDL e dopo l'odiatissimo Access passiamo a Internet. Sulla frequenza dei casi di cronaca nera oltre alla signora senza mani vi è stato il caso del "Amorevole fidanzato" che ha ucciso la sua ex, la tagliata a pezzi ed inoltre faceva la parte del preoccupato, cmq penso da ciò che scrivi che il tranquillo Giappone superi in tal senso il nostro paese.

    RispondiElimina
  15. Quanti omicidi all'anno avvengono in giappone?
    Penso meno che in italia, comunque la cosa che un po' sconvolge è che si tratta sempre di atti molto efferati condotti da squilibrati.

    RispondiElimina
  16. Dio che orrore!
    Non pensavo che questo genere di efferatezze fossero praticamente quotidiane in Giappone!
    Conoscevo la storia della ragazza inglese, ma credevo che si trattasse di qualche maniaco isolato e che il massimo che potesse capitare, fosse la mano morta di qualche chikan... ora mi rendo conto di aver abbassato troppo la guardia e di essermi permessa troppe volte di tornare in dormitorio, attraverso stradine buie e semideserte, cosa che in Italia, anzi in qualsiasi parte del mondo, non mi sarei mai sognata di fare... una cosa che rimpiango sempre del Giappone è la libertà di movimento concessa alle donne, la possibilità di girare di notte e prendere i mezzi senza alcun apparente pericolo... Ma è veramente un'illusione? Dopo le 8 di sera non andrei mai in alcune stazioni (di treni e autobus) della mia zona, ma a shinjuku io arrivavo spesso a quell'orario... forse il sovraffollamento delle metropoli giapponesi ed il loro orari di lavoro, spesso prolungati fino a tarda sera, rendono le notti un po' più sicure rispetto ad altre realtà e questo basta per anestetizzarci... se poi aggiungiamo il telegiornale giapponese, dove sembra non succedere, (a quanto ne capisco^^;) mai niente di rilevante, il gioco è fatto!
    Grazie davvero per questo articolo, al prossimo giro nel paese del sol levante, farò davvero attenzione, come in qualsiasi altra parte del pianeta!

    Miriam

    RispondiElimina
  17. In Italia è grosso modo uguale. Tipo due giorni fa, hanno trovato un'anziana di 82 anni uccisa a casa sua con un cacciavite. Già che c'erano l'hanno mutilata, le hanno tagliato le mani. E nessuno capisce il perchè, che mai poteva aver fatto una vecchina di 82 anni?? Nel varesotto. Vicino a casa mia. Un paese di 8000 abitanti.
    Questo se parliamo di mutilazioni recenti.
    Gli altri delitti sono di routine.
    Diciamo che i tassisti non sono così presi di mira come in Giappone (poracci...)
    Nessun posto è sicuro al 100%, neanche il Giappone naturalmente...
    Però io di notte a Tokyo e svariate altre città ho girato tranquillamente ed era tutto molto tranquillo, la massimo qualche barbone (che dormiva) e qualche impiegato ubriaco (che barcollava), mentre se a Milano esci dalla piazza Duomo è MATEMATICO che almeno il portafogli te lo fregano. Se ti va bene!
    Diciamo che a livello di delinquenza "spicciola" secondo me l'Italia è infinitamente meno sicura, mentre a livello di psicopatici alla CSI siamo messi un po' meglio. Bella consolazione eh ;-)

    RispondiElimina
  18. Che in Giappone è pieno di gente fuori di testa o che da un momento all'altro sbrocca, ok (anche se quelli che sbroccano e prima ammazzano la famiglia e poi si uccidono, ce n'è uno al giorno anche in Italia).
    Però scusate...non si può paragonare la sicurezza che c'è semplicemente girando per strada in Giappone con quella che c'è in Italia. Ok, magari c'è meno gente che fa a pezzi altra gente, ma tutto il resto non lo contiamo? Se giro in una qualsiasi periferia italiana, ho paura anche di giorno, di uno scippo, di uno stupro, di gente che semplicemente viene a infastidirti.
    Io qua di notte giro tranquilla, ovviamente se mi si avvicina uno mi spavento e cerco di evitarlo, ma in Italia questa cosa succederebbe automaticamente.

    RispondiElimina
  19. Il tipo non se l'è fatta la plastica, sentite a me. Tenete gli occhi aperti e forse lo sgamiamo. E comunque a tutti i paesi può capitare una giornata "interessante", no?

    esiliogiapponese.wordpress

    RispondiElimina
  20. Mah il fatto che le guide dicano che il giappone è lo stato più sicuro al mondo è in parte vero.
    Mettiamola così, in italia la gente si ammazza tra di loro in modo più o meno cruento, però quando arrivano degli stranieri gli italiani non ci pensano due volte a fregarli o magari a fare micro criminalità. Quindi la lonleyPlanet dirà che in italia bisogna mettere i soldi nella cintura e che bisogna fare attenzione alla mafia.

    Il giappone invece è molto meno conosciuto dagli stranieri sotto l'aspetto della criminalità. E dal momento che molto difficilmente capita qualcosa a uno straniero (dagli scippi a cose peggiori) la lonleyPlanet evità di dire che i giappi sono dei sadici pervertiti a cui piace tagliare a pezzi tutto(forse è perchè non hanno le pistole?) e quindi ci fa credere che non si corra nessun rischio.

    Diciamo che in giappone la criminalità o la violenza è molto meno tangibile che qua in italia, però occhi aperti e prudenza,il giappone non è il paese dei balocchi(o degli anime...)!!


    X Luca:: Ricordati di mandarmi una meli quando hai notizie o novità su spedizioni and co!!
    Ciao

    RispondiElimina
  21. Per la tipa con le mani mozzate, a naso ipotizzerei un tentavivo di depistaggio fatto da un principiante molto all'interno della sfera delle conoscenze della vittima... Non impossibile ma abbastanza difficile che certe cose avvengano in quelle zone se non messe in piedi dai soliti quattro imbecilli-pseudo satanisti... Da noi (area padana) il grosso della piccola e media delinquenza è di importazione e va dalla classica organizzazione mafiosa, ai ladri-truffatori spiccioli (che però si trovano ovunque) alla banda indipendente solitamente di area balcanica fino al gruppo di "più o meno" clandestini nordafricani dediti più che altro allo spaccio. I "nostri" più che altro fungono da basisti. Aspetto di vedere cinesi e soprattutto sud americani che mi dicono a tarda ora, sul Garda, ci danno dentro di brutto ma solo tra di loro, per il momento.
    L'aspetto "culturale" interessante, soprattutto dei nordafricani è il fatto di vantarsi di quello che -loro- possono fare. 2 Esempi su cui vado sul sicuro:

    Giovane stronzetta che manda in vacca un autobus pieno di gente e non gli puoi fare niente perchè, testuale, "mio padre è un informatore della polizia"... O__O

    Giovine sub umano di area islamica imparentato col letame che dopo un tentativo di violenza carnale ad una ragazza sposata (in pieno giorno), all'uscita dalla caserma dei Carabinieri si vanta tranquillamente perchè "tanto non mi possono fare niente perchè sono minorenne"... Taccio per pietà riguardo ai risvolti successivi messi in atto dalla genitrice del grand'uomo...

    Tornando a citare Heinlein, penso che, oltre alla mancanza di diverse legnate sulla schiena si sia venuta a creare una distorta percezione dell'etica, vissuta più che altro all'interno del gruppo sociale del quale si fa parte ma mai oltre.

    Diversamente, per quel che vedo da quanto riportato, criminalità organizzata a parte, mi pare che l'eccesso nasca come un momento di sfogo ad un ambiente troppo soffocante... il classico topo nella gabbia strapiena che ad un certo punto sbrocca... :|

    RispondiElimina
  22. Quoto Bear, delle tre ultime volte che sono uscita di sera, senza peraltro ritirarmi a orari indecenti (non erano nemmeno le 11...), due si sono concluse con c******i in motorino che mi hanno inseguita fin sotto il portone di casa...
    E non vivo nel Bronx, ma in una zone centrale di un paesaccio di 100'000 abitanti...

    Terra Nova

    RispondiElimina
  23. zonA, e mi sono persa un "abbastanza" subito dopo :P

    Terra Nova

    RispondiElimina
  24. X Tutti Aspettate il post di comparazione della criminalita nei due paesi ci saranno delle soprese, da una prima lettura dei dati statistici giapponesi e italiani sono rimasto sorpreso dei numeri giapponesi non mi aspettavo numeri cosi alti.

    XZanzara
    Diciamo chi il chi ciappo ciappo in Giappone e' di moda da un pezzo, vedi il pazzo di akihabara, o sasebo. Non mancano le pseudo stragi.
    Comprare una beretta e' un casino qui ma un fucile da caccia non e' cosi difficile da acquistare se non hai crimini sul capo e ti fai i corsi e le licenze un fucile da caccia lo prendi.
    Ma ritengo che sia relativamente diverso il modo di sbroccare secondo me non cambierebbe molto con le armi da fuoco un pazzo e' sempre un pazzo.

    Xtabris
    Io ho sempre pensato di riciclarmi come bounty hunter che ne dici.
    Le locandine di questo assasino dovrebbero girare su tutti i blog del giappone sai che figata per noi italiani se un turista lo riconoscesse e facesse arrestare?
    Altro che la storia dei pennellatori giapponesi a firenze.

    XMonica
    Sempre stare all' occhio in qualunque paesi si risieda.
    Non ci vuole molta forza a segare un corpo, hai mai macellato un maiale? non e' cosi difficile farlo a pezzi.

    XShimazu
    Esatto il Giappone non differisce dagli altri tutti abbiamo problemi solo leggermente diversi.
    Guarda io ho piu paura qua come dici tu, perche in Italia ci sono cresciuto e conosco i problemi, riesco a riconoscere facilmente i segnali di pericolo. QUi se un salary man mi vuole squartare non so se la vocina dentro di me mi avvisa in tempo.
    Ma l' importante e' che mi pigli in un punto non vitale cosi mi diverto io, l' ultimo che mi ha pugnalato in Italia (in disco fottuto spacciatore di merda mi ha preso alle spalle dopo che lo avevo fatto beccare) sta su una sedia a rodelle mi ero un pochino alterato.
    Sul discorso manga e anime ci vado cauto, ritengo che in parte insieme hai film ecc, i prodotti in vendita desensibilizzino la gente. Un po come l' ombellico della carra, quando lo fece vedere fu scandalo ora tra un po le show girl sono nude. Quindi ritengo che un martellamento di violenza in immagini ecc, ci porti a passare delle soglie che prima erano impensabili.
    QUi vedo dei manga senza capo e coda tipo un orsetto Kawaii che con le unghie accuminate stacca la testa ai bambini (e' un character nato per delle magliette).
    Non pensi che questa violenza nei film/ manga/ anime sia un po pericolosa? Ai miei tempi vi era violenza nei manga ma per un fine, ora e' solo violenza splatter tanto per vendere.

    X4s
    Grazie cosi e' piu semplice.
    Niente cazziatura qui si scherza.
    MAledette connessioni preistoriche italiane mi sa che i bit li portano i dinosauri.
    Sono sicuro che in Italia ci sono casi orribili ma il numero giapponese e' gargantuesco.

    Xsami
    Arrivera in settimana un post sui crimini resterai sorpresa dei numeri.

    RispondiElimina
  25. XMirian
    Quotidiane no ma settimanali quasi si.
    Come detto stare all' occhio in tutti i paesi.
    Il Giappone non e' un caso aparte

    XS
    Si hai girato ma se vuoi ti porto in delle aree di osaka dove ti senti a casa (nel senso della paura ecc).
    I giapponesi sono settoriali, vedi quartieri dell' elettronica ecc, direi che sono anche riusciti a fare una gettizzazione dei personaggi pericolosi.
    Ma il turista non ci passa in quelle zone.
    Mettiamo in chiaro non sono al livello di alcune zone italiane ma vicini ci sono pure loro.
    Sulla delinquenza spicciola sono d'accordo nel senso che scippi ecc sono inferiori ma i giapponesi criminano in modo diverso post di confronto in arrivo.

    XBear
    Fidati aspetta il post di confronto e vedrai che ci battono alla grande.
    Da straniera sei una cittadina vip nel senso che uno stupratore giapponese evita le straniere come la peste perche piu difficili da gestire.
    Comunque sul discorso stupro violento (non quello da sbronza o altro) l' italia vince alla grande, i giapponesi sono piu subdoli ti stordiscono e ti si fanno.
    Pero occhi che qui ne gira di roba come il Rufies, non ti ricordi un cavolo dopo.

    X esilio
    Apriamo un agenzia di cacciatori di taglie che ne dici?

    XZeltran
    Su questo sono d'accordo. che la criminalita giapponese ci tenga all' immagine del suo paese e non rompa agli stranieri?

    XGatto rognoso

    Potrebbe essere un depistaggio vedremo.
    Sul discorso che in Italia non si punisca e per cui la gente si senta piu libera di fare crimini sono e non sono d'accordo.
    Tutti sappiamo che in Giappone 90% dei casi viene chiuso con una condanna (poi a vedere se il colpevole e veramente quello e' un altra cosa) questo anche perche la pula ha super poteri se comparata con quella italiana.
    Ma aspetta il post di comparazione e vedrai che non criminano cosi poco. (tipologie diverse si pero)

    XTerra Nova
    Sono sicuro di cio che dite, io sono di padova e forse sapete che siamo gli unici ad aver murato gli stranieri.
    Pero ragazzi da ex militante di destra io passavo il mio tempo nelle ronde a menare gente, secondo me non e' cambiato molto. Ma forse ho una percezione errata

    X Tutti secondo me il discorso criminalita in giappone e' solo una percezione diversa ma alla fine il nocciolo e' lo stesso aspettate il post rivelatore della chiesa di Giappopazzie.
    Chi vorra passare a un livello superiore dovra pagare una tariffa relativa alla rivelazione. O mio dio mo faccio una nuova setta.....

    RispondiElimina
  26. post aggiornato con delle novita!!!

    RispondiElimina
  27. Da Italicus;

    Luca,adesso che hai pure l'automobile e guidi per le strade,ti capiterà(spero di no) di trovarti ad avere a che fare con l'altra delinquenza,quella di secondo piano,meno conosciuta.Sto parlando dei fatti che non appaiono sulla Cronaca Nera ma che di fatto sono parte integrante della società pelagico-nipponica.
    Prudenza dunque, e non lasciarti andare a plausibili rimostrazioni quando e se ti trovi in qualche problema di traffico stradale a causa di questi scellerati del volante e del manubrio.Per qualche fermata abusiva qualche tassista si è beccato una pugnalata nel gozzo.Così,di punto in bianco. Attenzione ai motociclisti(i famosi "boosouzoku"),frustrati, si riuniscono in bande per intralciare il traffico e ringhiare a quei poveretti che fanno le manutenzioni stradali. La Polizia ha le mani legate: Figliocci di yakuza,delinguenti,magnacci e feccia varia. Hai notato che questi delinquenti possono permettersi di occultare le targhe e quindi non hai modo di rintracciarli e le Forze dell'Ordine non riescono ad attuare una politica cruenta(perché su così fosse, dovrebbero accettare che anche nel loro Paese non esiste la sicurezza che si vuole far credere). Luca, a prescindere da chi vuole approfondire questo discorso o no, da connazionale ti raccomando di lasciar perdere tutte le strane situazioni che ti capitano quando sei al volante. Non c'è nemmeno bisogno che tu suoni il clacson, lascia proprio perdere.
    Mi trovai a dare un colpetto di clacson ad uno che si era fermato sulla curva(sull'incrocio) e lì nella macchina (nera,alla yakuza) c'era un ..che se ne stava tranquillamente telefonando per i fatti suoi. La Polizia era davanti ma non si mosse. Conclusione: Non siamo protetti a dovere. La situazione è veramente grave ed è meglio non toccare direttamente con mano.
    Se ai carissimi amici paraocchi va bene questo loro sistema ,bene! Io mi preoccupo di tenere in guardia i connazionali,ovvero,Chi,come penso, vuole capire se ci sono problemi e che problemi.

    Per i cultori delle isole paradisiache non ci sono cure,solo tanta invidia.

    RispondiElimina
  28. Ah, se lo beccavi luca! Io francamente con la distrazione che posseggo riguardo le persone non lo noterei probabilmente (intento sempre a guardare case, vicoli e pensare assortamente a problemi metafisici). A meno che non fosse una donna, allora forse.... tra l'altro, spero di non vederti mai arrabbiato.
    Io come forse ho detto, vivevo in un quartiere un pò difficile e non avevo percezione di pericoli lì, figurati qui. Probabilmente è solo una questione di percezione che fa dire alla lonely planet che il paese è sicuro. Del resto neppure che con gli stranieri non delinquano non è proprio vero, dato il caso proprio dell'amante della chirurgia plastica che viveva vicino a te.
    @italicus
    mah, anche mia moglie mi mette sempre in guardia da queste cose, ma non so perché visto che non ho la macchina. Dovrei portarmi una tromba bitonale dietro e suonare dai marciapiedi per vedere l'effetto che fa. (E sol, visto che è bitonale)

    RispondiElimina
  29. Italicus, no problem primo con una moglie fifona come la mia non posso nemmeno cambiare una spina pensa tu a suonare il clacson.
    Secondo ho gia dato, no te lo ho mai detto che quando vivevo da solo e ero illegale e latitante (ops dimenticate questa parola... ho sbagliato a scrivere) una volta ero in trasferta a tokyo e un fottuto chimpilla mi ha minacciato per che lo avevo urtato. Ora beve con la cannuccia soltanto, ma ero a tokyo che cazzo mica mi trovano.
    Quindi ora sto buono buono niente eroismi o sete di giustizia.

    Xmu
    Non sono grosso non ti preoccupare, ma anche io avevo le mie cattive frequentazioni e ho sviluppato un mio stile di sopravivvenza, poi mica siamo in un incontro ufficiale se me lo trovo davanti mica lo scazzoto, inizia la modalita lancio di biciclette e oggetti vari.
    Non sai quanto e' efficacie una bici in testa.

    RispondiElimina
  30. @Luca
    ehehehe sentirò la Elena se vuole fare un post su quelle locandine anche se una roba del genere nel nostro mondo di coniglietti e tartarughine credo stoni un po' e sia di scarsa utilità ai fini della cattura di un pazzoide in Giappone XD

    RispondiElimina
  31. Secondo me piu la foto gira e prima lo beccano.
    Da un blog al altro da uno italiano a uno inglese e cosi via.
    I turisti si guardano in giro molto piu dei giapponesi che spesso girano con i paraocchi.
    Spero solo che gli stranieri sappiano distinguere un giapponese da un altro ;-)

    RispondiElimina
  32. Il problema non è tanto l’essere pedinati da deficienti, so (o spero?) che non mi avrebbero mai fatto nulla, sono i classici teppistelli che si dileguano appena vedono arrivare qualche altro passante, l’unica vera rogna è stato non poter rispondere per le rime, altrimenti non me ne sarei più liberata! XD
    Il problema, a parer mio, è che, alla lunga, o finisci per aver paura della tua stessa ombra, o invece inizia ad assuefarti e a non avere più una corretta percezione del pericolo, così quando ti trovi davanti lo psicopatico non riesci lo scambi per un deficiente di cui sopra… poi, certo, se parla da solo per strada e gioca con un machete in mano, diventa DAVVERO difficile non riconoscerlo XD
    E purtroppo in Italia ultimamente, complici anche i Tg con la loro periodica campagna “prendi un crimine e montaci sopra un’emergenza”, il senso di insicurezza, vera o presunta, è molto aumentato

    Terra Nova

    RispondiElimina
  33. Cacchio i miei suoceri abitano ad Ibaraki!

    RispondiElimina
  34. Beccato. Forse perché qualcuno nel Vecchio Continente si è finalmente incazzato. Stiamo a vedere che succede ora...

    RispondiElimina
  35. Da Italicus;

    Kazu, dopo lo slancio euforico ecco che si riporopone l'atto ironico che mi perseguita sempre: Non è che sarà stato l'aumento della taglia ad aver invaghito quelche spifferatore? Sul "beccato", da un milione a dieci milioni di yen,una decuplicazione. mah! Voglio però lodare la Polizia.

    Ci incastra poco ma qui piove come Dio la vuole.
    bisognerà gonfiare il gommone.

    RispondiElimina
  36. Luca rispondo qui a un tuo commento riguardo alla pena di morte (che hai scritto sull'altro post) per non essere off topic.

    Parliamo dell'omicidio Hawker, in questo momento strillato da tutti i notiziari giapponesi.
    A parte che la pena di morte in Giappone non si infligge se non uccidi più di due persone, poi spiegami perché desideri che Ichihashi venga giustiziato. Capisco l'odio, il rancore, il disprezzo verso chi ha violato la vita di un'altra persona (soprattutto di chi ha perso qualcuno di importante in questo modo), ma pensi davvero che la togliere la vita a quel ragazzo sia la soluzione migliore?
    Vogliamo vendicarci? bene, prendiamoci la sua vita. Non quella passata, quella che vivrà da ora in poi.
    Inoltre, siamo sicuri che la vendetta sia la strada giusta? Qualcuno si è chiesto cosa ha portato questo ragazzo (e porterà tantissimi altri) a compiere un gesto così estremo? 28 anni, laureato, figlio di un medico (chi vive in Giappone sa quanto conti il lavoro del padre) ma disoccupato e mantenuto, quindi non all'altezza di ciò che la società giapponese chiede ai giovani come lui. Proviamo a pensare di vivere con questa pressione addosso per anni e anni, ma non da italiani, dove l'essere disoccupati ormai è normale ed eccessivamente compatito da tutti, ma da giapponesi.
    Quella povera ragazza ha avuto la sfortuna di imbattersi in uno dei tanti mostri creati dalla società, non basterà eliminarne uno per risolvere il problema. Sai quanti potenziali Ichihashi ci sono in giro?

    RispondiElimina
  37. Ciao Italicus, inizialmente ho pensato anche io la stessa cosa (in Giappone il soldo sonante è una validissima argomentazione in ogni circostanza), ma secondo me qualcosa si è mosso a livello internazionale. La Polizia è diventata brava tutta di un colpo, dopo aver lasciato "latitare" il ragazzo per quasi 3 anni? E come mai i media giapponesi, che si scomodano a strillare solo se dietro c'è un sostanzioso business (vedi il caso di Noripi) si sono risvegliati tutti in una volta?

    Spero che tutta questa vicenda faccia riflettere non solo noi gaijin illuminati da un'educazione sociale diversa (viva Beccaria, ti quoto in pieno).

    RispondiElimina
  38. Xtommy
    Ci sono alter coincidenze post in arrivo.

    XKazu
    Quoto il tuo commento e di italicus.
    Secondo me qualcuno ha spinto a livello politico.
    La TV e la pula hanno dovuto attivarsi.
    Poi aumentando il compenso hanno reso piu attiva la popolazione;-)

    XKazu
    Niente vendetta, solo che il sistema giapponese come quello italiano e' pieno di scappatoie.
    Attualmente non lo terrano dentro piu di 15anni.
    Sapevo che la pena di morte e' per minimo 2 infatti la mia battuta era piu di rabbia, non succedera mai che lo impicchino.
    Come detto sono contrario alla pena di morte in generale, che riformino la legge e facciano un vero ergastolo mi basta e avanza. Giustamente una legge non passera mentre lo processano non c'e' tempo sufficiente.
    Sul discorso background del tizio non posso che super quotarti ma siamo in Giappone qua non si guarda come si e' formato un mostro. Devi giapponesizzarti;-) basta cercare le ragioni, limitati accettare cio che ti passano....;-)

    RispondiElimina
  39. Da Italicus;

    Mu, forse non l'ho ancora detto,o non l'ho detto abbastanza ma, in Italia,al volante,avevo problemi pure là. Chi,spesso alla guida di un mezzo, nota e giudica,e commette lui errori,io incluso. Non a caso si dice che chi è alla guida capisce di più(dei problemi del traffico) di uno che non guida mai. Io ,con cattiveria, seguo un mio principio che è il seguente dopo:

    Sbagli alla guida ed io ti clacsonizzo ai timpani e poi? Tu impari? Io mi sono sgolato ed arrabbiato e mi si è alzata la pressione La tua educazione è costata la mia tranquillità?Nisba!

    Altra soluzione:

    Ti fermi sul ciglio della strada per telefonare o per mettere a punto il tuo navigatore,o per pisciare al palo? Io ti lascio fare perché è da te che devi imparare. Di camion ce ne sono a bizzeffe e si dice che ogni tanto qualche macchina è portata a spasso per qualche decina di metri da questi camion.

    Avverto soltanto,qualora se ne presentasse la necessità(nepotismo?) , solamente gli stretti interessati,il resto è..resto.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.