giovedì 21 aprile 2011

Le Iene fanno piu giornalismo dei Giornali ufficiali

Oggi ho visto le Iene e un video fa quello che dovrebbero fare i telegiornali italiani, parla con professionisti del settore e misura i dati nei luogi di passaggio del cibo e dei passeggeri. Il tutto non ha valore scentifico mettiamolo in chiaro ma e` un test carino che puo fare chiunque con dei macchinari decenti. Spero che il video influenzi tutti quelli che prendono per buono ogni cosa che passa per la TV. Almeno loro non sono andati ad intervistare un pescatore che spiega a modo suo come capire se un pesce e` sano o no.

video
(Copyright © 1999-2011 RTI S.p.A)

Ho sempre saputo che le Iene a contrario dei nostri giornalisti parlano molte lingue (avranno fatto le opportune selezioni) ma non mi aspettavo che uno di loro parlasse anche un po di giapponese.
La pronuncia non e` perfetta ma non e` neanche un pronuncia di uno che legge un foglio scritto.
(Ho mandato una mail a Pablo con alcune mie curiosita sulla cosa vediamo se mi risponde)

Come al solito le Iene restano uno dei miei programmi preferiti.

26 commenti:

  1. Ho smesso di guardare le iene da qualche anno, con lo spostamento in prima serata e l'allungamento del programma, la maggior parte dei servizi aveva preso una deriva populista e tendenzialmente allarmista che non mi piaceva. Questo servizio però è tutto il contrario e ne sono felice. Anche io quando l'inviato ha parlato in giapponese ci sono rimasto secco...

    RispondiElimina
  2. Le iene sono un programma schizofrenico.
    Accompagnano servizi ottimi con servizi-cialtronate, spesso conditi da bufale assortite.
    Non dimentichiamoci di quel prete di Caravaggio che si è suicidato dopo che l'inviato delle iene gli si è presentato sotto il muso contestandogli di averci provato con un minorenne mentre il tizio aveva 17 anni e per la legge italiana non era minorenne per compiere atti sessuali, neanche con un ottantenne. Ovviamente senza che nessuno della redazione si presentasse in video dicendo di aver fatto una cazzata.
    Dopodiché questo servizio è fatto bene. Anche se come tutte queste indagini self-made ha una carenza di fondo: andare al mercato del pesce a misurare le radiazioni fa molto "scena", fa quello che "ve la svelo io la verità che vi nascondono", fa quello che fa le indagini indipendenti.
    Ma dal punto di vista scientifico non serve pressoché a niente. Andare a misurare qualche cassa di pesce a caso una sola notte, ha un valore statistico pressoché nullo.
    Avrebbe più senso guardare i valori misurati periodicamente su campioni più ampi. Magari prendere le misure che fanno di già le autorità.
    Ma mostrare i valori scritti su un foglio non fa TV.

    Sul giapponese, tieni presente che questi sono attori. Uno stand-up per un servizio te lo ripetono anche venti volte finché non viene perfetto. Questo per dire che non mi stupirei se il tizio si sia fatto insegnare due frasi di giapponese e abbia imparato a pronunciarle correttamente memorizzandole. Non è difficile: una volta ho memorizzato la versione finlandese di "la macchina del capo ha un buco nella gomma" nel giro di dieci minuti. E non parlo finlandese.
    Poi magari lo parla davvero, neh. Però simulare non è così difficile come si può pensare.

    RispondiElimina
  3. Quoto il tuo commento mattia, sicuramente ne fanne di cazzate anche loro, ma loro al contrario dei giornali sono uno show e come tale posso fare se vogliono propaganda e prendere delle bufale.

    Sul prete ora non mi ricordo il caso, lo cerchero ma che sia minorenne o no che un prete ci provi non va bene. Se vuoi farti qualcuno rinuncia ai voti la tua posizione da prete ti permette di accedere a persone deboli (mentalmente) e con la tua figura di manipolarli.

    Sul test sono d` accordo con te, ma diciamo che in modo semplicissimo spiega come si stia facendo allarmismo. Se la situazione fosse quella dipinta da alcuni giornali e telegiornali almeno un valore alterato lo avrebbero trovato.
    Carinissimo il discorso di scannare gli untori nipponici che arrivano in Italia rilasciando massicce radiazioni nei nostri luogi turistici.
    Visto che quelli del maggio fiorentino erano quasi tutti sfosforescenti dopo essere ritornati in Italia i turisti come dovrebbero essere?

    Ho mandato una mail all` inviato per chiedere spiegazioni sul suo giapponese, e invitarli ha fare una cosa semplice.
    Pio ci e` andato a misurare le radiazioni davanti alla centrale, ma e` un telegiornale secondo me fa meno effetto delle iene, magari ci venissero loro a fare un report tanto per far sfigurare tutti i giornalisti di tutte le fazioni che non si avvicinano alla centrale.

    RispondiElimina
  4. Ora davanti alla centrale non ci possono piu' arrivare se non violando i divieti del governo giapponese.

    RispondiElimina
  5. Michan giusto non ci avevo pensato, ma credo che sia ancora possibile per via ufficiale, con le richieste e la burocrazia necessaria

    RispondiElimina
  6. In linea di massima sono d'accordo anche io con Mattia. Quanto ai giornali bastava quotare questo:

    I valori riscontrati non hanno alcuna rilevanza dal punto di vista radiologico e sono tali da non costituire alcun rischio di tipo sanitario. I risultati delle prime misure effettuate sui vegetali a foglia larga a partire dal 30 marzo, hanno evidenziato piccole tracce di

    - Iodio131, compresi tra 0,04 e 0,80 Bq/kg. Si evidenzia che il livello massimo ammissibile di radioattività stabilito dalla Commissione Europea per l’importazione di alimenti dal Giappone per lo Iodio-131 è pari a 2000 Bq/kg;

    - Cesio 137, tra 0,07 Bq/kg e 1,33 Bq/kg. Si evidenzia che al momento non è possibile correlare direttamente, sulla base di queste misure, tale presenza di Cesio 137 ai rilasci in atmosfera generati all’incidente in Giappone, sia per la presenza ubiquitaria di Cesio 137 a seguito del fall out degli esperimenti nucleari degli anni 60 che delle ricadute dell’incidente di Chernobyl, nonché per l’assenza di rilevazione di Cesio 134. Va peraltro tenuto presente che il livello massimo ammissibile di radioattività stabilito dalla Commissione Europea per l’importazione di alimenti dal Giappone per il Cesio-137 è pari a 500 Bq/kg;


    http://www.isprambiente.gov.it/site/it-IT/Archivio/Documenti_Home_Page/Documenti/emergenzanuclearegiappone.html

    Le parti veramente sensate del servizio sono l'intervista con il docente del politecnico e con quello che spiega che il Giappone non e' un esportatore alimentare, bensi' un (grosso) importatore.
    Le loro misure servono a nulla se non a fare scena "al contrario", rispetto al panico mainstream.

    PS spero che a quelli in aeroporto gliela abbiano spiegata meglio a camera spenta..

    RispondiElimina
  7. Xmamoru

    Certo che non ha valenza scentifica, e` comunque un programma TV.

    Quella con il docente e quella con il dottore sono molto utili.

    Per anni gli ambientalisti si lamentano che i giapponesi sono dei divoratori di pesce e adesso si dimenticano della cosa????

    p.s.
    Qualcuno ha mai visto verdura dal Giappone?
    Magari adesso le nostre istituzioni moniteranno la Kikkoman (prodotta in Inghilterra)?

    P.s.s.
    Spero anche io che abbiano spiegato bene il perche dello screening ai giapponesi non vorrei che i poveri turisti si facciano un cattiva idea degli Italiani.........

    RispondiElimina
  8. esperimento molto molto interessante

    RispondiElimina
  9. @Luca: tu scherzi, ma io ho fatto scorta di salsa di soia, perchè temo sparisca dagli scaffali dell'Esselunga per via del clima di terrore che si sta cercando di creare in Italia.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Sul prete ora non mi ricordo il caso, lo cerchero ma che sia minorenne o no che un prete ci provi non va bene.

    Questo lo penso io, e magari anche tu.
    Però per la legge un qualsiasi uomo può provarci con chi ha più di quattordici anni. Può non piacermi, ma è la legge, e fino a quando non fa nulla di illegale non puoi contestargli niente.
    Gli potrà contestare qualcosa il suo vescovo o i fedeli, perché viola le regole della Chiesa. Ma se non viola quelle dello Stato un giornalista non può permettersi di contestargli nulla.
    Perché la contestazione si baserebbe solo su fondamento morale. E la morale ognuno ce l'ha diversa.
    Per intenderci: per me abortire è una cosa brutta, contro la morale. Però mica vado con telecamera e microfono sotto il muso di una che ha abortito a dirle "ma ti rendi conto che hai ammazzato un bambino?".
    La legge le consente di farlo, e lei lo fa leggittimamente.
    Tutto qui.

    RispondiElimina
  12. "Sviluppata polvere per rimuovere le radiazioni"

    La dice lunga su come si sparge la falstà. I filtri a zeoliti sono usati da tempo. Niente è stato sviluppato per "rimuovere" radioattività. Ma semmai concentrano il Cesio-137. Poi questo filtro va rimosso e trattato come rifiuto radioattivo. Niente di più, niente di meno che i normali filtri di sistemi idrici municipali, filtri industriali, filtri di centrali nucleari. Non sono ne' LA soluzione, ne' UNA GRAN soluzione. Poi pazienza. Ognuno creda ai rimedi miracolosi del caso.

    RispondiElimina
  13. Infatti sono interventi di contenimento come le "reti" installate nelle settimane scorse. Chiaro che saerebbe una sorta di "coagulante" per togliere gli isotopi dalla soluzione acquosa.

    RispondiElimina
  14. @fornac
    policy di moderazione:
    ogni commento con link a siti che ospitano deliri complottisti verra' cancellato anche se gli articoli citati direttamente non lo sono.

    RispondiElimina
  15. Non ho mai visto le iene se non proprio la puntata in questione e sono stata sorpresa del servizio oltre al fatto che sono cento volte più seri di quelli che dovrebbero fare vera informazione... e sono rimasta colpita anch'io nel vedere che avessero uno che parlava giapponese. La cosa che mi ha fatto sorridere è stata anche il monitoraggio della verdura arrivata dalla Spagna...

    RispondiElimina
  16. @ mattia

    per esser piu' precisi
    (da wikipedia)

    In Italia l'età del consenso è fissata a 14 anni[2], ma può salire o scendere a seconda dei casi. Infatti sale a 16 anni se uno dei due partner ha qualche forma di autorità sul/la partner più giovane, ad esempio nel caso di insegnanti, catechisti, educatori, assistenti sociali, medici curanti e pubblici ufficiali nell'esercizio delle loro funzioni, o chiunque abbia col minore un rapporto di convivenza. L'età sale a 18 anni (seppur con pene previste minori rispetto agli altri casi) se il fatto è compiuto dal genitore (anche adottivo) o nonno o dal tutore, o da una persona che convive con questi, nei confronti di un minore cha ha comunque compiuto 16 anni ma esclusivamente se si abusano dei poteri connessi alla propria posizione; scende, invece, a 13 anni se i due partner sono entrambi minorenni, a condizione che vi sia una differenza d'età non superiore a 3 anni.[3]

    ergo, essendo un prete, l'eta' del consenso sale da 14 a 16 anni..cio' non toglie che se il tizio aveva 17 anni, era comunque oltre questa soglia.
    che poi sia morale o meno che un prete faccia certe cose, francamente me ne frego quanto me ne frego della religione in se'..
    l'ho scritto piu' che altro per chiarezza nei confronti di un'italia ancora convinta che un maggiorenne non puo' aver alcun tipo di rapporto con un minorenne..

    riguardo il servizio, molto apprezzabile a mio avviso..utilita' scientifica dubbia a parte, essendo un grosso media, magari, riuscira' a far tacere un po' tutte quelle capre che in italia non fanno che dire
    "ah no io ora non ci vado piu' al ristorante giapponese, non voglio mangiare pesce radioattivo" (frase che contiene tante di quelle cazzate, dal fatto che i ristoranti giapponesi son tenuti quasi tutti da cinesi, al fatto che comunque anche se fossero giapponesi dubito fortemente che importerebbero pesce dal giappone, cosa gia' assurda di base, oltretutto col rischio che sia radioattivo =_=)

    domanda per chi la situazione la vive piu' attivamente di me, che sto per laurearmi e non ho molto tempo per informarmi di preciso al momento:
    questa crisi che c'e' in giappone (che a quanto mi pare di capire e' piu' una crisi del resto del mondo che del giappone stesso) secondo voi e' possibile che si ripercuota in positivo verso i poveri stronzi come me che han fatto la cazzata di studiare lingue orientali in italia, e che si ritrovano con una concorrenza spropositata?
    nel senso, vista la mentalita' da capre che han la maggior parte delle persone (e se non sono i ragazzi, magari lo sono i loro genitori), non e' facile che per un po' di tempo tutta la fissa che c'e' per il giappone cali, o anche senza calare in se ci sia un abbassamento delle persone che vogliono effettivamente "rischiare" di andare in giappone a studiare/vivere/lavorare?

    RispondiElimina
  17. ergo, essendo un prete, l'eta' del consenso sale da 14 a 16 anni..

    No.
    L'art. 609 quater c.p. nel caso del prete prevede che il minore gli sia stato affidato "per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia".
    Non basta il fatto che il prete generalmente svolga per il suo ruolo un compito educativo. Serve che il minore sia stato affidato specificatamente a quel prete con quello scopo, ad esempio quando i genitori portano il minore all'oratorio affidandolo così al prete.
    Nel servizio era il minore stesso che andava da solo dal prete, non veniva affidato. Quindi la soglia è 14 anni.

    cio' non toglie che se il tizio aveva 17 anni, era comunque oltre questa soglia.

    Esatto. Precisazione inutile, oltre che sbagliata.
    Invece di leggere wikipedia da' un'occhiata al cp.

    RispondiElimina
  18. L'altro ieri, subito dopo quel servizio, ho inviato questa email alla iena:

    "Ciao Pablo,
    mi chiamo Danilo, ho 25 anni e sono sposato con una ragazza giapponese.

    Ho apprezzato non poco il tuo (vostro) recente servizio sulle radiazioni provenienti dal Giappone, ma gradirei moltissimo un approfondimento più dettagliato da Fukushima.

    I giapponesi in Italia faticano a capire quale sia la reale situazione allo stato attuale, ma se loro hanno la possibilità di informarsi in lingua nativa, i loro familiari italiani si trovano spesso nel panico a causa delle notizie fuorvianti ed approssimative del nostro favoloso giornalismo.

    Non sto ad elencarti caso per caso, ma molte coppie miste di mia conoscenza hanno cancellato la visita annuale a causa delle radiazioni, seppur Fukushima si trovasse a ben 800km dalla città dei loro genitori, per non parlare di quei mariti che hanno già programmato di non tornare in Giappone per i prossimi 3.000 anni o di coloro che vogliono ospitare le intere famiglie della consorte giapponese. Puoi immaginarti i litigi familiari causati da questo tema, visto che purtroppo è difficile rimanere informati, anche se non impossibile.

    Date le tue capacità, ritengo che hai una nuova occasione per dimostrare cosa è un giornalista capace.
    Io ti chiedo di informarci. Abbiamo sete di informazione vera e vogliamo sapere quali sono i rischi che corrono i giapponesi di Fukushima, quelli di Tokyo, quelli di Kyoto, quelli di Osaka, ma anche i coreani, i cinesi e tutti gli altri.

    In poche parole, quali sono i rischi per il Giappone e per il resto del mondo?
    Hai già fatto un punto molto chiaro su com'è la situazione in Italia, ma che ne pensi di farti un viaggetto, prendere in mano il tuo contatore Geiger, metterti in contatto con esperti del luogo e far finalmente capire agli italiani di cosa stiamo parlando?

    Grazie in anticipo,
    Danilo."

    RispondiElimina
  19. @ mattia
    si', rileggendo con piu' attenzione hai ragione tu, fatto sta che ho scritto

    "l'ho scritto piu' che altro per chiarezza nei confronti di un'italia ancora convinta che un maggiorenne non puo' aver alcun tipo di rapporto con un minorenne.."

    per cui a fronte di questo non vedo in che modo la mia precisazione sia "inutile", visto che siamo sempre in tema di malinformazione.

    RispondiElimina
  20. Adesso che vi siete chiariti fine dell'OT.

    OK? ;)

    RispondiElimina
  21. Ken Matsudaira24 aprile 2011 00:08

    Scusate ma io sono piuttosto allibito dal livello medio di ignoranza del nostro paese.Come si può pensare che nei ristoranti giapponesi italiani, gestiti per l'80% da cinesi, si possa trovare del pesce crudo proveniente dal giappone?!?!?!?!Ho sentito gente pensare che il tonno inscatolato fosse giapponese?!?! ma qui ragazzi non vale nemmeno la pena di stare a commentare.Qui il problema è grosso, non avere la minima cognizione geografica di quello che ci si mette in bocca...la verdura e la frutta dal giappone uahahahahahahaha adesso me la scrivo cosi faccio ridere anche qualcu'altro.Saluti e i soliti complimenti per il blog. Bravi!

    RispondiElimina
  22. video interessante con un Pio d'Emilia all'attacco:
    http://www.youtube.com/watch?v=PVUtv982mv8

    RispondiElimina
  23. Giornalisti... anche oggi delirano. Basta una frase: "Sopra le zolle divelte affiorano ortaggi deformi. Finocchi grossi come meloni, ciuffi di insalata alti mezzo metro."

    http://www.repubblica.it/esteri/2011/05/23/news/fukushima_23_maggio-16623158/?rss

    Non sono esperto di genetica né di botanica... ma magari le mutazioni genetiche sono così veloci da saltar fuori in soli 3 mesi, anziché da una generazione con l'altra...
    D'altronde là a Tokyo è uno scenario post-apocalittico, no!? :( Che schifo di giornalismo...

    RispondiElimina
  24. Grazie della segnalazione marco, ho fatto uno shot della pagina. Pure il nome della centrale hanno sbagliato!

    Quando non c'e' Visetti ci pensa Mastrogiacomo... =(

    RispondiElimina
  25. Che merda, non ho tempo nemmeno per pisciare ma questa gente ha tanto tempo che scrivere boiate.
    Mi stanno veramente girando, giuro su dio che si mi capitano a tiro li prendo a calci sti coglioni.
    Ora basta ne ho le palle piene.
    Vadano i dare via il culo, ormai non ho piu l` energia di essere educato con questa gente di merda. Spero con tutto il cuore ogni malanno per questi figli di puttana.
    Ragazzi spero di tornare presto ma sto sputando sangue sul lavoro e finche quei cretini dei provider giapponesi (ci faro un post) non mi danno la linea non posso fare i post in santa pace, sul lavoro non ho un momento libero.
    Sono in aereo ogni 2 giorni.

    Grazie marco per la segnalazione anche se mi ha fatto avere un ulcera.

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.