mercoledì 9 settembre 2009

Giappone - L'anagrafe giapponese che dio la stramaledica

Come avete già capito sto indagando sulle problematiche di avere un bambino in Giappone.

Come tutte le mogliettine Giapponesi mi a moglie scassa le balotas per avere un bambino, io negli anni sono riuscito a posticipare la cosa ma mi sa che tra poco mi tocca.


Mettiamo in chiaro desidero un bambino ma la mia mente da ingegnere mi obbliga a pianificare ogni secondo della mia vita, non vi spaventate ma ho già degli schizzi per i progetti da pensionato.

Sono fatto cosi analizzo, studio le probabilità' e poi procedo avendo valutato le possibili situazioni se ne arriva una negativa so come affrontarla.


Lo so e' poco romantico ma meglio pararsi il culo (scusate il francesismo).


Oggi ho scoperto una novità che si confermerà corretta mi incasina le cose abbastanza.

Qui Italicus sei il benvenuto per chiarimenti, Lupetto fatte senti anche tu.


Ok mia moglie cercava su internet delle informazioni su i cognomi stranieri ecc. e cosa scopre?

Che non posso chiamare un futuro figlio con il mio cognome alla registrazione dell' anagrafe giapponese.

Perché?


Semplice mia moglie per mia scelta non ha cambiato cognome e non ha preso il mio, penso che molti sappiano che la moglie acquisisce il cognome del marito e perde il suo in Giappone.

Io non amavo questa pratica per cui obbligai mia moglie a tenersi il suo.

Per il momento uno straniero non può avere un registro di famiglia almeno che non si naturalizzi cioè rinunci alla nazionalità italiana e prenda quella giapponese (cosa che io non faro mai).


Risultato della situazione io sono sotto il registro di famiglia di mia moglie che ha il suo cognome, non posso averne uno con il mio cognome perché non sono giapponese. Ora se mia moglie avesse cambiato cognome prendendo il mio il registro di famiglia sarebbe intestato a mio nome perché uno dei membri della famiglia e' in realtà giapponese.


Ma visto che mia moglie a mantenuto il cognome giapponese mi devo attaccare al treno.


Potrei fare cambiare il cognome di mia moglie ma anche qui c'è' un inghippo, se uno si sposa ha solo sei mesi di tempo per procedere al cambiamento di cognome, oltre quella data non e' più possibile con una semplice richiesta.

Nel nostro caso siamo sposati da 5 anni per ciò se io volessi fare prendere il cognome a mia moglie dovrei fare una richiesta con un avvocato e spendere una cifra disumana.


Quindi ora come ora cognome straniero neanche a parlane, poi vi immaginate che rottura di palle cambiare il cognome su tutti i documenti, e certificati.


Parlando con l' ufficio del comune dicono che una soluzione POSSIBILE esiste ma ripeto possibile.

Basterebbe scrivere nel spazio per il nome il cognome straniero esempio:

Cognome giapponese Nakamura..

Cognome italiano Bianchi.

Nome Angelo.

Quindi NAKAMURA nel campo cognome.

Nel campo nome ANGELO BIANCHI.

Questo pero' non e' normale perciò dovremmo avere beghe e litigate impuntandoci che quello e' un nome.


Bella la burocrazia giapponese non vi ricorda quella nostrana?

Ora una domanda a chi ne sa qualcosa rispondete se lo sapete.


Posso registrare mio figlio in Giappone con il cognome giapponese e registrarlo all' anagrafe italiana con il cognome italiano?

Si può fare questo giochino?


Domani se avrò tempo chiamerò l' ambasciata italiana per trovare una soluzione ma suggerimenti sono sempre ben accolti.

41 commenti:

  1. Suggerimenti non ne ho... Ma rimango sempre basito e affascinato dall'imbecillità del sistema burocratico prodotto dagli Stati.

    Lo sai che io non esisto?
    Vado all'anagrafe e scopro che il mio cognome di famiglia, che non contiene doppie, è stato storpiato in fase di scrittura dall'impegato. Praticamente mio padre non mi ha riconosciuto :°°°°°( ...per non parlare della moralità della mamma, messa in dubbio da una consonante :D
    Morale: "Non ci possiamo fare niente"
    Strano perchè quando gli devo dei soldi il problema magicamente non si pone.... :P

    Mah... sarà perchè non sono ingegnere ma di come mio figlio appare a qualcun altro non me ne fregherebbe assolutamente nulla...

    RispondiElimina
  2. Mmmm...la vedo difficile... Ma sarebbe così orrendo se tuo figlio prendesse il cognome di tua moglie?

    RispondiElimina
  3. Eh si, mi ha detto la stessa cosa Shiho. Ma forse è meglio, visto che se tuo figlio tenesse il cognome Italiano sarebbe preso di mira dai bulli per tutta la sua carriera scolastica...

    RispondiElimina
  4. Certo che lo puoi fare... noi l'abbiamo fatto! E 'chissenefrega' del doppio cognome e di quale e di dove puoi usarlo. Tanto saprai bene pure tu che se il pargolo avrà a che fare con la burocrazia locale dimostrando un cognome straniero, VOI non avrete altro che rogne in più...

    Mio figlio in Italia risulta residente e registrato con il mio cognome + doppio nome, in Giappone è residente e registrato (comune, asilo, etc etc.) con quello di mia moglie + doppio nome.

    Quanto ai nomi, come accennato sopra, possiede i classici due, quello giapponese e quello italiano. Ma ormai tutti qui usano solo l'italiano, che è facile, orecchiabile, immediato e ovviamente più bello!

    Mentre quello giapponese lo usa solo mio padre in Italia(!) perché dice che lo distingue e fa figo...(?)

    Consiglio ulteriore: fagli subito entrambi i passaporti, quello giapponese qui con il cognome di tua moglie, quello italiano magari lo farai in Italia usando il tuo cognome.
    Premetto che per questi documenti non sono passato tramite ambasciata, ma li ho ottenuti entrambi in loco.

    p.s.: all'immigrazione, ogni volta che mostro il passaporto giapponese di mio figlio, noto sempre che le loro facce si rilassano all'istante. Niente controlli, niente rotture, niente domande idiote, insomma niente perdite di tempo. Una goduria che non ha prezzo...

    Ciao e in bocca al lupo!
    Hakata

    RispondiElimina
  5. Da Italicus;

    Vedi,,ci avevo visto giusto,bambini in arrivo..

    Ti mando un messaggio al tuo indirizzo.

    RispondiElimina
  6. uhm falla partorire in Italia che te costa meno, sei più sicuro e lo registri direttamente qui, poi passaporto ita e registrazione in Giappo convertendo semplicemente il certificato italiano...

    RispondiElimina
  7. XGatto
    Io resto sempre biasito di quanto il Giappone per deficenza celebrale sia molto simile all' Italia, si problemi sono diversi ma il succo e' lo stesso.
    Una cosa mi fa incazzare alla grande, perche tutto il mondo sa quanto e' cialtrona la burocrazia italiana mentre la maggior parte della gente pensa che il Giappone sia super efficente e organizzato.
    Io propongo di mandare i nostri politici a scuola qui magari fra qualche anno anche l' Italia sembrera organizzata agli occhi di tutti, ripeto sembrera, il Giappone fa scuola in queste cose.

    Per il problema cognome capisci che i miei genitori sperano che il nome di famiglia contiuni, sono sicuro che accetteranno ogni situazione ma sara una piccola delusione.

    Quindi ufficialmente tu sei gatto rognoso questo e' il tuo vero nome?

    XSilvia
    No sarebbe cosi orrendo il mio piano attuare e due cognomi ma in Giappone non si puo soprattutto con un cognome straniero non naturalizzato.

    Xnicolacassa ha detto...
    E' una delle cose di cui mi preoccupo se ha un cognome italiano qui lo prendono per il culo sono sicuro, visto che in ufficio e' normale che scherzino sulla mia etnia.
    Grazie Girolamo maledetto.

    Ma all' opposto anche in Italia se uso un cognome giapponese sono sicuro che sara un incubo.
    Il mio piano come detto prima due cognomi.
    9 settembre 2009 20.55

    XHakata
    Grazie e' quello che pensavo di fare, una delle soluzioni migliori doppia identita,
    cosi in un modo o nel l' altro mio figlio potra realizzare un mio sogno la Bigamia.
    ahhahaha

    Realmente grazie per la dritta, a tempo debito si faranno le ricerche del caso.

    XItalicus
    Bestiaccia conosci la regola del 5?
    ;-)
    Aspetto la tua mail.

    XNaumacos
    Ora non sono sicuro della cosa, un mio amico italiano nella mia stessa situazione cio con moglie giapponese ha sfornato i figli in Italia ma una volta trasferito in Giappone i figli hanno dovuto prendere il cognome della moglie.
    Forse mi sbaglio.

    RispondiElimina
  8. Questo racconto potrei averlo scritto io stesso. Sono ingegnere, pianifico tutto per avere un'alternativa qualunque cosa succeda, mia moglie mi sta iniziando a scassare perche' vuole un figlio e io rimando e rimando, la situazione dei cognomi e' identica per gli stessi motivi e mi sono sempre chiesto la stessa cosa a proposito del cognome. Spero di risolvere anch'io questo dubbio grazie al tuo blog.

    SirDiC

    RispondiElimina
  9. e ora ci devi solo annunciare il lieto evento :-)

    RispondiElimina
  10. "Grazie Girolamo maledetto." -> Mi sono ribaltato dalla sedia per il ridere... ^__^



    P.S.: Leggo sempre il tuo blog con interesse, mi scuso se il mio primo commento sia di così basso profilo, ma davvero mi sono messo a ridere in ufficio come un deficiente!

    RispondiElimina
  11. Fabiusli

    Felice di averti scompisciato.
    mi sto esercitando voglio arrivare al livello di far pisciare la gente sulla sedia dell' ufficio.

    Ho visto il tuo sito?
    Pallavolo femminile?
    Questa e' una cosa in cui preferisco il Giappone qui in TV danno rilevanza a qualunque sport.
    In Italia cagano solo il calcio.

    RispondiElimina
  12. GIROLAMO 4EVAR!

    http://www.youtube.com/watch?v=xRamRzGX3GU

    XD (anch'io passavo x caso trallalala)

    Comunque tra i gaijin-tarento preferisco l'ex chiatarrista dei Megadeth Marty Friedman.
    Quando mi capita di vederlo alla tv giapponese che parla di jpop quasi mi commuovo.

    RispondiElimina
  13. Drakkar nessun lieto evento ricorda la regola del 5.
    Ti rendi conto che se mio figlio nascesse calerebbero le tenebre il mondo verrebbe dominato dal male oscuro?
    "scherzo sono ancora in vena complottista"

    tra due mesi spiego questa regola perchi non la sa.

    RispondiElimina
  14. Poi dicono che il Giappone e' razzista e chiuso ma scusate quanti stranieri lavorano nella tv italiana.
    almeno in questo campo la TV giapponese e' piena di stranieri che a volte stereotipano la loro nazionalita ma ci sono.
    Sabato per esempio ho incontrato Billy Blanks al supermecato.
    Molti non si immaginano quante ex star finisco qui in Giappone siamo pieni.

    Chi conosce il programma cool Japan?

    RispondiElimina
  15. Poi tutti se lo ricordano ultimamente nel dramma su pompei:
    http://www.youtube.com/watch?v=DGwaHZyUXwc&NR=1

    RispondiElimina
  16. Ommioddio. Ma è un drama giapponese su Pompei con qualche "attore" occidentale e giapponesi con gli occhi più o meno tondi che si improvvisano antichi romani???????
    Sembra uno di quei film occidentali anni '50 ambientato in oriente o in Africa, con attori nostrani truccati a dovere!!!!
    Devo vederlo assolutamente!

    RispondiElimina
  17. Confermo sempre più che Brasile e Giappone sono simili.... Noi per evitare casini abbiamo registrato nostro figlio con un solo cognome (all'italiana), mentre in Br si usa il doppio cognome (mamma + papà). Conclusione: quando abbiamo registrato il pupo all'anagrafe brasiliana ci siamo beccati prima la faccia esterrefatta e successivamente la manfrina dell'impiegatucolo che nn se la sentiva di registrare nostro figlio con un solo cognome, dato che i genitori li aveva tutti e due... e qua scatta la differenza con il Giappone: In br basta intavolare un discorso sensato e l'impiegatucolo di turno accorderà la richiesta oppure passerà la palla a qualcuno che ne sappia qualcosa in più e il problema si risolve!

    RispondiElimina
  18. "Posso registrare mio figlio in Giappone con il cognome giapponese e registrarlo all' anagrafe italiana con il cognome italiano?Si può fare questo giochino?"

    si puo fare.

    RispondiElimina
  19. Ben venuto tra i futuri papà (quasi). Non preoccuparti che tuo figlio ovunque nasca in Italia prenderà solo e esclusivamente il cognome del padre.
    Il mio primo bambino è nato in Italia e quindi mi è semplicemente bastato andare all'anagrafe dentro l'ospedale. Il mio secondo bambino è nato qui in Giappone e ho semplicemente denunciato la cosa tramite posta al Consolato (ho compilato dei moduli presi dal sito). Il consolato provvede ad riportare il riconoscimento in Italia. Ovviamente i tempi sono quelli Italiani ossia mio figlio più piccolo ha incominciato ad esistere ufficialmente in Italia dopo 6 mesi dalla nascita ma ciò nonostante da subito ha ricevuto sia tessera sanitaria e ovviamente codice fiscale con il mio cognome. Morale oggi i miei bambini hanno tutto doppio ossia i documenti italiani con il mio cognome mentre quelli giapponesi con quelli della madre. Teoricamente a 18 anni dovrebbero rinunciare ad una delle due cittadinanze e la prassi all'Italiana è quella di fare in Giappone la rinuncia della cittadinanza italina perchè tanto di fatto non viene considerata in italia: morale doppia cittatinanza per tutta la vita (ovviamente sempre che non cambi qualcosa).

    In bocca al lupo

    Federico

    RispondiElimina
  20. scusate nel mio post precedente ho scritto madre al posto di moglie:cavoli la cosa è gravissima!!!....

    RispondiElimina
  21. Luca, felice che il mio sito ti sia piaciuto, è stato il mio "bambino" (a proposito di papà) per cinque anni, anche se ora me ne sono dovuto distaccare per un po' causa qualche problema di salute.

    In Giappone la prima volta ci sono andato proprio grazie alla pallavolo femminile: sono stato a Nagoya, Osaka e Tokyo per i mondiali del 2006.

    Fra una decina di giorni (25/9) tornerò a Tokyo e Kyoto per accompagnare un amico che non è mai stato nella terra del Sol levante e per trovare amici che si sono trasferiti.

    Magari ci si incontra!

    RispondiElimina
  22. Federico conosci la regola dei cinque mesi? non posso accettare gli auguri, perche virtualmente mia moglie non e' incinta fino al 5 mese. grazie comunque per gli auguri. Ne riparleremo al 5 mese.
    Grazie moltissimo anche a te per la dritta

    RispondiElimina
  23. Fabiusli la mia email e' lucahimej@yahoo.it

    RispondiElimina
  24. Moglie giapponese, figlia con doppio passaporto ormai tredicenne. Viviamo in Italia, io NON esisto praticamente per l'anagrafe giapponese, ma il problema NON mi toglie il sonno. Quando mia figlia entra in Giappone esibisce il passaporto locale, la beatitudine beota dei locali funzionari doganali mi ripaga di ogni eventuale amarezza: passa i controlli senza un bah! Federico ha detto il giusto, l'erede puoi scodellarlo senza altri patemi che alzarti la notte a dargli da mangiare, cambiarlo e soffrire per i prossimi vent'anni per quell'istante......

    A.

    RispondiElimina
  25. "Brazil" di Terry Gilliam cade a fagiolo...

    RispondiElimina
  26. Non leggo tutti i commenti
    ma non e' meglio che partorisce in italia e gli dai il tuo cognome?

    Oppure lo fai nascere in giappone con il cognome giapponese? dipende dove abitera' in futuro.
    se in giappone penso sia meglio un cognome giapponese

    RispondiElimina
  27. Xalessandro
    Appena potro me lo procurero' grazie per la segnalazione.

    XAnonimo
    Grazie per il suggerimento, ma anche se partorisse in Italia in Giappone sara necessario darle il cognome giapponese, la legge giapponese non e' molto openmind.
    Il mio piano originale erano due cognomi ma grazie hai commenti di alcuni utenti optero per la doppia identita, giapponese in Giappone e Italiana in Italia.
    ;-)

    RispondiElimina
  28. Non ho capito bene come funziona!

    comunque e' la cosa migliore, lui o lei scegliera' a 18 anni.

    Alessandro

    RispondiElimina
  29. ciao Luca, ho appena scoperto il tuo blog tramite scappoingiappone.com ..vado di fretta e ho avuto solo il tempo di scorrere la prima pagina ma sembra molto interessante....bravo!!

    certamente lo puoi fare...basta solo che tua moglie una volta sposati non perda il suo cognome e prenda il tuo. mia figlia di 2 anni circa ha due passaporti, in giappone ha il cognome della mamma ed in Italia il mio. Questa è la mia esperienza certa e concreta.
    Valesan

    RispondiElimina
  30. Xvalesan
    Grazie per il complimento e per la conferma sulla situazione nomi.

    RispondiElimina
  31. sì,
    puoi registrarlo in giappone con un cognome e in italia con un altro (e anche con due diversi nomi :P) . lho scoperto quest'estate all'ambasciate italiana a tokyo.
    L

    RispondiElimina
  32. Il mio "problema" è esattamente il contrario.

    Vivo in Italia e voglio che i miei figli portino il nome di mia moglie (giapponese), visto che in futuro vivremo in Giappone.

    Però non vorrei che in Giappone abbiano il suo cognome e in Italia il mio.

    Possibile?

    Cognome di mia moglie in entrambi i paesi.

    RispondiElimina
  33. Ciao Danilo (DYS:Translations)
    Se tua moglie non ha preso il tuo cognome in Giappone avra quello giapponese.
    Ora non so che cognome ha Seiko.
    (Scusa mi sono preso la briga di googlare i tuo nick)
    Ma diciamo in tutti i due paese il cognome straniero puo essere oggetto di vezzegiativi e bullismo meglio evitarlo no?
    In Giappone il cognome giapponese ha la sua convenienza ma non penso che italia convenga, e poi ti e' piu facile nascondere i passaporti.
    Pero io sono sempre spaventato dal discorso registro di famiglia a nome del giapponese, hai letto l' articolo sui rapimenti di bambini?
    Il registro a nome della moglie puo essere pericoloso.
    Mettiamo in chiaro ogni persona e' diversa e sicuramente la tua dolce meta non appartiene a quella fetta di popolo giapponese che non amo ma meglio non rischiare non pensi?

    RispondiElimina
  34. Ciao Luca,
    grazie per la dritta.

    La questione del nome è più chiara ora.

    Per quanto l'articolo sui rapimenti mi abbia sorpreso, mi sento di dire che questo è proprio l'ultimo scenario possibile che potrei aspettarmi da mia moglie, quindi sono abbastanza tranquillo.

    Però fai bene a precisare.
    Mai dire mai, ci mancherebbe... :)

    RispondiElimina
  35. Xanonimo
    Mettiamo in chiaro quello dei rapimenti e' uno scenario estremo.
    Pero ricordati che hai sposato un moguai, spera che non si evolva in Gremilin.
    Spero di cuore visto che verrai qui in un futuro che tu appartenga alla ristrettissima cerchia di quelli che non hanno avuto una trasformazione della moglie.
    Pero non per fare lo iettatore preparati a ogni evenienza.
    Io sono fortunato la mia l' ho catturata qui ed era gia un gremilin, ho dovuto solo amestrarla e ora non morde piu. Appena vede il giornale avvoloto abbassa la testa.

    RispondiElimina
  36. Il contenuto di questo post non e' veritiero, ovvero, veritiero in parte.
    Esistono diverse strade senza spendere soldi.

    Mio figlio nato in Giappone, ha il mio cognome italiano, mentre mia moglie ha il suo cognome giapponese.

    RispondiElimina
  37. Quindi e` nato in Giappone, quande e` nato dove eri residente. Se eri residente in Giappone il Koseki cioe registro di famiglia sotto che e`?
    Il tuo non puo essere ed essendo residente e dovresti inserirlo. In teoria la legge dice che il cognome deve essere quello del capo famiglia a cui e` intestato i registro di famiglia per cittadini giapponesi.
    Se hai trovato un cavillo condividilo che facciamo un nuovo post.
    Ma nel 99% il post e` veritiero a mio dire.

    RispondiElimina
  38. Basta fare il "tandoku-koseki" ed il gioco e' fatto.
    Il cognome, sarà registrato in carattere katakana.
    Ci sono comunque altre varie vie, ma molto più complicate e costose.



    Io sono stato il primo e l'unico italiano ad esserci riuscito.
    questi problemi esistono solamente perché il governo giapponese volutamente non informa, e a sua volta il consolato e l'ambasciata italiana non sono molto bravi a difendere e far valere i diritti dei cittadini italiani.
    Comunque è una prassi che può essere fatta anche dopo anni dalla nascita senza nessun limite di tempo.
    Mettete alla prova le vostre mogli... Se non vi hanno mai mentito, appena sapranno che è possibile cambiare cognome, si daranno subito da fare per farvi felici!

    Altrimenti, probabilmente, si potrebbe pensare che stava comodo il cognome giapponese!

    La spesa totale per il cambio di cognome, compreso viaggi di treni e telefonate, credo si aggiri a 10,000 (diecimila) yen.
    I tempi invece sono di circa 4 mesi.
    Ci sono comunque anche altre varie vie.

    Io sono stato il primo e l'unico italiano ad esserci riuscito. Questo non perché sono un mago, ma solamente perché il governo giapponese non informa, e a sua volta il consolato e l'ambasciata italiana non sono molto bravi a difendere e far valere i diritti dei cittadini italiani.
    Comunque è una prassi che può essere fatta anche dopo anni dalla nascita senza nessun limite di tempo.
    Mettete alla prova le vostre mogli... Se non vi hanno mai mentito, appena sapranno che è possibile cambiare cognome, si daranno subito da fare per farvi felici!

    Altrimenti, probabilmente, stava comodo il cognome giapponese!

    La spesa totale per il cambio di cognome, compreso viaggi di treni e telefonate, credo si aggiri a 10,000 (diecimila) yen.
    I tempi invece sono di circa 4 mesi.
    Io ritengo che sia giusto che il figlio abbia il nome del padre,
    a riguardo non mi piace sentire nessuna spiegaZione o scusa.
    Io in Giappone ci abito da molti anni, lavoro, pago le tasse, pago le marchette per la pensione, e lo sto facendo con il mio cognome italiano .... Non credo esistono scuse a riguardo....
    Non lasciate vincere il sistema, ma combattete per quello che ritenete giusto.

    Yu Darvish , il famoso giocatore di baseball, ha la stessa identica situazione di mio figlio. Nome giapponese, cognome iracheno sia in Giappone sia in Iraq .

    Come si può vedere, non ha nessun problema di nessun tipo, anzi....
    È considerato uno tra i 50 volti più' famosi del Giappone.

    RispondiElimina
  39. Il registo per singola persona? Interessante ne parliamo quando torno mi mandi una mail in privato?

    RispondiElimina
  40. Uhm... arrivo un po' con calma ma siccome in questi giorni la situazione in Italia sta cambiando, vorrei capire cosa succede. Se l'italia si sveglierà e sarà possibile avere il doppio cognome, noi stiamo un po' impazzendo perché vorremmo due nomi (italiano e giapponese) e due cognomi (mio e signora, ovviamente). Che casino verrebbe fuori? Tenendo conto che abitiamo in Italia, qui probabilmente non ci saranno problemi.. ma poi al consolato?

    RispondiElimina
  41. Anche in Giappone non lo puoi fare. Il cognome deve essere solo uno ma puoi sempre metterlo nel campo del nome con vincoli di spazio.
    Dire che due cognomi e due nomi sono una scocciatura. Legalmente si deve firmare esattamente come e` inscritto all* anagrafe. Pensa poverino da bambino a scrivere quella poesia di nomi e cognomi su ogni compito in classe oltre che la prof dara di matto e perdera molte ore di lezioni solo per fare l` appello di tuo figlio.
    Ok scherzo ma pensaci complica la vita. A me alla fine va bene il gioco che ho fatto. I piccoli hanno due nomi uno Italiano il principale e uno Giapponese il secondario. (scelta basata su esperienze altrui dove il figlio si lamentava di non avere un nome jappo).
    Alla fine il nome che usiamo il nome italiano. I piccoli sanno di avere anche un mome giapponese.
    Per i cognomi a me va benissimo il cognome Giappo in Giappolandia e Italiota terrone in Italia.
    Due passaporti a nomi diversi passano maggiormente inosservati.
    Certo c` e` da valutare i riscontro legale, gia come straniero non sarai nella casella del padre del registro di famiglia, con un cognome italiano forse avrai maggior liberta di scelta ma il che vuol dire che tua moglie deve cambiare cognome o tuo figlio deve avere un registro proprio.
    Ricordati che in ogni caso tua moglie potra far emettere un passaporto o fare cambiamenti all` anagrafe senza il tuo permesso mentre tu da italiano dovrai sempre avere il consenso firmato da tua moglie anche per avere il passaporto.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.