martedì 15 marzo 2011

Monitoraggio a Tokyo realtime

Misurazioni private in una abitazione di legno di 2 piani (aggiornamento real time spostato nei post piu' recenti).

Premessa: a Tokyo non si corre alcun rischio al momento (e nemmeno prima)

Riporto l'egregio riassunto di Italicus:

L'incendio al reattore numero quattro ,come immagino abbiate già saputo, è stato spento.Per il momento la situazione non cambia eccetto il fatto che il graduale ma lento raffreddamento coatto dei reattori sta procedendo secondo il programma,pur con repentini tensioni di fatti,spesso allarmanti. Le notizie possono risultare discordanti poiché sovente molti valori di rilevamento cambiano o potrebbero essere rilevati in località diverse e quindi risulterebbe una discordanza nelle comparazioni. Questo è quanto di sicuro in tutto questo disastro, come di sicuro sono le maggiori arterie di comunicazione parzialmente aperte al traffico verso il nord,facendoci quindi prevedere un'ulteriore apporto massiccia di soccorsi materiali anche ,e maggiormente, via terra.
La città di Tokyo non è soggetta a nessun tipo di pericolo imminente.
Qualora ci fossero delle emanazioni consistenti di materiale radioattivo, considerando gli sviluppi della situazione del tempo a medio-lungo termine, ovvero i venti che arriveranno dal sud e spireranno verso nord, attraversando trasversalmente la zona interessata e proseguendo per il settore nord-ovest,nord-nordovest, allora mi preoccuperei per i soccorritori che stanno operando attivamente in questa grandissima zona devastata.
A Tokyo la vita continua come sempre. Di diverso è il movimento dei treni e gli orari di chiusura dei negozi: limitato al necessario

grazie italicus
--

Non dimentichiamo i soccorsi nelle prefetture di Fukushima, Miyagi e Iwate
: ci sono ancora tante persone da salvare e a cui dare un riparo! La questione nucleare "piace" per fare polemica, ma e' parte di una emergenza piu' grande.

NHK 18:11 JST

Salvati una 70enne e un uomo dopo 96 ore sotto le macerie in due diverse localita'. C'e' ancora speranza per molti scomparsi!

NHK 22:54 JST

Sisma di grado 6+ nella prefettura di Shizuoka

La soglia naturale e' a cavallo dei 20/25 cpm
il picco e' migliaia di volte sotto la soglia di sicurezza (la scala e' molto piccola e le variazioni nel grafico appaiono amplificate)

Monitoraggio realtime spostato nei post piu' recenti (immagine statica sotto)

Fonte originale Dosimetro a Tokyo orario IT = meno 8 ore

Latitudine: 35 ° 39 '28.08 ", Logitudine: 139 ° 24'05 .40", altitudine: 101m
東京都日野市南平2丁目, 木造住宅2階窓辺

Radiazioni totali alfa, beta, gamma.

Asse verticale Geiger/min (CPM).

100 CPM = 1 microsievert/ora circa
1 microsievert (uSv) = 0,000001 sievert

Sul grafico il picco e' circa 0,0000009 sievert/ora - 0,9 uSv se espresso in microsievert


Nelle vicinanze del reattore 3 si sono registrati per un'ora circa 400 mSv (milli sievert), mentre ai cancelli dell'impianto il livello era di 8,217 mSv (milli sievert) 50 volte di meno.

-------
(Wiki equivalenze in uSv mie)

fondo naturale di radiazione per anno (media) 2,4 mSv = 2400 uSv

massima dose di fondo naturale per anno (Ramsar) 260 mSv = 260000 uSv

radiografia convenzionale 1 mSv = 1000 uSv

tomografia computerizzata 3 ~ 4 mSv = 3/4000 uSv

PET, tomografia ad emissione di positroni 10 ~ 20 mSv = 10/20000 uSv

scintigrafia 10 ~ 20 mSv = 10/20000 uSv

radioterapia 10 ~ 40 mSv = 10/40000 uSv

Per quanto riguarda gli effetti sulla salute, 1 sievert assorbito in un'ora può causare lievi alterazioni temporanee dell'emoglobina. 2 ~ 5 sievert causano nausea, perdita dei capelli, emorragie. 4 sievert assorbiti nel giro di una settimana su tutto il corpo portano alla morte nel 50% dei casi se non si interviene terapeuticamente. Oltre 6 sievert, la sopravvivenza è improbabile.

_editato per chiarezza e corretto refusi_

.

53 commenti:

  1. Cavolo mi era sfuggito, ma comunque siamo nei limiti.

    RispondiElimina
  2. Mamoru stai facendo un lavoro eccezionale.
    Il tuo lavoro e preparazione sta dando un bellissimo contributo di informazione

    RispondiElimina
  3. Luca,

    per 20 minuti c'e' stata una deviazione su una scala di 60cpm 0,0000006 sv/h

    e' una variazione strumentale.
    alla centrale a 300km di distanza il PICCO momentaneo e' stato di 400 mSV per poi scendere di ordini di grandezza subito dopo.

    RispondiElimina
  4. @luca
    grazie,ma preparazione no.
    Non sono al livello di dare una mano quanto vorrei, posso solo avere una visione piu' distaccata e fredda.

    In questi casi bisogna stare calmi e attenti ai dati, i giornalisti hanno fatto casino con milli e micro quando hanno dato i rilievi di PICCO di cui ho parlato sopra.

    Tra i rilievi a ridosso del reattore e i cancelli della centrale c'e' gia' una bella differenza.

    RispondiElimina
  5. TBS ha dato adesso un po' di rilievi massimi attorno alle 1PM e sono tutti nell'ambito dei microsievert mSv o frazioni.

    RispondiElimina
  6. Sicuramente pero la tua specializzazione ti aiuta a capire meglio i dati rispetto al sottoscitto che parla in BIT

    RispondiElimina
  7. Nota:
    sopra era uSV non mSv, errore di battitura

    RispondiElimina
  8. Ragazzi un in bocca al lupo per voi in questa situazione catastrofica.

    Vorrei far notare che repubblica.it continua a fare disinformazione in modo scandaloso (e lo dico da persona di sinistra)

    RispondiElimina
  9. Speriamo che la situazione possa migliorare

    Grazie per il lavoro di informazione che state facendo è preziosissimo

    In bocca al lupo

    RispondiElimina
  10. Salve...spero che la situazione migliori in tutto il Giappone. E che possano anche partire aiuti sia dall'italia che dagli altri paesi.
    Qui come dice Antonio, si sta perdendo davvero l'attenzione sulla catastrofe naturale del terremoto+tsunami (di entità elevatissima), per focalizzare in modo indecente solo sul nucleare (ma non tanto la situazione, quanto il nostro ritorno all'atomo), e nei forum e blog gli ignoranti con dati fasulli abbondano.
    Vi mando un abbraccio.
    Lallo

    RispondiElimina
  11. Ma scusate, voi dite che per adesso è tutto ok, ma a parer mio state sottovalutando il problema...
    Per ora il livello di radiazioni è come ha detto mamoru ancora a 1/10 dal causare qualsivoglia problema, ma questa tranquillità dati alla mano è assolutamente eccessiva dal mio punto di vista.
    Per adesso forse ha ragione Mamoru ad affermare che i problemi gravi restano cisrcostritti alla zona immediatamente a ridosso della centrale, e che di fatto a Tokyo il problema per ora non sussiste...Ma la situazione non è esattamente sottocontrollo, cosa succederebbe se un altra esplosione facesse slatare il rivestimento esterno a uno dei reattori e a quel punto si alzasse il vento verso Tokyo? Avreste il tempo di scappare?

    RispondiElimina
  12. @anonimo
    Ragionare con i se non cambia nulla, la crisi di Fukushima e' una parte del problema.
    Ci sono ancora 20000 persone disperse da ritrovare e gli sfollati da sfamare e riscaldare.

    Farsi prendere dal panico o darsi alla fuga non risolverebbe nulla e creerebbe solo nuovi problemi, considerando che in quella zona c'e' il 30% della popolazione giapponese e che va tutto pesato al rischio effettivo.

    RispondiElimina
  13. Gli sciacalli non si fermano. So che non è il momento ma queste parole credo possano essere una grave offesa per il popolo Giapponese.


    http://www.informarmy.com/2011/03/giappone-non-e-stato-un-terremoto-ma-un.html

    RispondiElimina
  14. Io comprendo perfettamente le tue ragioni, ma la tua è una scommessa, a parer mio è più sicuro lasciare Tokyo e osservare la situazione da un punto di vista più lontano.
    Perchè probabilmete non succederà nulla, ma se mai succedesse qualcosa, le conseguenze sarebbero davvero gravi

    RispondiElimina
  15. Moltiplica il tuo consiglio x 30.000.000 di persone e poi ragiona sulle conseguenze.

    RispondiElimina
  16. Io parlo a te, a Luca e soprattutto alla mia ragazza. Gli altri facciano ciò che vogliono.

    RispondiElimina
  17. @ Paolo
    Per favore evita di dare click a siti di merda, se devi linkare un sito di sciacalli fallo tramite anonymouse.org
    Grazie

    Denis Helicopters

    RispondiElimina
  18. Anonimo.
    Non nego che ho delle paure ma forse non mi muovero, per il momento la situazione non lo richiede, come dice mamoru pensa se tutti facessero cio che pensi i rischi per le vite umane aumenterebbero.

    Non ti preoccupare nel mio caso ho un piano di uscita. P.s. La ditta mi lascia andare a casa da mia moglie ma aspetto domani per decidere anche perche mi sa che devo farlo per via autostradale.

    RispondiElimina
  19. Ragazzi, meno male che ci siete voi. Non ci sto capendo niente e anche essendo a Kyoto la gente inizia a fare terrorismo psicologico. Poi sento delle esplosioni ecc ecc e, non essendo un tecnico e fidandomi molto poco di quello che dicono le fonti ufficiali, ero completamente nel pallone. Sono tornata a casa solo per sentire le news, ma questo blog è l'unico che mi abbia schiarito un po' le idee.
    Grazie a Mamoru e Luca!
    (Luca, io comunque me ne verrei nel Kansai in ogni caso...)

    RispondiElimina
  20. Bear, il problema e' che ci sono TROPPE informazioni, alla faccia di chi parla di coperture e insabbiamenti. Per legge devono comunicare ogni cosa ed ogni volta sono 3 conferenze stampa (tepco, nisa e governo).

    I fatti sono troppi e troppo tecnici e si rischia di avere una situazione smisuratamente fuori dalla realta'.

    RispondiElimina
  21. Sì è vero, non fanno che parlare delle centrali e far vedere conferenze stampa sempre diverse. Comunque queste rilevazioni mi hanno rassicurata non poco. Speriamo si fermi qua.

    RispondiElimina
  22. Luca per ora le autostrade da Tokyo in giù non sono chiuse ma se la situazione dovesse peggiorare ci potrebbero essere ingorghi enormi o ancora peggio potrebbero chiuderle.

    RispondiElimina
  23. A quanto pare anche la mia ragazza la pensa come voi...
    Non ci resta che incrociare le dita e sperare in meglio, nel mentre cerco di plasmarla quel tanto che serve a far passare la sua mente dallo 仕方がない al 関係ない.

    RispondiElimina
  24. Io l'inserisco questa notizia, spero non siano bufale (io non credo proprio vedendo cosa fanno sul territorio), ma la croce rossa italiana, sul proprio sito ha inserito la possibilità per donazioni per l'emergenza giappone.
    Non voglio fare pubblicità o cose similari,e non inserisco nessun link di collegamento.
    Saluti Lallo.

    RispondiElimina
  25. ... ho guardato il TG su France 24 .... non su repubblica .... ed il taglio alle notizie era di forte dubbi su quale sia la situazione reale li in giappone ... e tu sai meglio di me, che la trasparenza è solo di facciata.

    Secondo loro la situazione è ben più grave di quanto lasciato trapelare fino ad ora.

    Io fossi li mi muoverei più lontano possibile, ora ... perchè nessuno sa cosa avverrà nel breve, perchè correre un rischio inutile? .. per dimostrare cosa? tanto, come sempre, i governanti e i famigli hanno l'aereo con la scorta di caccia militari ...

    I giornali koreani anche loro descrivono la situazione piu grave delle dichiarazioni del governo giapponese.

    ciao panka

    RispondiElimina
  26. E su quali dati?
    Da fukushima c'e' gente che sta dirigendosi verso Tokyo, ma quelli hanno tutte le ragioni perche' possono trovare posti dove stare e organizzazione nei grandi centri.

    Stanno descrivendo la rava e la fava di tutto, hanno le foto via satellite della centrale su tutti i telegiornali, dubito che si possa tacere qualcosa di ancora piu' grosso di quanto accaduto.
    Stanno spiegando da ore cosa e' un meltdown e su nhk poco fa hanno ipotizzato a quali scenari si possa andare incontro nei vari reattori e quale e' il loro stato corrente.

    RispondiElimina
  27. In Francia e Korea possono scrivere quello che gli pare, tanto piu' che rilanciare Kyodo e inventarsi le cose da migliaia di km di distanza non possono.
    Noi qui abbiamo mostrato le misurazioni di radioattivita' a tokyo real time, nel periodo successivo lo scoppio si sono "beccati" 1/1000 di radiografia al torace.
    UN MILLESIMO PER QUALCHE MINUTO.

    E' facile spararle quanto tocca sempre agli altri smentire. basta metterci un forse e instillare il dubbio.

    Hanno evacuato per 20km e nel raggio di 30km ha suggerito di non uscire di casa.

    Se Tokyo ha problemi a Chiba e Narita che dovrebbero dire?

    RispondiElimina
  28. Secondo voi se sta storia finisce bene si puo fare una class action contro i giornali italiani e i telegiornali per terrorismo mediatico? ho passato l` ultima ora a calmare mio padre che ha problemi di pressione giuro che se si sente male piglio il primo giornalista inviato italiano e lo scaravento nel nocciolo. Porca puttana come mi stanno girando i coglioni

    RispondiElimina
  29. Per Mr Luca:
    In Italia molti giornalisti sono indegni.
    Non mi stupisco più di nulla,ogni argomento viene farcito di caz**ate ed inesattezze (e quelli esteri in primis). Quindi ogni notizia deve per forza essere vagliata.
    Saluti Lallo

    RispondiElimina
  30. Le persone intelligenti e responsabili sono poche. Mentre gli stupidi (e metto l'90% dei giornalisti) sono tanti che amano sia diffondere il panico sia godere della distruzione del progresso di altri o di quello che non piace (vedi i 4 scemi che non vogliono il treno dal piemonte in francia)

    E i giornalisti spingono anche i responsabili di partiti e governi a incrementare le paure.

    diranno di non andare in giappone per 10 anni
    di non comprare cibo giapponese di sterilizzare le donne giapponesi... ecc.

    per cosa? non e' peggio l'effetto del sole per due settimane alle seishelles?
    O un bagno a Capri?

    Perche' la gente non ha paura delle macchine che uccidono ogni giorno. o delle pistole o ....

    Alessandro

    RispondiElimina
  31. Almeno questa è una notizia positiva.

    Meglio lasciare perdere i giornali italiani, i titoli sono assolutamente apocalittici.

    Qui non si pensa nemmeno ai dispersi ancora da soccorrere, tutti i politici sono già sulle barricate per discutere sul futuro nucleare dell' italia :-(

    RispondiElimina
  32. Quante pretese questi emigrati, l'Italia è l'Italia, qui al solito ci dobbiamo subire roba come Studio Aperto su cui è inutile commentare,o RaiNews dove tengono 24 al giorno un presentatore cretino che manda sevizi in cinese dicendo che sono in diretta dalla TV giapponese, che tutt'un tratto se ne esce e afferma che la nube è arrivata a Tokyo e sono state contaminate 150 persone per le radiazioni anche se non sa se nella capitale o dentro la centrale a Fukushima, e che soprattutto i media giapponesi mentono sulle condizioni del reattore perche i francesi ne sono convinti.

    RispondiElimina
  33. nel mio ufficio e tra i miei amici, in Italia, tutti pensano che ora il Giappone sia una roba tipo Kenshiro, con uomini dotati di poteri sovrannaturali a causa delle radiazioni, bande di disperati che si aggirano in moto per le rovine delle città e saccheggiano tutto quello che è possibile saccheggiare.
    una civiltà finita, una nazione cancellata.
    questo grazie ai giornali italiani, che in questo ultimo anno non sono riusciti a spiegarci in modo serio nulla, dalla Libia ad appunto la situazione in Giappone.
    Grazie davvero a questo blog, altrimenti rischiavo pure io di rimanere vittima di questi sciacalli mediatici.

    danieles

    RispondiElimina
  34. A France24 era, in diretta, la conferenza della Autorità Nazionale Francese .... non un testo riportato da qualche giornalista.

    Quello che sostenevano era che:

    Non si può predirre ciò che avverrà nelle centrali nucleari, perchè la situazione è fuori controllo, i piani di emergenza sono saltati e quello che stanno attuando i coraggiosi tecnici giapponesi sono operazioni al di fuori di ogni protocollo ....

    Operazioni fuori protocollo, significa che non si ha la certezza di un esito positivo ...

    I tuoi dati, rimettili nel cassetto. Che non servono a nulla. Sono solo la certificazione di dell'esistente e non di quello che sarà.

    Non servono a nulla, perchè nessuno sa come si evolverà la situazione ..

    .. nemmeno in giappone.

    (che credi che non si parlino e confrontino, a livello operativo, con americani, francesi ed inglesi i tecnici giapponesi?)

    Quindi, la situazione è grave e che peggiori è una possibilità ... tutti speriamo di no.

    Ma una evento quelsiasi, una scossa di assestamento che provochi una ulteriore eplosione o come quella già avvenuta, della mancanza del diesel per le pompe che dovevano gettare l'acqua di mare nel reattore 2, in sostituzione di quelle d'emergenza ... farebbe precipitare la situazione ...

    Non per fare il menagramo ... ma mi sembra sia troppo presto per dire .. safe ..

    State attenti .. sopratutto se avete famiglia (e la avete)

    RispondiElimina
  35. Autorità Nazionale Francese per il nucleare naturalmente ... ed in francia le hanno le centrali ...
    panka

    RispondiElimina
  36. Grazie infinite per gli aggiornamenti.
    Ho passato giorni a vagare sul web per trovare qualche notizia direttamente da un residente, attualmente il Kyodo News e questo sito sembrano essere le uniche fonti attendibili. Le TV Italiane (ma non solo) sono incommentabili!! I politici hanno colto la palla al balzo per riapire il dibattito sul nucleare e dire cose del tipo "da noi non potrebbe mai accadere". Forse questi idioti non si rendono conto che stiamo parlando del Giappone e non del Burundi!!! Ovvero della migliore tecnologia/sicurezza presente al mondo!!! Forse dovrebbero capire che un sisma di magnitudo 9 è un evento unico e se fosse capitato in Italia/qualsiasi altra parte del mondo non ci sarebbe più nulla di cui discutere perchè tutto sarebbe andato distrutto. Per non parlare di un docente Italiano che insegna in Giappone e in collegamento ha osato lamentarsi dell'inefficienza dei Giapponesi dicendo “in una situazione simile il numero dei trasporti dovrebbe aumentare non diminuire”, ora io capisco che essere bloccati a Sendai in un momento del genere non sia una gran bella cosa ma capire l'emergenza no? capire la gravità ed apprezzare che ancora qualche mezzo di trasporto è disponibile no? Indegno di vivere in Giappone..a discapito di chi come me vorrebbe ma non può. Mi ha fatto vergognare di essere Italiana.
    Mai come in questo momento ho desiderato essere lì a condividere con il popolo Giapponese questo dolore.
    Grazie,

    Maura

    RispondiElimina
  37. i giornalisti italiani sono catastrofisti e i politici purtroppo anche peggio..non so quale categoria eliminare ormai.. ahimee...

    RispondiElimina
  38. Penso che Luca avrà già l'ultimo comunicato dell'Ambasciata Italiana

    http://tokyo40hrz.wordpress.com/2011/03/15/aggiornamento-dall%E2%80%99ambasciata-italiana-di-tokyo-15-marzo-iii/

    In qualche misura un filo confortante

    RispondiElimina
  39. Per Panka :

    Che la situazione sia precaria è ovvio!!
    Nessuno ha detto SAFE!!!
    Questo blog è scritto in Italiano o sbaglio??
    Ovvio che la situazione sia più grave di ciò che traspare ma farsi prendere dal panico non serve a nulla. I francesi dovrebbero aver mandato 12 esperti, ma in fin dei conti in situ si trovano solo tecnici Giapponesi, dove sono gli aiuti concreti per una possibile catrastrofe che se si averasse portebbe danni all'intera popolazione mondiale?? Muovessero le mani anzichè criticare i governi altrui anche perchè ora fare insinuazioni sulla scarsa trasparenze del governo Giapponese, non è di alcun aiuto.

    Maura

    RispondiElimina
  40. Ragazzi, ovvio che può succedere di tutto.
    Così come domani può succedere che benché io sia a 1000 km a Sud di Fukushima crepi lo stesso perché una macchina mi tira sotto mentre vado al lavoro in bicicletta.
    Certamente non si sa cosa succederà, ma da qui a lanciare notizie per cui Tokyo deve essere evacuata in quanto sotto a una nume radioattiva ne passa.
    Nessuno vuole minimizzare il pericolo, ma quello che non si accetta è che si mistifichi la situazione attuale, che non è come viene descritta dai media italiani.

    RispondiElimina
  41. I francesi avranno le loro opinioni sul da farsi ma secondo me cio che stanno facendo non e` produttivo per la soluzione del problema e accusare il governo giapponese di mentire non mi sembra una buona mossa.
    A che pro? In ogni caso evaquare delle metropolicome quelle giapponesi non e` possibile. Comunque mi affido alle lingue che capisco cioe l` inglese/Giapponese/Italiano.
    Ma io come dire ascolto gli esperti ma non certo quelli che sono dall` altra parte del mondo. Un po come il giornalista che si mette il giubotto antiproiettile e poi da una strada sicura fa il reportage come se fosse in mezzo al fuoco nemico.
    Come detto non e` che non stia succedendo nulla ma il panico non aiuta.

    RispondiElimina
  42. Senza malignare ma anche i francesi hanno qualche interesse:
    " "La Francia è il paese che ha il settore
    nucleare più sicuro e del resto è per questo che abbiamo perso delle
    gare d'appalto negli Emirati. Eravamo più cari perché offrivamo più
    sicurezza", ha spiegato il capo dello Stato, citato da due partecipanti
    alla riunione. Sarkozy allude alla sconfitta francese in una gara
    d'appalto a fine 2009 negli Emirati arabi uniti per un contratto da
    20,4 miliardi di dollari per la fornitura di reattori nucleari Epr"

    RispondiElimina
  43. la didascalia di questa foto sul corriere è corretta?

    http://i51.tinypic.com/2ikr6lz.jpg

    grazie
    Alessandro

    RispondiElimina
  44. l'ansa segnala un altra scossa di 6.2 gradi alle re 14:50 ora italiana e nuova esplosione in uno dei reattori.


    Vi risulta corretto ? o sono notizie vecchie ?

    RispondiElimina
  45. 放射線 大量検出 il titolo dice rilevati alti livelli di radiazioni. Ma senza leggere il contenuto mi sembra difficile capirne il significato, classico titolone di impatto, sicuramente pieno di ma ecc.

    RispondiElimina
  46. Da Italicus:

    Luca, si fa quello che si può fare. Ed io faccio con il mio,cioè con quanto le mie conoscenze mi permettono di dire e sdire. D'altronde in Giappone, avanti e indietro per vent'anni e più lo sto facendo io non chissà chi,e quello che mi vien da riportare ,senza pretese di far l'acchiappanotizie, ma soltanto dedurre in base a constatazioni ,ove sia possibile, e tanta tanta esperienza sociale alle spalle;lo faccio per contribuire a questa rubrica che si sta rivelando una finestra dalla quale possiamo vedere meglio.

    Per parlar d'altro:
    La zona tettonica attorno al Giappone ha riacquistato una nuova configurazione e le quattro placche sono ormai prossime ad aver raggiunto l'ennesinmo assestamento:quello attuale . Ora,se le mie modeste conoscenze in materia mi sostengono in questa mia breve disamina dei fatti, "rimarrebbe" un'altra placca tettonica che ,mancando all'appello, ed in concomitanza con i recenti riassestamenti geo-tettonici, dovrebbe dar notizia di sè ..
    E l'apice di spostamento potrebbe verificarsi nei perimetri tettonici strettamente interessati che io ,nei miei ruminamenti mentali, lo farei circoscrivere linearmente ai bordi a settentrione del Pacifico.
    Tocchiamoci le .....!

    La profesionalità dei tecnici giapponesi è talmente palese che dormo tra due guanciali.
    Poi,a rega', se è sculo allora è sculo!

    RispondiElimina
  47. Grazie, Luca da OSAKA; finalmente ho dati reali sulla situazione attuale a Tokyo. Da qui (Italia) sembra che entro breve diventerete tutti fosforescenti.

    RispondiElimina
  48. Luca Signorelli16 marzo 2011 09:47

    Solo un paio di considerazioni, primo, l'emissione radioattiva diretta diminuisce con la nota legge del quadrato della distanza, anche con il nocciolo esposto e facile calcolare che ad Osaka ne arriverebbe ben poca. Mà se dovesse esserci una improbabile mega esplosione tale da mandare aerosol contaminato nella stratosfera (effetto Chernobyl) con conseguente fallout radioattivo, i problemi di Osaka li avrebbe pure la California o l'Italia, e dipenderebbero dai venti e da mille alrei fattori imponderabili. Scusate, ma se vivevate negli anni 50 o 60 all'epoca degli esperimenti termonucleari nell'atmosfera, cosa facevate, vi suicidavate?

    RispondiElimina
  49. XAnonimo ringrazia mamoru e` lui che sta macinando tutta questa mole di dati.

    XLuca signorelli, conosciamo la legge del quadrato della distanta e idem le problematiche se ci fosse un aerosol contaminato.
    Come vedi il nostro blog tente a dare delle notizie di pura informazione cioe dati, ogniuno poi li puo analizzare e valutare di testa sua.
    Come poi spero tu abbia capito questi posto sono controllo la macchina del terrorismo mediatico attiva in Italia.

    RispondiElimina
  50. Siete fantastici ragazzi!!^_^

    RispondiElimina

I commenti sono liberi e senza moderazioni perciò in generali il commento passa in automatico ma potrà essere segato se:
-Spam
-Offensivo o sfondo sessuale
-OT

Si avvisano inoltre gli anonimi che anche a loro è permesso commentare ma in questo blog abbiamo un sistema gerarchico basato sui contributi nei contenuti. Un utente conosciuto e accreditato verrà trattato come un essere umano e avrà diritto a uscite anche antipatiche ma gli utenti nuovi e anonimi sono pregati di leggersi il blog prima di attaccarmi per un singolo post o una piccola serie. Nel caso degli anonimi essendo anonimi saranno considerati sempre dei nuovi arrivati. Il loro stato di anonimato li mette già nella condizione di essere considerati dei Troll. Avranno la loro possibilità di commentare ma nel caso risultino antipatici al sottoscritto verranno presi a pesci in faccia perché anonimi. Quindi suggerimento ai lettori nuovi arrivati, evitate l`anonimato basta un Nick mica altro e fatevi conoscere con dei contributi intelligenti allora le vostre parole saranno prese in considerazione anche quando mi attaccate.