giovedì 18 febbraio 2010

Parto, Sofrologia e uomini giapponesi complessati

Post scritto alla pene di segugio, scusate.
In questi giorni sto facendo i salti mortali, come già sapete molto presto il mondo finirà con l' arrivo del mio diabolico pargoletto.
L' ETA e' pronosticato per il 27 Marzo, quindi fossi in voi donerei tutti i gli averi al sottoscritto cosi da non inimicarvi il pargoletto e poter quindi sopravvivere alla distruzione di massa che porterà.
Ok ora basta, accedere alla nuova religione che nascerà sarà una scelta vostra ma ricordatevi peccatori chi non si pentirà e convertirà in tempo perirà in un mare di pupu.

Avere un pargoletto in Giappone non e' una cosa facile, un giorno a conti fatti vi racconterò quanto mi e' costato far costruire questo super pargolo. Certo che e' come la Ferrari se lo ordini arriva dopo 10 mesi.

Ieri sono andato al corso di Sofrologia, forse già molti conoscono questa metodologia.
Ecco un link in inglese. http://en.wikipedia.org/wiki/Sophrology
Ecco qui un post di un Italiana http://www.lacasanellaprateria.com/2008/12/sophrology-la-sofrologia.html

In poche parole ti fanno il lavaggio del cervello, devi convincerti che il dolore precludendo l' arrivo del pargolo e' un cosa buona, il tutto viene condito con tecniche respiratorie, yoga ecc.
Io ero più propenso al parto con la tecnica del Aquafresh o tubetto di dentifricio ove il sottoscritto spreme la moglie come un tubetto per fare uscire il bambino ma non me lo permettono.

Prevedo comunque un parto in stile Alien (sono un alieno sulla carta perché no) ciò con il piccolo che apre la mamma come una cozza anzi ne sono sicuro. Infatti il piccolo diavoletto intelligentemente sta spingendo da mesi in tutte le direzioni deformando la pancia del soggetto Host nei modi più incredibili per 24h7/7 infatti lo ho soprannominato COMBINI per che dispensa cazzotti e calci dalla mattina alla sera. Il dottore afferma che e' solo molto sano e vispo.
Io invece ho un opinione diversa secondo me la bestiaccia sta studiando i punti di rottura più facili per un uscita in stile oppure si sta esercitando come in Kill Bill per con il colpo tipo nella scena della bara. Ma non so quale delle due ipotesi sia giusta..

Comunque ho chiesto al dottore di poter assistere alla venuta del distruttore ma il nostro medico non ama molto questa pratica sapete perché?
A suo dire statisticamente in Giappone più del 65% coppie che decide di avere il marito in sala parto scoppia. (ripeto il 65% di quelle che opta per la presenza del marito in sala quindi non tutti i giapponesi. Secondo i dati ufficiali il 49.8% dei maschi giapponesi decide di assistere al parto. 
Nel dettaglio di questa campionatura:
-Nella fascia 30-35anni il 58.5%
-Nella fascia 35-40anni il 48.4%
-Nella fascia 40-45anni il 44.6%
Ecco il link della fonte:
Link: http://news24.2ch.net/test/read.cgi/femnewsplus/1209103554/
Ma comunque diversamente da come la penso io pure i dati italiani non sono rassicuranti:
http://medicinaesalute.myblog.it/archive/2009/04/07/aumenta-il-rischio-di-divorzio-se-papa-assiste-al-parto.html
Grazie Kazu)
Secondo la sua esperienza la maggior parte dei maschi che ci prova trova grottesca la cosa e il rapporto di coppia e' fottuto per sempre.
Da quello che mi racconta moltissimi divorziano perché il marito dopo questa cosa non riesce più ad avere rapporti sessuali con la moglie.
Altri restano scioccati ecc.
Io subito ho risposto "A dotto mica noi italiani siamo complessati come i maschi giapponesi, per quella strettoia ci siamo passati tutti"

Poi medico ha insistito con il discorso che può essere impressionante ma allora all' incontro successivo ho porto le mie produzioni di video sulle ernie che io stesso nel periodo in cui lavoravo per una casa editrice medica ho filmato. A dotto ho già dato non si preoccupi ci vuole altro per traumatizzarmi.

Ma il medico ha insistito "se vuoi fare questa cosa ti devi sparare il corso anche tu"
Li e' scattato il terrore l' ultima volta che sono andato a un corso con mia moglie dopo 30 secondi mi sono addormentato e anche con degli spilli nelle palpebre non riuscivo a tenere gli occhi aperti.


Comunque ieri ho fatto il corso che consisteva in una serie di spiegazioni tecniche e training sulla Sofrologia il tutto completato da una serie di film horror dove delle donne cacciamo fuori il bambino dalla patata.
La cosa che mi ha fatto incazzare e' che non mi hanno spiegato come abbattere la cicogna se non si ferma al primo passaggio sulla nostra casa ma poi ho capito che i bambini sbucano fuori dalle pesche in Giappone.

Comunque il dottore non ha capito una cosa, la mia scelta di assistere al parto e' un azione cautelativa per la sicurezza dello staff.
Non vorrei che al momento del fatidico schiaffetto sul culo, il pargolo si incazzi pesti a sangue il dottore urlando "chi vuoi menare tu?!?!?! Mo quando ho finito ti serve la carta di identità per farti riconoscere in famiglia"

Comunque la settimana prossima inizia il tour dei centri militari di addestramento o Day care center. Vi faro un bel resoconto di che casino e' trovare un soluzione per un pargolo durante le ore lavorative.

51 commenti:

  1. ahaha! ha sangue italiano nelle vene, ecco perché è così vivace! tosto come il padre
    ganbatte ne!

    RispondiElimina
  2. Vai Luca, siamo tutti con voi!!! E soprattutto... poveri dottori giapponesi!

    RispondiElimina
  3. Sofro...che?

    Seriamente ti ci vedo proprio a rilassarti e a riacquisire l'armonia interiore, magari circondato da tante candele colorate...

    non e' che per sfogarti, nel dopocorso, vai alla ricerca di qualche ultranazionalista da menare? XD

    ETA segnato sul calendario...una settimana prima di Pasqua: mi sa che si sono sbagliati i medici.

    Per i soldi dei peccatori li sto raccogliendo io, poi nel 2012 ti faccio un bonifico con calma.

    RispondiElimina
  4. manca pochissimo ormai!! ^-^
    ultime settimane di libertà ;)

    RispondiElimina
  5. Per la cronaca la belva ora e' 2.8kg e mancano ancora 6 settimane circa, io dico che pesera quasi 4 kg all' uscita. Povera mogliettina.

    Infatti il dottore sta monitorando se cresce troppo facciamo un parto anticipato.

    xS
    Sangue... non dire quella parola ce ne sara tanto dopo che sara nato, scorrera molto sangue, poveri bulli giapponesi ne piglieranno tante se e' come me.

    Xeconomia
    Il dottore non sa cosa lo aspetta.

    XMamoru
    Certo che lo faccio ormai sono spaventati quando sentono il rombo del missile giallo (un italiano ieri ha avvista un missile giallo a raso terra nella zona di nishinomiya)(p.s. lo scooter e' giallo)

    XManuela
    manca poco si.
    Libertà ne avrò tanta. Primo mia moglie sloggia dalla settimana prossima viene a dormire a casa solo il weekend, visto che sono a lavoro meglio che stia con i suoi.
    Poi dopo il parto stara in ospedale per 5 giorni e dopo stara un mese dai suoi come vuole la tradizione giapponese.
    Ti rendi conto un mese di libertà xbox e snack a manetta.
    Poi io ogni tanto andro in centro da solo con il bambino, lui terra nella mano del cloroformio e se una sgnocca si avvicina.
    "ma che carino" zack la stordise e il sottoscritto......
    Ci siamo gia messi d'accordo lui mi da una mano nella cattura e io lo copro di giocattoli

    RispondiElimina
  6. Xmamoru bene ne 2012 aspetto i soldi.

    RispondiElimina
  7. Il solo a svenire e rimanere traumatizzato alla nascita della mia cara figliola sanguemisto a Modena nell'Ottobre 1996, il giorno del terremoto, e' stato il medico che era li' per fare pratica.......uah!uah!

    Bei tempi.....come si dice qua, caro mio, sei ancora "nei prati dietro casa", finito il periodo di grazia sara' bello avere i tuoi resoconti..uah!uah!

    A.

    RispondiElimina
  8. beh ci vuole pur qualcuno che le suoni ai bulletti, tantopiù che sembra che il bullismo nelle scuole in giappone sia una vera piaga
    vai di forza bruta italiana, olé
    se adesso pesa più di due chili secondo me ci puoi mettere una firma che sia sui 4 quando nasce...un bel torello!

    RispondiElimina
  9. Col bambino, addio tempo. Preparati. :)

    RispondiElimina
  10. 4 chiletti di pura malvagità, accidenti!!
    Fantastico che padre e figlio siano già d' accordo per mettere in atto le loro scorribande ma ti consiglio di fare mooolta attenzione alla signora perchè se la maltratterai nella fase post-parto le conseguenze per te potrebbero essere DEVASTANTI... ^-^

    RispondiElimina
  11. posti una foto della coda del alieno/pargolo

    RispondiElimina
  12. lo chiamerete con nome giappo o italiano?

    RispondiElimina
  13. io al tuo posto invece di pensare all'xbox opterei per delle sane ronfate... sarai molto impegnato, dopo... Anche perchè a quel che mi dicono, chissà perchè, il manuale d'istruzioni rimane sempre dentro... :)

    RispondiElimina
  14. In bocca al lupo Luca :-)
    P.S. Parto naturale o cesareo son cose un pò particolari ma indimenticabili da tutti i punti di vista.
    Saluti alla tua metà e alla piccola belva Italo giapponese.

    RispondiElimina
  15. Scusa luca , ma in giappone è vero che mangiano la zuppa di tartaruga e quella di serpente? Ho visto un ristorante di vipere a Tokyo,sono alimenti ricercati o diffusi?

    RispondiElimina
  16. Luca, tuo figlio devi chiamarlo ad ogni costo COMBINI, sarebbe fantastico! Per me ormai questo è suo nome, aha ha hah!

    TyUan

    RispondiElimina
  17. Io il ristorante di vipere l'ho visto solo nel video di Turisti per Caso, a Tokyo in sei viaggi che ho fatto ho mangiato solo cose squisite che qui in Italia ci sognamo!!

    TyUan

    RispondiElimina
  18. "Moltissimi divorziano perché IL MARITO DOPO QUESTA COSA NON RIESCE PIù AD AVERE RAPPORTI SESSUALI CON LA MOGLIE".
    Eh??? Ma sono uomini o molluschi? Alcune persone possono essere più impressionabili di altre, ok. C'è il marito che appende le foto del parto in salotto (non sto scherzando) e quello che non se la sente di entrare. Ma rimanere traumatizzati fino a mettere in discussione la propria vita coniugale mi sembra eccessivo. Sono proprio strani, questi uomini giapponesi.
    E poi, cos'è questa tradizione del mese a casa dei genitori? Quindi in Giappone il marito non solo non dà alcun supporto morale alla moglie durante il parto, ma si evita pure il primo mese di notti in bianco e pannolini da cambiare... Mah!

    In bocca al lupo per il pargoletto (la sua potenza distruttiva arriverà fino in Italia, o qui possiamo dormire sonni tranquilli?)
    Luisa

    RispondiElimina
  19. Premesso che per me le donne sono un po' incoscienti e molto eroiche e che dovessi partorire io il mondo sarebbe già desolato da un pezzo, non sapevo di questa cosa dei giapu che poi non vedono la donna come prima e smettono coi rapporti sessuali.
    Per quel che mi riguarda, l'ho sempre detto, se dovessi mai diventare papà, l'esperienza del parto non la voglio vivere. Alla vista del sangue tento a svenire, e non sopporto il dolore degli altri. Quindi, per me sei eroico anche un poco tu. Io posso solo aspettare imbottito di tranquillanti che tutto abbia fine (o inizio, a seconda dei punti di vista)

    Invece per il piccolo OBI WAN KENOBI in arrivo, bisogna preparare i doni adatti al piccolo guerriero jedi. Fossi in te, incomincerei a fare esercizi di controllo mentale, prima che ti costringa completamente ai suoi voleri.

    Davvero i bambini in Giappone sbucano fuori dalle pesche? oddio, al pensiero non potrò più far l'amore con questi frutti.

    RispondiElimina
  20. XA
    Dottore fresco di universita?
    Speriamo che riesca a gestrire il Gremlin, cio che mi preoccupa e' una trasformazione della moglie allo stadio super gremlin.

    XS
    Si sicuramente sara un bel toretto.
    Mo si incomincia a organizzare il battesimo (devo prenotare la chiesa 6 mesi prima per una cerimonia in Italiano)

    XGiuseppe
    Non ho mai avuto tempo ecco perche bloggo nelle ore di lavoro;-)

    XManuela
    Ci pensera il frugoletto malefico a torturarla e trattarla male io guardero la scena compiaciuto perche' lui lo puo fare e io no.

    Xbista92
    Postero devo cercare sulle ecografie


    Xsami
    Il nome e' top secret si sapra alla nascita.;-)

    XGatto rognoso
    No problem io dormo 4 ore a notte e sono super attivo.
    Mia moglie si domanda come cazzo faccio dopo 13 ore di straordinario ad:
    -arrivare a casa in moto
    -Cucinare la cena (mi roba istantanea)
    -Parlare con i miei per una mezzoretta via skype
    -Prepararmi l' Obento
    -Farmi i cazzi miei per una mezzoretta
    -Raccimolare la monnezza
    -Stirarmi delle cose
    -Guardarmi un film

    Normalmente lei va a letto alle 10pm io all' 1 di notte. Poi mi alto alle 5:20 per prepararmi per il lavoro.

    P.s. il manuale lo trovi su bittorrent ma occhio hai fake

    Xzanzara ha detto...
    La belva aspetta di essere liberata.
    Grazie per gli auguri.

    XAnonimo
    In alcune realta locali si mangiano variegati tipi di carne ma devi cercarla con l' aiuto di un locale perche i ristoranti che servono prodotti di quel tipo sono rarissimissimi.

    XTyUan
    Sara il suo nome di battaglia.

    XLou
    Ma secondo me lo usano come scusa, gia normalmente senza assistere al parto dopo due o tre figli la moglie non al toccano piu.
    Ma posso credere alla versione del dottore, sicuramente i maschetti giapponesi non sanno come reagire e comportarsi davanti a moltissime situazioni.
    Credo che la storie del mese dai genitori sia un rimasuglio della famiglia patriarcale ma forse e' una cosa che si e' sviluppata negli anni della crescita economica.
    Diciamo la verita ora i giapponesi fanno finta di lavorare ma il loro genitori (come i nostri) hanno sputato sangue per l'azienda con gli straordinari che tutti conosciamo.
    Sicuramenti il primo mese e' il piu delicato lasciare la moglie a casa da solo non e' la cosa ideale.

    In Italia non sarete al sicuro, quando il pargolo sviluppera la sua coscienza nazionalista e imparera a usare internet saranno cazzi amari.
    Sicuramente vedra offesa la sua identita di italiano vedendo i casini del bel paese e decidera di distruggervi come sodoma e gomorra. ;-)


    XMu
    io ero abbonato al pronto soccorso a Padova quando arrivavo "ciao Luca cazzo hai sta volta, quale colore ti diamo? rosso?" Poi lavorando per che pubblicava libri medici mi sono fatto l' occhio, posso veramente guidare un chirurgo in operazione all' ernia.
    Il sangue non mi fa ne caldo ne freddo.
    Devi capire con anni di horror e film violenti siamo desensibilizzati al sangue.
    Gia comprato il kit del bravo jedi e ho prenotato le lezioni di tecniche jedi da yoda.
    Non ti devi preoccupare per il controllo mentale io sono un signore dei sith.
    Kombini sono tuo padre diro al momento giusto ansimando come sotto un attacco d'asma.
    lo sai che la frutta e' pericolosa?
    Ma stai alla larga dalle pere.

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Mu: grazie di esistere!
    Luca: ogni volta che posti qualcosa, tra i commenti è la fiera delle generalizzazioni e degli stereotipi... Evviva :D
    Magari aggiungi qualche sottotitolo per i più ottusi, spiegando che il dottore si riferisce alla crisi del 65% delle coppie che decidono di affrontare l'esperienza del parto insieme (il restante 45% riguarda sempre lo stesso genere di coppie che, al contrario, rimangono indenni) e non del 65% degli uomini giapponesi IN GENERALE.
    E poi basta con questa storia dell'uomo forte e bruto, peloso e insensibile alla vista del sangue. Non ci crede più nessuno :D
    Stiamo parlando di un'esperienza molto soggettiva e delicata dal punto di vista psicologico. A me sembra quasi che in Italia, invece, l'uomo che vi si sottrae si accusato di mancanza di responsabilità e appoggio morale nei confronti della moglie (un carico ulteriore alle pressioni sociali che negli ultimi anni affliggono la nostra popolazione maschile).
    Personalmente, io non gradirei molto la presenza di mio marito in sala parto. E sarei felicissima se davvero potessi trascorrere il primo mese (ma anche di più!!!) a casa dei miei o dei miei suoceri, che oltre al supporto pratico (e chi l'ha mai maneggiato un esserino così piccolo??) mi aiuterebbero a vivere con più serenità il tutto.

    RispondiElimina
  23. Aggiungo il sottotitolo;-(
    Ma pero e' piu bello quando c'e' una flamewar.
    Comunque avevo scritto che il post era alla pene di segugio.
    Sul discorso del marito in sala parto giustamente come dici tu e' una scelta di tutti e due, se la moglie non vuole il marito non devi insistere.
    Io nel mio caso non voglio perdermi la venuta della belva, ci sarà anche la video camera (il video resterà privato mettiamolo in chiaro) ma ho subito detto al dottore camera su tre piede non capiro mai i mariti che gironzolano come dei coglioni con la video camera invece di assistere la mogliettina.
    Un marito che decide di assistere a questo evento deve farlo per amore del figlio e della moglie e supportarla per tutto il travaglio.
    Madoooooo speriamo che sia veloce sono sicuro che sarò ansioso dentro e un nicotinomane come me ne soffrira.

    RispondiElimina
  24. Beccato ;)
    Leggi qui: 夫の出産への立会い率は49.8%で、「30代前半」は58.5%、「30代後半」は48.4%、
    「40代前半」は44.6%と、年代が上がるにつれて徐々に減少傾向が見られる。
    また、「親になることの実感」がわいたのは、夫は「子どもが生まれたとき」が41.6%、
    妻は「妊娠期間中」58.0%となっている。
    Link: http://news24.2ch.net/test/read.cgi/femnewsplus/1209103554/

    RispondiElimina
  25. Traduco per chi ha interesse a leggere i dati:
    la percentuale dei papà che decidono di assistere al parto è del 49.8%. Nello specifico, del 58.5% degli uomini di età compresa tra i 30 e i 35 anni, del 48.4% di quelli tra i 35 e i 40, del 44.6% di quelli tra i 40 e i 45 anni. Con l'aumento dell'età, si nota che la percentuale tende a decrescere. Inoltre, la consapevolezza di essere genitore avviene per il 41.6% dei papà alla nascita del proprio figlio, mentre per il 58% delle donne avviene durante la gravidanza.

    RispondiElimina
  26. Avevo appena aggiornato il post con i tuoi dati

    RispondiElimina
  27. Beccati anche i dati italiani :D
    http://medicinaesalute.myblog.it/archive/2009/04/07/aumenta-il-rischio-di-divorzio-se-papa-assiste-al-parto.html

    RispondiElimina
  28. @luca
    Metti anche qualche luce? E poi puoi dare il ciak.
    "non ancora mogliettina, aspetta!. Dottore stia fermo! Pronti! OBI WAN scena parto prima! CIAK!"

    (e pensa se non viene bene)

    @kazu
    guarda, a me dispiace tantissimo questa mia fobia, sopratutto nel caso che la donna mi voglia davvero al suo fianco. Solo se insisterà potrei provare, ma mi devo prima riempire di tranquillanti e poi non guardare assolutamente che il viso di lei e mai dalla parte del bambino.

    RispondiElimina
  29. Mu, non devi dispiacerti. Non è scritto da nessuna parte che la cosa sia obbligatoria, anzi.

    Ecco i dati italiani:
    Nel Nord Ovest l’81% degli uomini assiste al parto e una coppia ogni 2,5 va in frantumi. Nel Nord Est la percentuale scende al 77% e così anche i fallimenti avvengo per una coppia ogni 3,5. Al Centro, la percentuale di uomini che entra in sala parto scende al 63%, e le separazioni avvengono una ogni 4,5 coppie.

    Nelle Isole il numero di mariti “partecipativi” scende ancora,
    arrivando al 51%. A scoppiare è una coppia su sette. Al Sud soltanto il 30% degli uomini partecipa e le medie scendono ulteriormente fino ad arrivare ad avere una coppia su 8 che arriva alla separazione.
    fonte: http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=8027

    Luca, come vedi gli "uomini italiani complessati" sono ben allineati a quelli giapponesi e, in entrambi i casi, fanno parte della percentuale di coppie che consente al marito di non assistere al parto. In generale sono quindi d'accordo con il ginecologo che segue tua moglie, anche se i motivi che spingono al divorzio non possono essere limitati a questa esperienza e dati mi sembrano insufficienti in entrambi i sondaggi.

    RispondiElimina
  30. XKazu
    Ho aggiunto il link che hai messo.
    Non capirò mai come un uomo possa trovare grottesca la cosa. Certo i dati mi sorprendono hai abbassato la mia stima sui maschi italici, vergogna mollaccioni!!!!!
    Se uno hai dei problemi ad assistere a un evento cosi particolare, deve avere il coraggio di non provarci. Mu per esempio sa di avere dei problemi con il sangue e giustamente sa che e' meglio per lui evitare.
    Io ho avuto cavalli e cagnacci fetenti, di parti(animali) ne ho visti a decine e la cosa non e' molto diversa se poi aggiungi che il l'animale pulisce il cucciolo con mangiando la placenta ecc.
    Insomma un tom cruise con la coda e il pelo?
    Io il cordone non me pappo ma una parta finisce nella banca e una particina finisce nella scatolina da conservare a casa.
    Kazu e mamoru la prossima volta che andate a casa dei suoceri fatevi mostrare i cordoni ombellicali dei vostri compagni.

    Xmu
    Con la sfiga che cio finisce la batteria?
    Se la video camera lo filma bene se no chi se ne frega.
    Ma sarà un attore nato!!!!!

    RispondiElimina
  31. Luca, sei un grande... sempre detto!
    Mi raccomando: insegna l'italiano al diabolico pargoletto, altro che giapponese! ;-) E soprattutto non comprargli una katana!

    RispondiElimina
  32. Luca, credo che il problema per i maschi italici non sia nel trovare grottesca la cosa, ma nell'imposizione di dover assistere al parto perché tua moglie (e la società in generale) se lo aspetta/lo pretende. Almeno gli uomini giapponesi che decidono di assistere la propria compagna lo fanno per scelta. Questa riflessione basterebbe a costringerti a rivedere la tua opinione nei confronti dei maschietti giapponesi e a farti cambiare il titolo del post ihihihi.

    PS. comunque sono contenta che i ginecologi giapponesi conoscano questo problema e, soprattutto, che ne parlino con i futuri papà.
    Non tutti sono muniti di sangue freddo e di esperienze forti come le tue.

    RispondiElimina
  33. anche a me la statistica sembra leggermente caotica

    io ho trovato qui http://www.donnedemocratiche.com/?p=2164

    questi dati per l'italia Tasso di separazione del 272/1000 (27 per cento se la matematica non m'inganna) e di divorzio del 151/1000 (quindi 15 per cento). quindi già allineati ai dati del nord est, e comprensivi sia di chi assiste al parto che di no.
    Quindi se i dati che ho visto sono giusti, e ha senso confrontarli (cosa da vedere) secondo me è una conclusione un poco affrettata quella di legare la separazione alla vista del parto.

    RispondiElimina
  34. Mu, il tuo link parla delle percentuali di separazione/divorzio in generale ed è slegato dalle indagini svolte sul tema trattato.
    I dati che ho riportato nel miei commenti precedenti riguardano, in ordine regressivo, uno studio condotto dalla Società italiana di diagnosi prenatale e medicina materno-fetale (Sidip) su un campione di "310 coppie, intervistate in diverse città italiane e nelle quali l’uomo ha assistito al parto naturale, il 34% si è poi separato in un arco di tempo di 10 anni", e uno studio condotto dalla Dentsu (qui puoi scaricare il pdf: www.dentsu.co.jp/news/release/2008/pdf/2008026-0424.pdf ) su 1000 persone (uomini e donne) di età compresa tra i 25 e i 44 anni, il cui primogenito è di età compresa dai 0 ai 12 anni.
    La separazione è quindi strettamente legata all'esperienza condivisa in sala parto (su questo si basano entrambi i sondaggi).
    Forse ti riferivi alla mia frase precedente in cui esprimo che, secondo me, "i motivi che spingono al divorzio non possono essere limitati a questa esperienza e dati mi sembrano insufficienti in entrambi i sondaggi"? Personalmente credo poco ai numeri (soprattutto alle ricerche su campioni... brrr) e più ai sentimenti ;)

    RispondiElimina
  35. A mio parere non c'e' orrelazione diretta e la cosa del parto mi pare la scusa di comodo per autoconvincersi a divorziare....
    Probabilmente la coppia stava assieme col nastro adesivo.

    Quello che mi preoccupad di piu' e' la gestione del figlio: di casi in cui la coppia ammazza il bambino se ne legge uno la settimana.
    Tipo (Saitama) il bambino di 3 anni picchiato a morte dalla madre dopo aver bagnato il letto o quello, mi pare, ferito alla testa dai genitori e morto in ospedale quando ormai erra troppo tardi.

    Ora capisco tutti i manuali per come crescere i figli, tuttavia per "non colpire con oggetti contundenti al capo" mi pare che basterebbe il buon senso.

    RispondiElimina
  36. sì sì, mi riferivo solo ai dati italiani e proprio al fatto che le percentuali di separazioni prese in considerazioni non fossero così diverse da quelle generali di separazione (cioè al di là dei motivi).
    Inoltre anche a me sembrava pretestuoso ridurre la motivazione del fallimento di un rapporto di coppia all'aver assistito o meno in sala parto. (per altro in un arco di 10 anni di eventi ne possono accadere eh)

    RispondiElimina
  37. Della serie (dialogo immaginario):
    - hai rovesciato l'acqua a tavola
    - mi hai rigato la macchina
    - parli troppo
    - tua madre e' odiosa
    - (seguono una dozzina di pseudoscuse che si retrodatano fino alla caduta dell'impero romano d'occidente)

    .......e quando hai partorito mi ha fatto pure schifo! adesso basta, questo e' troppo, ne ho abbastanza!

    XD

    RispondiElimina
  38. @kazu....
    scusa, oggi scrivo in maniera bislacca. intendevo cioè solo dire che siccome le percentuali di divorzio generali non sono diverse da quelle del tema trattato, non capisco come possano evincere che la causa della separazione sia la vista del parto. (per di più su un campione così piccolo a me sembra)

    RispondiElimina
  39. Mu: caspita hai ragione! come al solito siamo perfettamente in accordo (che onore poi esserlo con un musicista ihihi ^_^)

    RispondiElimina
  40. A me piacerebbe avere accanto il mio compagno in un momento del genere: di sicuro, comunque, non lo forzerei a farlo.
    Non ho criticato gli uomini che preferiscono non assistere al parto. E' del tutto legittimo e posso capirlo, visto che mi impressiono anche solo per un taglietto.
    Ho solo detto che rimanere traumatizzati fino al punto di pensare al divorzio mi sembra assurdo. Uomini che arrivano a una decisione simile per me sono senza spina dorsale. Che siano giapponesi o italiani o eschimesi. Luca ha riportato le info che gli ha fornito il medico e io quelle ho commentato. Il sangue può impressionare, l'esperienza può risultare sgradevole, anche molto sgradevole, ma in tutto ciò che cosa c'entra il rapporto con la compagna? Se sono queste le cose che fanno scoppiare una coppia (in Giappone, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo), siamo proprio messi male. Probabilmente si tratta di coppie già deboli in partenza. Quel 65% mi è sembrato un dato spaventosamente alto (il 65% delle coppie che decidono di far entrare il marito in sala parto, questo era chiaro fin dall'inizio); non conoscevo i dati dell'Italia.
    Quanto al mese dai genitori, sicuramente un aiuto è indispensabile. In Italia succede spesso che sia la madre di lei a trasferirsi per un po' a casa della coppia. Avere la suocera per casa può non piacere, ma secondo me è sempre meglio che rimanere distanti da moglie e figlioletto per un intero mese.

    RispondiElimina
  41. Vi tedio parlando della mia esperienza personale. Io ho voluto assistere al parto di mia moglie anche x sentirmi + sicuro infatti nel 1995 c'era stato un caso di malasanità ed un bimbo in un ospedale italiano era stato bollito nel bagnetto troppo caldo. E' stata una bella esperienza che a mio figlio piace sentirsi raccontare. Comunque adesso sono separato. La donna nel post partum va incontro a depressione e deve esssere aiutata infatti in questo fanno bene i Jap. Il mio problema è stato che dopo mia moglie è stata solo figlia e mamma e io non sono contato più niente tipo ape regina alveare e fuco inutile. Rientro nella statistica ma non c'entra niente avere assistito "all'evento parto" P.S. La donna al momento dell'uscita della testa viene sforbiciata nel perineo, la chiamano eufemisticamente episiotomia, e al momento della massima spinta fa la cacca ma anche questo non c'entra niente nell'evoluzione rapporto di coppia.

    RispondiElimina
  42. @Luca
    Ti aspetto sul Live allora che ci facciamo una parta.

    Anche io dormo poche ore, l'ultimo post l'ho fatto alle 4 di mattina e poi sono andato a letto per svegliarmi alle 8. LOL

    Sindrome da iperattivita'.... adesso i bambini
    "vivaci" li bombano di psicofarmaci, io e te ci siamo salvati. :D

    RispondiElimina
  43. X Brunodentista
    Non conosco le statistiche, ma credo che di casi come il tuo ce ne siano parecchi. Non pensi che il trasferimento della neomamma e del piccolo in un'altra casa possa accentuare il senso di esclusione del padre, che potrà al massimo andarli a trovare nel tempo libero? Secondo me il padre dovrebbe essere molto presente fin dall'inzio (lavoro permettendo). Credo molto nella condivisione e poco in una rigida divisione dei ruoli.

    RispondiElimina
  44. Lou:
    Dato che il fenomeno "shock da visione del parto" sembrava riguardare solo gli uomini giapponesi (tra l'altro, cercando su internet si trovano studi simili in diversi Paesi del mondo, non solo Italia e Giappone), mi sembrava il minimo integrare le informazioni presentate da Luca.
    Sono contenta quindi di leggere un commento ben diverso dal precedente, dove concludevi con "sono proprio strani, questi uomini giapponesi". Come vedi, secondo gli studi anche gli italiani possono "rimanere traumatizzati fino al punto di pensare al divorzio" e in percentuali molto simili. Così come sono tanti i papà italiani che hanno necessità di sentirsi coinvolti al momento del parto, altrettanto numerosi sono i papà giapponesi.

    Poi, sull'attendibilità di queste indagini (e sulle statistiche in generale) pure io ho le mie perplessità. I motivi che portano una coppia alla crisi (con o senza figli) sono molteplici e a volte incredibilmente più futili (ci sono uomini che perdono interesse verso la propria donna semplicemente dopo averla vista in abiti "da casa", o donne che si disinnamorano del marito perché è troppo "buono").

    Brunodentista:
    E vorrei proprio vedere, mi sembra il minimo dato che sei un medico e operi le persone! Se ti impressionassi alla vista del sangue e del dolore altrui sarebbe un bel guaio :D
    Per come sono fatta, al posto tuo non solo avrei assistito al parto di mia moglie ma avrei supervisionato l'intero reparto durante tutta la degenza di mia moglie e del pargolo :D
    PS. grazie mille per le foto, ti devo mandare una cosina pure io ;)

    RispondiElimina
  45. Ciao Luca,
    ho letto i tuoi post e mi sono molto divertito.
    Dalla lavatrice alle mignotte.
    Mi permetto di dirti solo una cosa riguardo l'arrivo del pargolo...

    Dormite. Dormite. Dormite. Dormite ora piu' che potete.
    Il sonno può essere accumulato, sfrutta questo tempo che vi rimane.

    Capitera', perche' capitera', che il piccolo piangera' e si svegliera' ogni due ore nella notte. Almeno per i primi 2 mesi se tutto andra' bene.

    Poi ci saranno le coliche che lo faranno piangere per diverse ore e sempre nella notte.
    Ti sentirai impotente e frustrato perche' non saprai come farlo stare tranquillo e farlo riposare.

    Ti meraviglierai di quanta energia ha un coso così piccolo per piangere cosi' forte e cosi' a lungo.

    Meno male che c'e' questa tradizione in Giappone. Almeno tua moglie potrà riposare un po' ed essere coccolata perche' ne avra' bisogno e molto.

    Insomma forza e coraggio.
    Ma per l'allattamento cosa avete pensato?
    Saluti dar cuppolone,
    apm

    RispondiElimina
  46. Xmarco
    Certo io parlero solo l' italiano.

    XKazu
    Sono d'accordo almeno i ginecologi giapponesi ti avvisano.
    Secondo me comunque la storia dello schock e' una scusa per chiudere il rapporto.
    i motivi sono altri, tipo un matrimonio di convenienza.

    XMu
    Si diciamo che i dati giapponesi sono piu specifici, non penso che il dottore mi dica una cazzata.
    Ma come ha detto Kazu, e tenendo conto dei dati, anche in Italia non sono messi bene.
    Certo come ho detto a Kazu secondo me e' solo una scusa per scappare dal matrimonio senza essere considerato un bastardo. Poverino e' rimasto traumatizzato.
    Anche secondo me e' riduttivo, un po non ci credo come detto tutte scuse.

    Xmamoru
    Quoto il discorso figlio.
    Ti ricordi della divorziata alla quale il nuovo amante ha ammazzato la figlia e questa donna ha piazzato la poverina per mesi nel freezer nascondendo il fatto e tenendo il nuovo uomo.
    Poi pero il tizio la menava troppo e allora e' andata alla pula per confessare?
    Carinissimo il dialogo.
    Non ho piu il live non pago quei dannati soldi e ho gia superato il limite dei profili per avere un mese gratis.

    XLou
    Giusto forzare non va mai bene.
    Sul discorso mese ringrazio dio, mi salvo dai pianti notturni per un po. A casa poi piagerebbe di piu perche non riesce ad accendere l'xbox (il miglior controllo per adulti e' levare il cavo di alimentazione;-)
    scherzo.

    Xbrunodentista
    Povero bambino bollito.
    Anche qui i casi di mala sanita non mancano.

    XLuisa
    Passero ogni sera a trovarla comunque.

    xAPM
    Dormiro ma fidati sono iper attivo a volte mi faccio anche solo un ora di sono a notte per una settima.
    Che ti devo dire non mi piace dormire.
    Le coliche mi fanno paura ma il piccolo subira il trattamento del agoghé. hehehe
    Per l'allatamento pensiamo al naturale se la mogliettina avra il latte se no ci tocca ripiegare sul bulldog francese del vicino.

    RispondiElimina
  47. @Luca
    anche senza abbonamento gold si possono mandare i messaggi audio e parlare aggratis.

    Io non ho il gold.

    =)

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.